Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 24 Gennaio 2022

Ancora una volta cenurata la condotta dell’Asp di Catanzaro

Il Tribunale di Lamezia Terme, in composizione collegiale, con ordinanza del 19 aprile 2012, ha ribadito, ancora una volta, che la dott.ssa Mariannina Amato deve essere reintegrata a svolgere le mansioni di psicologa.

Il Tribunale Lametino, ritenendo fondato l’impianto difensivo della ricorrente, ha accolto le puntuali difese degli avv.ti Anselmo Torchia e Giuseppina Izzo ed ha ordinato all’Azienda Sanitaria catanzarese di riassegnazione la dott.ssa Amato a svolgere le mansioni di psicologa, svolte in precedenza, stabilendo altresì che in mancanza di esecuzione spontanea sarà il Prefetto di Catanzaro, in qualità di commissario ad acta, a darvi esecuzione.

La vicenda trae origine dal demansionamento posto in essere dall’ASP di Catanzaro che aveva ordinato alla dott.ssa Amato di abbandonare il proprio lavoro di psicologa per sopperire alle carenze di organico dell’U.O. di Riabilitazione del Nosocomio lametino.

La dott.ssa Amato pertanto si era rivolta al Giudice del Lavoro del Tribunale di Lamezia Terme per far accertare il suo diritto ad essere reintegrata a svolgere il proprio lavoro di psicologa.

Il Tribunale di Lamezia Terme aveva dunque ordinato la immediata reintegra della lavoratrice.

Comando giudiziale rimasto inevaso dalla Azienda Catanzarese che, pur di non ottemperare, ha soppresso il Servizio di Screening al quale la ricorrente avrebbe dovuto essere riassegnata.

Condotta che il Tribunale lametino ha censurato (condannando inoltre l’Azienda alla refusione delle spese di lite) stabilendo che: “in materia di rapporto di impiego pubblico contrattualizzato la P.A. datrice di lavoro è tenuta al rispetto dell’obbligo di correttezza e buona fede; obblighi che certamente non sono stati rispettati dall’ASP nella vicenda in oggetto poiché ha revocato il Progetto cui la dr.ssa Amato sarebbe dovuta essere assegnata quale Responsabile, pur di non ottemperare alla pronuncia emessa dal Tribunale di Lamezia Terme il 05.07.11.”

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI