Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:827 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1461 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:990 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1688 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2444 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1956 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1947 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1897 Crotone

Dall'Isonzo al Piave

Ripubblicata l’amplissima inchiesta condotta nel 1918-’19

per indagare cause e responsabilità di Caporetto

caporetto

L’impressione è poderosa. Due volumoni, un Cd, 50 pagine d’introduzione, quasi mille pagine fra testo, tavole, carte geografiche. Il titolo parla da solo: Dall’Isonzo al Piave. È la relazione della commissione d’inchiesta che fu istituita con regio decreto nel gennaio 1918, per indagare su “Le cause e le responsabilità degli avvenimenti dall’Isonzo al Piave”, ossia dallo sfondamento austro-germanico verso Caporetto, alla difesa a oltranza attuata sulla riva destra del Piave. Tutto, fra il 24 ottobre e il 9 novembre 1917. Fu allora, e permane nell’immaginario collettivo, la più grave sconfitta patita dall’Italia unita. Venne, però, una formidabile capacità di tenuta prima, di ripresa poi: un anno di conflitto, e si giunse all’armistizio segnante la vittoria, dopo che era stato palese che avrebbe vinto colui che più dell’avversario fosse durato.

La commissione d’inchiesta lavorò fino al giugno 1919, tenendo quasi 250 sedute. Produsse una relazione finale, pubblicata in due volumi, il primo dedicato a un “Cenno schematico degli avvenimenti”, il secondo a “Le cause e le responsabilità degli avvenimenti”. Sono i due tomi che, meritoriamente, l’Ufficio storico dello Stato maggiore dell’Esercito oggi ripropone, fornendo uno strumento prezioso agli studiosi (o anche ai semplici interessati) di storia, e di storia militare in ispecie,.

La cura dell’opera è stata affidata al Capo dell’Ufficio storico, il colonnello Antonino Zarcone, e allo storico Aldo A. Mola. Il primo studioso stende la sezione della prefazione intitolata “Da Caporetto a Vittorio Veneto”, il secondo l’altra sezione, “Come una grande battaglia perduta nella Grande Guerra infine vinta divenne sinonimo di morbo congenito”. Al prof. Mola abbiamo posto alcune domande.

 

Era necessario riprodurre due simili corposi tomi, che a qualche maligno darebbero l’impressione di un poderoso mattone?

Da tempo l'Inchiesta su Caporetto era irreperibile anche nelle biblioteche pubbliche meglio fornite. Però viene spesso citata, di seconda e terza mano, da “studiosi” che la menzionano come capo d'accusa contro i militari, la monarchia, lo Stato. Nel centenario della Grande Guerra sono pubblicate cartoline, lettere, cianfrusaglie. Meglio riportare all'attenzione opere che hanno fatto la Storia, documenti frutto di lunghe indagini, com'è appunto l'Inchiesta.

 

Ci fu un responsabile unico di Caporetto?

In guerra si perdono battaglie. L'importante è la vittoria finale. Nella Grande Guerra l'Italia infine vinse. A Caporetto persero in molti, a partire da Cadorna, che non impose a Capello e a Badoglio di arretrare le difese e non capì che gli austro-germanici, liberi sul fianco della Russia, stavano davvero per scatenare l'inferno. Travolgere l'Italia prima dell'inverno voleva dire chiudere la partita prima che gli Stati Uniti gettassero sulla bilancia il peso della loro immensa forza economico-militare. Ma chi si rivelò al di sotto della sua parte fu il governo: il presidente Paolo Boselli e soprattutto il ministro degli esteri, Sidney Sonnino, il quale del corso della guerra comprese poco. Ancora nel 1918 era convinto che l'Impero asburgico sarebbe sopravvissuto alla sconfitta.

Fu un errore avviare l’inchiesta?

Fu una tragedia. Non si mette sotto inchiesta l'Esercito mentre combatte. L'8 novembre 1917, quando la ritirata si era già mutata in “battaglia d'arresto” sul Piave, re Vittorio Emanuele III spiegò a Peschiera quel che l'Italia aveva e avrebbe fatto, con Armando Diaz al Comando supremo. L'Inchiesta fu una follia, come la condanna a morte degli ammiragli che avevano perso la battaglia navale alle Arginuse: Socrate votò contro. Un Paese serio non mette sotto inchiesta chi combatte. Fa quadrato, come indicò Giovanni Giolitti (dipinto come neutralista o addirittura pacifista dai male informati) nel suo intervento alla Camera dopo Caporetto.

Le conclusioni erano sbagliate?

Sì, perché misero alla gogna i “militari” ed elusero le responsabilità gravissime dei governi (Salandra e Boselli), che non contrastarono il pacifismo peloso né dei cattolici, avallati da papa Benedetto XV (che definì la guerra “inutile strage”), né dei socialisti (“non un altro inverno in trincea”), come deplorato da Cadorna in ben quattro lettere al Governo, rimaste senza risposta. Ma il vero assente fu il Parlamento. Il primo eletto a suffragio universale maschile, a conferma che il diritto di voto non è tutto.

Chi ringraziare per quest’opera, prima confinata in biblioteche, e di difficile reperibilità antiquaria?

Anzitutto, l'Ufficio storico dello Stato maggiore dell'Esercito, che si sta prodigando per documentare la Grande Guerra. In secondo luogo, alcune realtà “di provincia” ma molto sensibili alla “grande storia”. È il caso della Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo, presieduta dal professor Giovanni Rabbia, che già ha sorretto la pubblicazione dei cinque volumi Giovanni Giolitti al Governo, in Parlamento, nel Carteggio e di Mussolini a pieni voti. E poi il Centro Giolitti di Dronero/Cavour e l'Associazione di Studi sul Saluzzese.

Quali novità propone questa edizione per la storia militare?

Il Capo dell'Ufficio Storico dello SME, colonnello Antonino Zarcone, esamina con maestria l'anno dalla “rotta di Caporetto” alla battaglia del Solstizio e all'offensiva italiana conclusa con Vittorio Veneto e la resa dell'Impero austro-ungarico. Documenta che l'Italia fece quasi tutto da sola. Vinse per sé e per gli “alleati”, che però non mostrarono molta gratitudine. Mentre dilagava la polemica sulla “vittoria mutilata”, l'Inchiesta buttò benzina sul fuoco. Il col. Zarcone lo spiega anche nell’importante, documentatissima biografia del generale Roberto Segre, ora edita dall'Ufficio storico dello Stato maggiore dell’Esercito. L'Inchiesta fu un'opera per molti versi agghiacciante (vi si dà conto dell'azione dei tribunali militari, di condanne a morte, esecuzioni, decimazioni, repressione sanguinosa di ammutinamenti), ma è anche “pedagogica”. Bisogna leggerla per capire che cosa fu la “Guerra della Nazione”: formula di Aldo G. Ricci. Sia pure a caro prezzo, l'Italia ne uscì vittoriosa, mentre quattro imperi sprofondarono. Auspico che la ripubblicazione dell'Inchiesta stimoli gli studiosi ad affrontare l'ingente documentazione raccolta dalla Commissione quasi un secolo addietro ma tuttora pressoché inesplorata.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI