Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 04 Marzo 2021

Ragusa - La Pallamano Reùsia torna a giocare in casa

Quarto posto in classifica per la Pallamano Reùsia nel campionato di serie B dopo la sconfitta di sabato scorso a Palermo con lo Scinà. E domenica 20 febbraio, nella gara valida per la quarta giornata del girone di ritorno, ci sarà da incrociare i guantoni della sfida con un’altra compagine palermitana, il Valens. Stavolta, però, si giocherà a Ragusa, al PalaParisi di via Bellarmino, a partire dalle 11. Un incontro che gli atleti allenati da Saro Cappello vogliono a tutti i costi fare proprio. Per chiudere anzitempo il discorso legato alla salvezza, conquistando quei punti che metterebbero al riparo la compagine iblea da qualsiasi pericolo. “Siamo a quota 24 – afferma Cappello – e direi che possiamo considerarci in una situazione abbastanza tranquilla. Ma questo non ci basta ancora perché vogliamo chiudere nel modo migliore questa stagione che, finora, ci ha regalato grosse soddisfazioni. Vogliamo, soprattutto, cancellare l’amaro in bocca di domenica scorsa quando, con lo Scinà, eravamo ad un passo dalla vittoria e poi ci siamo fatti sorpassare proprio nel finale”. L’avversario sembra di quelli facili. Appena quattro punti in classifica per il Valens. Ma Cappello non si fida. “Se li prendiamo sottogamba, loro che hanno sicuramente motivazioni maggiori delle nostre – continua l’allenatore – possono crearci parecchi fastidi. Dobbiamo giocare con grande intensità agonistica sin dalle prime battute e puntare senza mezzi termini alla vittoria”. La squadra iblea gode di ottima salute. Cappello ha diretto ad inizio settimana una serie di allenamenti specifici che hanno permesso al gruppo di continuare a mantenere la stessa tensione agonistica delle scorse settimane. “Per quanto ci riguarda – dice il direttore sportivo, Peppe Girasa – è davvero un campionato travolgente. Mai avremmo pensato, con questo manipolo di giovani, di portare a casa tante vittorie. E, secondo me, non è ancora finita. Il bello deve ancora venire. Perché stiamo parlando di un gruppo che, in prospettiva, può solo migliorare. E ciò va a pieno merito dello staff tecnico, con Cappello in testa, che ha scommesso su un team pieno di risorse e di notevoli potenzialità per gli anni a venire”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI