Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 30 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:839 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1334 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1543 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1153 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1218 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1242 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1493 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1627 Crotone

“Ho partecipato  - riferisce Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria - al Convegno a Roma della  Fondazione “Osservatorio Agromafie”, il cui comitato scientifico è presieduto da Gian Carlo Caselli, finalizzato ad elaborare una proposta per contrastare il caporalato nel lavoro che è un tema di grande e costante attualità nella nostra Regione. E’ stata una riflessione congiunta coordinata da Giovanni Salvi (procuratore Generale della Cassazione) che ha visto la presenza di autorevoli rappresentanti delle Istituzioni. Si è affrontato in maniera concreta la situazione di vulnerabilità e marginalità nella quale versa un segmento consistente di cittadini stranieri oggi a rischio di grave sfruttamento lavorativo in ambito agricolo. Sfruttamento che si riflette sulla competitività delle imprese che rispettano le regole e sulle condizioni di lavoro anche del non migrante. E’ stata elaborata e presentata – informa - una proposta sostenibile, coerente ed innovativa che vuole avvalersi degli strumenti previsti nell’attuale ordinamento, della collaborazione interistituzionale e del coinvolgimento diretto delle associazioni datoriali e dei lavoratori.  La proposta si fonda sui seguenti cardini:1) rafforzare il sistema esistente utilizzando gli strumenti di Programmazione e definizione delle quote di ingresso per lavoro stagionale e contribuire ad una definizione puntuale del fabbisogno di lavoro stagionale (non solo in agricoltura) attraverso una previsione specifica di fabbisogno per aree determinate e collegarlo ad altre richieste di lavoro stagionale, nella stessa area o in aree vicine, in maniera da assicurare una continuità del rapporto lavorativo del dipendente stagionale; 2) far emergere le situazione di marginalità (irregolarità) e lavoro nero riscontrate e che riguardano i lavoratori in agricoltura che versano in condizioni di irregolarità amministrativa e coloro i quali da anni presenti e attivi nel nostro Paese in qualità di richiedenti asilo si ritrovano, in qualità di diniegati o in assenza di rinnovo del titolo di soggiorno per motivi umanitari, in una situazione di strutturale precarietà e potenziale ricattabilità. In questo caso si tratterebbe di prevedere strumenti di emersione su base individuale, diversi dai provvedimenti straordinari di regolarizzazione generalizzata (cd. sanatorie), come ad esempio: regolarizzazione ad personam temporanea e condizionata attraverso l’introduzione nel TU sull’immigrazione di un permesso di soggiorno per lavoro stagionale per i migranti irregolari in agricoltura che consenta di avviare al lavoro il migrante irregolare, individuato attraverso l’intermediazione delle associazioni di categoria per il lavoro stagionale e che accetti la condizione di ritorno al paese di origine al termine del periodo massimo di lavoro (9 mesi) ma con la possibilità di ottenere il visto di ingresso per successivi periodi analoghi e anche per più annualità come la normativa attuale prevede.3) promuovere interventi atti a contrastare la presenza del caporalato e volti a sostenere i lavoratori stagionali in varie sfere (dal trasporto all’alloggio) da realizzarsi sotto la regia dell’ente locale e con il supporto delle realtà del terzo settore. Tra gli interventi realizzabili: l’accompagnamento all’inserimento abitativo (temporaneo) per i lavoratori stagionali in agricoltura attraverso l’accoglienza diffusa in appartamenti; lo sviluppo di progetti di rigenerazione urbana, realizzando interventi innovativi di social housing in cui i servizi abitativi divengono parte integrante delle politiche sociali – complementarietà tra sicurezza, solidarietà, coesione sociale e lavoro; pianificazione dei trasporti, orientamento ai servizi ecc.E’ una proposta – conclude Aceto –che serve a  migliorare la disciplina e gestione del lavoro stagionale, al fine di assicurare condizioni di lavoro dignitose e legali, e, al tempo stesso, di consentire alle imprese agricole di sostenere la concorrenza internazionale.

Sta per concludersi la missione a Dubai e a Lisbona del presidente della Camera di Commercio di Catanzaro Daniele Rossi rivolta alla ricerca e promozione di nuove opportunità di business internazionale per le imprese della provincia di Catanzaro.

Dopo gli incontri tenutisi nel corso della fiera internazionale Gulfood, Rossi ha concordato con Mauro Marzocchi, segretario generale della Camera di Commercio italiana negli Emirati Arabi Uniti, in vista della fiera Speciality Food che si terrà a Dubai dal 6 all’8 aprile prossimi, è stato concordato un piano di incontri di presentazione tra i buyer che parteciperanno all’evento e le imprese catanzaresi che vorranno esporre i propri prodotti.

Ma non sarà solo il food al centro degli accordi di promozione con la porta verso il Medioriente: anche il settore digitale sarà protagonista di una specifica iniziativa della Cciaa di Catanzaro sul palcoscenico mondiale dell’Expo Dubai 2020 che prenderà il via a ottobre prossimo.

Lo stesso interesse dimostrato dal Medioriente verso le imprese calabresi è stato condiviso anche dal presidente della Camera di Commercio italiana in Portogallo Santi Cianci e dal suo segretario generale Marcello Menichetti (in foto assieme al presidente catanzarese), che Rossi ha incontrato oggi nella capitale lusitana: «C’è forte attenzione alla produzione enogastronomica calabrese. Inoltre, come già emerso nei contatti con il presidente della Camera di Commercio italiana in Albania, c’è richiesta anche dal Portogallo per quanto riguarda dei collegamenti aerei più rapidi e diretti. Questo tipo di infrastrutture non solo sarebbero necessarie alle aziende di entrambi i Paesi, ma soprattutto sarebbero uno stimolo importantissimo ai piani di sviluppo del turismo nell’ottica di diversificazione e destagionalizzazione dell’offerta. Ecco, su questi temi vorrei confrontarmi subito con il presidente del CdA di Sacal per capire quali azioni mettere in campo per rispondere ad esigenze così chiare e importanti», ha commentato Rossi.

Quanto alle iniziative a cui la Camera di Commercio di Catanzaro rivolgerà la propria attenzione, particolare riguardo sarà dato alla Settimana della Cucina Italiana, che si svolgerà in Portogallo nel prossimo mese di ottobre, e la fiera alimentare di marzo 2021 che saranno al vaglio dalla Giunta camerale già nelle prossime settimane.

Cinema e musica un binomio inscindibile, una liaison che si “nutre” vicendevolmente. I commenti sonori in molti casi hanno segnato scene famose dando loro una “luminosità” maggiore che le ha consegnate alla storia. Ieri sera al Teatro Comunale di Catanzaro è andato in scena un interessante progetto dedicato a Federico Fellini nel centenario della sua nascita. “Satyricon”, ideato da Mauro Campobasso e Mauro Manzoni, inserito nel cartellone della rassegna catanzarese di AMA Calabria, diretta da Francescantonio Pollice, può essere considerato un coraggioso atto d’amore nei confronti del regista riminese.

Le appassionate parole di Campobasso hanno introdotto il concerto in cui è apparsa evidente la cura con cui è stata pensata la sonorizzazione e l’estrema attenzione nel montaggio delle immagini. Un rispetto profondo quello del quartetto composto da Campobasso, alle chitarre, Manzoni, al sassofono tenore e soprano, Gaia Mattiuzzi, alla voce, e Walter Paoli, alla batteria. Ognuno di loro ha integrato effetti elettronici che hanno caratterizzato maggiormente l’esibizione.

Su un palco quasi privo di luce il tema di “Amarcord” in versione originale, non eseguita dal quartetto, ha catturato da subito l’attenzione del pubblico. In ogni immagine, montata come fosse un unicum, è stato proposto il mondo onirico e surreale raccontato da Fellini nei suoi film, alternato da frasi di Baudelaire e Jung, tra gli altri. Una proiezione sottolineata da una sonorizzazione completamente pensata per esaltare il fascino di ogni sequenza. Alle composizioni raffinate e descrittive del duo Campobasso e Manzoni sono stati aggiunti brani di altri autori riletti in modo del tutto personale.

Di grande impatto “Big in Japan”, di Tom Waits, con il suo arrangiamento percussivo e la sofisticata “Harvest moon”, molto più vicina per concezione alla versione di Cassandra Wilson che a quella originale di Neil Young. In entrambe la voce di Gaia Mattiuzzi ha saputo dare le giuste vibrazioni, legandosi perfettamente alle immagini. Così come l’elettrica “Lady Marmalade”, lontana dai canoni disco delle Labelle.

In ogni frame di “La dolce vita”, “I vitelloni”, “Casanova”, “Lo sceicco bianco”, “Satyricon”, “Ginger & Fred”, “I clowns”, solo per citarne alcuni tra quelli proposti, sono emerse reminiscenze di un cinema indimenticato. I volti di Marcello Mastroianni, Alberto Sordi, Giulietta Masina, Roberto Benigni, Claudia Cardinale, sono ancora oggi ben impressi nei ricordi di tutti, quanto la scena notturna delle moto. Memorie che appartengono alla nostra cultura.

La matrice jazz dei musicisti si è fatta apprezzare anche per l’eclettismo con cui hanno affrontato generi diversi o, comunque, meno affini. Tutto creato per interagire in maniera perfetta con le immagini. A dimostrazione che l’arte del cinema e della musica sono fatte per creare superbe emozioni. Le stesse vissute dal pubblico che alla fine ha tributato un caloroso e lungo applauso.

La stagione catanzarese di AMA Calabria continuerà giorno 20 febbraio con “Dall’Inferno all’Infinito”, che vedrà Monica Guerritore impegnata sul palcoscenico del Teatro Comunale di Catanzaro in uno spettacolo che unisce testi tra loro apparentemente inconciliabili. Da Dante a Flaubert fino a Leopardi sarà un viaggio che condurrà lo spettatore all’interno di un viaggio intimistico nell’animo umano.

È stata inaugurata stamane, alla stazione centrale di Lamezia Terme, la prima delle tredici tappe del Treno Verde 2020, la storica campagna itinerante promossa da Legambiente e dal Gruppo FS Italiane, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

La trentaduesima edizione vede come tema portante la sfida Change Climate Change: raccontare le cause e gli effetti della crisi climatica, ma soprattutto raccontare come sia possibile cambiare il cambiamento climatico a partire dalle buone pratiche avviate sui territori. 

È la prima volta che il Treno Verde sosta nella città calabrese. Al taglio del nastro hanno partecipato Katiuscia Eroe, portavoce del Treno Verde,  Domenico Scida, direttore regionale di Trenitalia, Caterina Cristofaro, direttrice di Legambiente Calabria, Francesco Carluccio dell'area tecnica del consorzio Ricrea, Paolo Mascaro, sindaco di Lamezia Terme, Franco Dattilo, assessore comunale all'Ambiente, Domenico Pappaterra, direttore generale di ARPACAL, Elenio Avolio, del CNR ISAC Lamezia e Francesco Belmonte, direttore generale della CIA.

Il convoglio ambientalista – il cui viaggio è reso possibile anche grazie ai partner sostenitori AzzeroCO2 e Ricrea (Consorzio nazionale riciclo e recupero imballaggi acciaio), e i partner Ecowell, Formaperta, Zeropac, Italia Zuccheri, con il media partner La Nuova Ecologia – sarà in sosta a Lamezia fino a martedì 18 febbraio.

“I cambiamenti climatici vanno trattati come una vera e propria emergenza – ha dichiarato la portavoce del Treno Verde, Katiuscia Eroe – oltre alle azioni concrete e lungimiranti dobbiamo interpretare questa emergenza anche come un'opportunità di rilancio per i territori del nostro Paese. Oggi ci sono strumenti per riqualificare le nostre città, risorse per uscire dalla dipendenza da fonti fossili. L'Italia necessità di coraggio”.

“Il tema dei cambiamenti climatici ci coinvolge tutti, nessuno escluso – ha affermato Caterina Cristofaro, direttrice di Legambiente Calabria – occorre cambiare radicalmente mentalità, adottando strategie che ci permettano di sostituire l'uso di combustibili fossili con le fonti rinnovabili. Una di queste strategie dev'essere incentrata sul forte incentivo all'agricoltura biologica, che non sfrutta e impoverisce il nostro sottosuolo con l'eccessivo uso di sostanze chimiche, e può contribuire alla trasformazione del sistema economico attuale in economia circolare. In Calabria esistono realtà virtuose, come Fattoria della Piana, che ha associato la tradizione casearia alla tecnologia, producendo biogas dagli scarti del caseificio e dal letame, e divenendo la più grande centrale agro energetica della Calabria. Ma possiamo menzionare anche Calabria Maceri che ha ideato un impianto per trasformare il rifiuto organico in biogas”.

Educazione ambientale, monitoraggi scientifici approfondimenti caratterizzano il percorso a bordo del treno, al cui interno è allestita una speciale mostra per la formazione e la sensibilizzazione di studenti e cittadini di tutte le età. Le quattro carrozze espositive saranno aperte di mattina per le scuole prenotate, mentre dalle 16 alle 18.30 l'ingresso è libero. 

Quattro temi del percorso-mostra sul treno – tra loro complementari e legati alla crisi climatica – caratterizzeranno le attività su ciascuna carrozza. Nel primo vagone, l'emergenza climatica è globale e interconnessa, con uno spazio dedicato all'analisi generale delle cause e degli effetti del fenomeno; a bordo della seconda, invece, la soluzione è locale e interconnessa, e vede sul tavolo le risposte per fronteggiare l'emergenza sui singoli territori; sulla terza, una #rievoluzione ci salverà, con uno spazio dedicato alle nuove generazioni scese in piazza per salvare il Pianeta; la quarta, infine, parte dalla domanda – cosa possiamo fare noi? – per riflettere sull'importanza delle scelte nella vita quotidiana, dai nostri consumi e comportamenti all'importanza dell'informazione e dell'impegno diretto.

 

Anno nuovo, nuove intese per Fondazione Astrea. Dopo un 2019 ricco di incontri, partnership ed accordi istituzionali, anche il 2020 si apre all’insegna della collaborazione con Enti ed Istituzioni che insistono sul territorio, in particolare quello calabrese.

E’ stato siglato quest’oggi, difatti, il protocollo d’intesa con l’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catanzaro. Il direttore amministrativo di Fondazione Astrea, Massimo Ranieri, per delega del presidente Manlio Caruso, ha incontrato il presidente dell’Ordine dei Commercialisti ed esperti contabili di Catanzaro, Rosamaria Petitto, presso la sede dell’Ordine, per l’ufficializzazione di un documento alla cui intesa si era giunti già nella scorsa primavera.

Con questa firma, Fondazione Astrea apre le porte della sua sede, a Palazzo Mottola nel cuore di Catanzaro, e del suo salone intitolato al giudice Livatino, oltre che mette a disposizione le sue risorse didattiche e scientifiche, per ogni iniziativa dell’ODCEC di Catanzaro. Altrettanto i Commercialisti svilupperanno varie forme di collaborazione con la Fondazione tra cui percorsi di aggiornamento professionale, attività di alta formazione, progetti di ricerca e tavoli di concertazione.

Il sodalizio troverà concretezza già nel prossimo mese di febbraio, durante il quale L’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili e Fondazione Astrea organizzeranno congiuntamente un convegno dedicato ad imprese e legalità ed un importante corso di aggiornamento professionale.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI