Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Ottobre 2021

Platania - Gravi le condizioni dei giovani d'oggi

È ormai diventato un imperativo categorico per la parrocchia della Chiesa del Redentore di Lamezia Terme (Cz) dedicare momenti incisivi al valore e alla dignità delle giovani vite spezzate traendo spunto dalla statua del Redentore, scolpita nel 2006 dall’ artista Maurizio Carnevali dietro committenza dei coniugi Lina Latelli e Lillino Nucifero, che la diedero in dono alla comunità parrocchiale in memoria della giovane figlia Alida, scomparsa per errore medico il 24 agosto 1999, e delle giovani vite spezzate. La celebrazione della Santa Messa, ai piedi della statua del Redentore, officiata dal parroco don Armando Augello, è stata un’occasione per meditare e riflettere sulla vita dei giovani stroncata anzitempo e attingere da essa un messaggio di speranza e di miglioramento delle gravi condizioni in cui versano i giovani di oggi a causa delle criticità dell’attuale sistema educativo. E proprio su questa problematica si è soffermato il parroco della Chiesa del Redentore don Armando Augello durante la Santa Messa invitando le numerose persone presenti a meditare sul delicato e grave compito educativo e formativo dei giovani al quale sono deputate la famiglia, la chiesa, la scuola e le istituzioni civili e culturali senza però che queste ultime si sostituiscano alla famiglia. « I figli sono lasciati soli dai genitori - ha detto don Armando nel momento in cui sono state rivolte al Signore delle preghiere per i giovani – che delegano ad altri la propria responsabilità educativa. Come possiamo colmare - ha continuato - gli attuali vuoti e le assenze? Come liberare ragazzi e giovani da ambienti di violenza o solitudine o di plagio, miti e illusioni, di vissuti virtuali facili a gestirsi: disimpegno, consumismo in cui li facciamo crescere? Come riappropriarci della cura dei giovani che affidiamo ad un mondo di agenzie, di benessere e funzionalità non deputate all’attenzione dovuta al cuore, alla mente, alla coscienza, alla educazione della libertà e della dimensione trascendentale della persona umana?». L’indifferenza nei confronti dei giovani è causa spesso dei disastri di sballo e sbando dinnanzi ai quali si commette «l’ulteriore errore – ha aggiunto don Armando - di categorizzare i giovani in una delle liste di disagio. Quando un giovane si sente categorizzato è ancora più finito e cade nella depressione o nelle rivalse o nella voglia di sfascio: si immedesima con la categoria e in essa si giustifica». Da qui la necessità di considerare i giovani singolarmente avvicinandoli, amandoli, cercando di risolvere i loro problemi e inculcare in loro il culto della vita». Solo cosi si possono affrancare dai soprusi di chi si serve di loro per i propri guadagni e permettere loro di vivere una vita migliore. Ancora a quarant’anni i giovani vanno alla ricerca di un lavoro e finiscono per morire lentamente. «Speriamo - ha concluso - che la Chiesa in questi dieci prossimi anni possa ricoprire il suo ruolo educativo senza però sostituirsi ai genitori». Alla celebrazione della Santa Messa è seguito il concerto-spettacolo “La umana commedia dentro gli universi di Fabrizio De Andrè”, che a causa del maltempo, si è tenuto in chiesa, anziché all’aperto come era stato programmato. Prima dell’ inizio del concerto- spettacolo, la poetessa Lina Latelli ha letto delle poesie tratte dal suo ultimo libro “ Ali riflesse nel sole” per offrire ai giovani scomparsi un ulteriore tributo. È seguito subito lo spettacolo – concerto che è stato ideato e realizzato da Tonino Falvo, Lorenzo Di Cello e Claudio Fittante e che ha permesso di riscoprire il mondo interiore esplorato da Fabrizio De Andrè. Fin dal primo impatto gli attori, i cantanti e i musicisti hanno conquistato letteralmente il vasto pubblico presente che ha saputo apprezzare le loro abilità artistiche. Tante dunque le emozioni suscitate dalle parole inneggianti ai valori della vita e dalla meravigliosa musica di De Andrè che, eseguita perfettamente dal Complesso, ha trasportato tutti gli spettatori in magiche atmosfere. L’opera pertanto si è rivelata una sintesi meravigliosa di pensiero forte che nella viva e piagata commedia umana ha fatto vibrare le corde dell’anima nell’ universo luminoso di note di molteplici strumenti.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI