Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 02 Luglio 2020

EDF Fenice chiarisca quali sono i problemi strutturali che provocano l'inquinamento delle falde

La Ola, Organizzazione Lucana Ambientalista, in vista della prossima Conferenza dei Servizi, chiede di conoscere da EDF- Fenice, proprietario dell'inceneritore di San Nicola di Melfi, quali sono i problemi strutturali dell?impianto, tali da aver provocato l'inquinamento delle falde idriche che presenterebbero valori eccedenti per alcuni inquinanti (nichel). La Ola evidenzia come è dal lontano dicembre 2007 che i parametri dei pozzi di ispezione risultano fuori limite per diverse sostanze. Si è dovuto attendere il 12 marzo 2009 affinché la società EDF Fenice si "autodenunciasse" e solo dopo che l'Arpab, pur a conoscenza dello stato dell'inquinamento, il 3 marzo 2009 desse corso a quanto previsto dall'art. 244 del Decreto Legislativo n. 152/2006, nonostante la  stessa legge preveda di comunicare alle autorità competenti entro 24 ore dall'evento le misure di prevenzione e sicurezza attuate per fronteggiare l?inquinamento.

Perché non sono state rese note le cause che provocano linquinamento ? Forse per non sospendere il ciclo produttivo della di termodistruzione dei rifiuti?

A distanza di diversi anni - ribadisce la Ola - le preoccupazioni dei cittadini non possono essere tacitate con generiche rassicurazioni circa lo stato della bonifica, senza esplicitare e rimuovere le cause strutturali che provocano l'inquinamento delle falde, se è vero, come è vero, che l?impiantistica relativa  alla inertizzazione delle ceneri dell'impianto EDF Fenice è ferma dal mese di Aprile del 2010 e le ceneri prodotte dall?ottobre 2009 (codice CER 190113) vengono trattate presso un impianto di Brescia con proroga concessa dalla Provincia di Potenza fino al mese di Aprile del 2011.

La Ola in proposito ritiene doveroso che si rendano noti i dati con immediatezza al fine di monitorare con attenzione l'evoluzione dello stato dell'inquinamento di cui si chiede ad EDF Fenice di chiarirne le cause e si provveda, a cura degli enti competenti, a redigere e rendere noto pubblicamente un nuovo piano di monitoraggio ambientale con i parametri degli inquinanti rilevati e la cadenza dell?effettuazione delle analisi stesse includendo anche le nuove barriere di protezione realizzate attorno all'inceneritore.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI