Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 21 Agosto 2019

La Biblioteca Frassati co…

Lug 24, 2019 Hits:860 Crotone

Taormina Film Fest: il ma…

Lug 08, 2019 Hits:3325 Crotone

A Nicole Kidman il "…

Lug 02, 2019 Hits:1328 Crotone

Maria Taglioni: 11 diplom…

Giu 24, 2019 Hits:1386 Crotone

Giuseppe Castagnino nomin…

Giu 14, 2019 Hits:1678 Crotone

Giornate Internazionali d…

Giu 13, 2019 Hits:2112 Crotone

Ponte sullo Stretto di Messina è una vicenda chiusa definitivamente?

Caro Direttore,
Quella del Ponte sullo Stretto di Messina è una vicenda chiusa definitivamente? Assicurazioni e smentite si susseguono, senza alcuna certezza. A questo punto è necessario  chiedersi perché un’opera, inizialmente voluta da tutti - a cominciare da Prodi per finire a Berlusconi, passando per Rutelli, appaltata quasi sette anni fa (sette anni!!!) al più grande consorzio d’imprese che abbia mai partecipato a gare in Italia, non abbia visto nemmeno aprirsi i cantieri. E, soprattutto, perché quasi nessun Italiano abbia ancora compreso a cosa serve veramente il Ponte, con la conseguenza che é diventato il simbolo dell’inutilità e dello spreco dei soldi pubblici.
Nessuno ha detto che dovrebbe servire a convogliare, attraverso l’Italia, la parte maggiore possibile degli enormi flussi di merci provenienti da Suez e dal continente africano e dirette in Europa, e viceversa, per cui il collegamento stabile attraverso lo Stretto diventa segmento indispensabile del Corridoio Berlino-Palermo.
Far diventare la Sicilia il terminale Sud dell’Europa può trasformare il nostro Paese (tutto il Paese) nella sede ideale per lavorazioni, assemblaggi e distribuzione di merci prodotte là dove lo impongono le leggi dell’economia. Siano esse prodotti finiti, semilavorati o materie prime. La PMI del Nord sa bene cosa vuol dire abbreviare i tempi di spedizione: non si tratta solo di ridurre i costi, ma anche e soprattutto incassare alcuni giorni prima, ridimensionare le scorte di magazzino e utilizzare meglio i vettori.
Trasformare il Corridoio Berlino-Palermo nel Berlino-Bari-Malta fa perdere a (tutto) il nostro Paese buona parte del vantaggio che Madre Natura gli ha dato.
Ciò premesso, riformuliamo la domanda iniziale: perché un progetto così importante per il Paese non solo si è inceppato, ma una gran parte degli Italiani appare totalmente indifferente – se non contraria – alla sua realizzazione?
Ragionando in soldoni, i compiti della società concessionaria, la Stretto di Messina, erano tre: di natura tecnica, economica e sociale. Nell’ordine: guidare il General contractor nella realizzazione del progetto definitivo e verificarne la validità; reperire le risorse economiche necessarie e infine coinvolgere il Paese nella più grande impresa tecnico-scientifica della sua storia, promuovendo lo sviluppo di un territorio socialmente ed economicamente arretrato. Appare oggi evidente che solo il primo obiettivo è stato raggiunto – e, a quanto dicono gli esperti, rappresenta una pietra miliare nella metodologia di progettazione delle grandi opere, pur se manca ancora il crisma ufficiale di una Valutazione d’Impatto Ambientale. Che tarda, impantanata – a quanto si dice - sui conteggi dei volatili maschi e femmine che potrebbero cozzare contro le torri, mentre ogni giorno da Messina vanno via 4-5 giovani perché non c’è lavoro né prospettive per il futuro.
Su finanziamenti privati, coinvolgimento del Paese e organizzazione del consenso è meglio stendere un velo pietoso. La ricerca di risorse private non è mai stata seriamente avviata anzi, a quanto appare, i possibili finanziatori sono stati ben poco incoraggiati, se non decisamente snobbati. La ricerca del consenso – politico e popolare – doveva passare attraverso una spiegazione esauriente e convincente delle ragioni (che prima abbiamo sommariamente richiamate), che stanno alla base del collegamento stabile tra la Sicilia e il continente europeo. Nulla di tutto ciò è stato adeguatamente promosso sul piano della comunicazione: nell’immaginario collettivo del Paese, il Ponte si è ridotto a un favore da fare a Messinesi e Reggini al fine di passare più in fretta da una sponda all’altra. Ed è tale interpretazione riduttiva che diventare ingiustificabile un investimento economico e tecnico-scientifico di tale entità. Alla prova dei fatti la società concessionaria si è dimostrata culturalmente inadeguata alla dimensione della sfida.

Giovanni Frazzica
Edoardo Milio
Giuseppe Pavone
Giuseppe Pracanica
Antonino Quartarone
Filippo Rizzo

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI