Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 29 Novembre 2020

Al Di Meola incanta con la musica dei Beatles

IMG_0673

 

Una attesa ampiamente ripagata. Al Teatro Politeama di Catanzaro sabato sera, nell’ambito del Festival d’Autunno, diretto da Antonietta Santacroce, il pubblico accorso ad assistere al concerto di Al Di Meola ha vissuto una nuova serata di grande musica.

“Al Di Meola plays Beatles and more” recitava il titolo dello spettacolo, e in oltre due ore di concerto si è ascoltata tutta la qualità che il chitarrista da sempre è capace di esprimere. Le grandi melodie dei brani selezionati dal repertorio dei Fab Four si è alternata ad alcune delle più belle composizioni dello stesso Di Meola. Sfumature di flamenco e tango si sono mescolate ai virtuosismi di un musicista che riesce ad eseguire scale velocissime e le cui mani si muovono rapidissime.

Caratteristiche ancora più evidenti nel soundcheck “infinito” effettuato nel pomeriggio davanti agli occhi increduli dei musicisti catanzaresi intervenuti per cercare di carpire i segreti del loro idolo.

“Being for benefit of mr. Kite” è stato il biglietto di presentazione di un tour e di un artista che ha scelto Catanzaro per la sua nuova avventura europea. Anche se privo del quartetto d’archi, che si aggiungerà in seguito, l’inizio è di quelli mozzafiato. Ma è con il loro ingresso che tutto assume una maggiore profondità.

“Strawberry fields forever” è magia pura nelle sue mani. Non l’unico momento di quel tipo nel corso dell’intero concerto. L’approccio di Al DiMeola alle composizioni di Lennon e McCartney non è stato “rivoluzionario” ma comunque personale. Pur senza una vera sezione ritmica si è assistito ad una eccellente presenza del suono, con gli archi pronti a dare la giusta “potenza”.

La World Simphonia composta da Peo Alfonsi, alla seconda chitarra, Fausto Beccalossi, all’accordion, Peter Kaszas, alla batteria, Gergely Kuklis, al violino, Gábor Csonka, al violino, Gyula Benkő, alla viola, e András Sturcz, violoncello ha contribuito in maniera notevole a rendere tutto ancora più perfetto. Impressionante l’apporto di Beccalossi, il quale ha “disegnato” con Di Meola tutte le melodie e ha contribuito a rendere più preziosa ogni sfumatura. Stesso dicasi per Peo Alfonsi che non si è lasciato “intimidire” dalla vicinanza del Maestro.

Tecnica classica e influenze latine, senza disdegnare improvvisazioni di stampo jazzistico, sono state la base su cui sono stati eseguiti tutti i brani della scaletta. “Misterio”, “I am the walrus”, “A day in the life”, “Double concerto”, “Eleanor Rigby”, “Cafè 1930”, “Turquoise” tra i momenti più intensi. Romantica, quasi da passeggiata lungo la Senna, “And i love her”. Durante il bis richiesto a gran voce, il capolavoro “Mediterranean sundance” e l’inevitabile “She’s leaving home”. Un saluto caloroso al proprio pubblico che dopo il concerto ha avuto la possibilità di ricevere l’autografo o di scattare una foto insieme al loro beniamino.

“Al Di Meola – ha dichiarato Antonietta Santacroce – è l’essenza della musica. Considerarlo solo virtuoso significa nascondere il grande pathos che riesce a trasmettere a chi lo ascolta”.

Il Festival d’Autunno non è solo musica. Giorno 15 ottobre, al Teatro Politeama di Catanzaro, “La questione Dio oggi. I giovani è la fede” il primo dei tre appuntamenti culturali previsti nel cartellone. Il cardinale Camillo Ruini, presidente dei vescovi italiani e vicario del Papa per la diocesi di Roma, traccerà un itinerario verso Dio per persone che sono in cerca di lui o che vogliono verificare le ragioni della propria fede. Con lui don Armando Matteo, docente di Teologia fondamentale presso la Pontificia Università Urbaniana in Roma. A moderare la conversazione sarà Antonio Cavallaio, ufficio stampa di Rubbettino Editore.

Per i prossimi concerti di Margarida Guerreiro, ray Gelato e per l’operetta Cin Cin La sarà possibile acquistare i biglietti presso la segreteria del Festival d’Autunno sita in Via Spasari, 15, Catanzaro (dietro le Poste Centrali), ma anche on line, con carta di credito e Postepay, sul sito www.festivaldautunno.com, e presso le prevendite autorizzate.

La segreteria resterà aperta dalle ore 10,00 alle 13,00 e dalle ore 16,30 alle 19,30 di tutti i giorni escluso la domenica. Per ottenere maggiori informazioni è attivo il numero telefonico 388.8183649 e la mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Nei giorni in cui si effettueranno i concerti, i biglietti potranno essere acquistati al mattino presso la sede e nel pomeriggio direttamente presso la biglietteria del Teatro Politeama.

 

Prevendite:

 

Catanzaro:

Segreteria del Festival d’Autunno

Via Spasari, 15 (dietro le Poste Centrali)

Apertura da lunedì a sabato: orario 10,00 – 13,00 / 16,30 – 19,30

Info:

cell.: 388.8183649

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Biglietteria on line:

www.festivaldautunno.com

 

Catanzaro Lido:

Tabacchi Mancuso

c/o Bar Centrale

Piazza Garibaldi

Tel. 0961.33730

 

Soverato:

Quelli del Toto

Corso Umberto, 220

Tel. 0967.521189

 

Cosenza:

In Prima Fila

Via F. Alimena, 4/b

Tel. 0984.79569

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI