Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 01 Ottobre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:610 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1319 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2059 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1584 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1567 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1529 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1808 Crotone

Il San Gregorio Catania Rugby non accede ai play off

SAN GREGORIO CATANIA                            19

RUGBY FIRENZE                                            20

SAN GREGORIO CATANIA: Messina (38’ s.t. Leonardi), Montanelli, G. Sapuppo, Spadaro (1’ s.t. Peralta), Giobbe, Pucciariello, Bressons, Doria, Amenta, Dell’Aria (30’ s.t. S. Sapuppo), Roche, Grimaldi, Van Wyk, Lo Faro (1’ s.t. Rampa), Suaria (1’ s.t. D’Auria). All. Arancio.

FIRENZE: Wynne, Beretta, Rios, Menon, Nava, Falleri, Billot, Segundo, Ippolito, Santi, Soldi, Filippini, Paoletti, Fanelli (20’ s.t. Leoni), Cagna. All. Ghelardi.

ARBITRO: Marrama (Padova). Giudici di linea: Blessano e Valbusa (Treviso); quarto uomo: Brescacin (Treviso).

MARCATURE: p.t.: 8’ c.p. Pucciariello (3-0); 11’ c.p. Pucciariello (6-0); 14’ c.p. Wynne (6-3); 31’ c.p. Pucciariello (9-3); 36’ meta Montanelli, tr. Pucciariello (16-3); 40’ meta Falleri (16-8); s.t.: 8’ meta Santi (16-13); 13’ c.p. Pucciariello (19-13); 33’ meta tecnica, tr. Wynne (19-20).

NOTE: Giornata piovosa, temperatura intorno ai 13°C, terreno di gioco in buone condizioni. Cartellini gialli: 30’ p.t. Filippini. Calci piazzati e trasformazioni: Pucciariello 5/7; Wynne 3/5. Spettatori: 700 circa. Punti conquistati: 1-4.

A parità di punteggio il Rugby Firenze accede alla finale play off per il maggior numero di mete realizzate nel doppio confronto di semifinale (3 San Gregorio Catania, 5 Firenze).

 

 

NICOLOSI (CT). Svanisce il sogno del San Gregorio Catania Rugby di accedere alla finalissima dei play off scudetto. Per il secondo anno consecutivo la lunga cavalcata degli etnei si è fermata in semifinale, questa volta contro un avversario rude e tosto come si è dimostrato il Rugby Firenze. Una vera e propria beffa per i verdeblù che escono sconfitti dal doppio confronto contro i toscani soltanto per il minor numero di mete realizzate (due in più quelle centrate dal Firenze). La compagine fiorentina si è imposta al “Monti Rossi” col minimo scarto, così come aveva fatto il San Gregorio in terra toscana, al termine di un match durissimo e condizionato dalle cattive condizioni metereologiche. Il computo delle mete, però, premia il quindici di Ghelardi in virtù dei tre centri messi a segno quest’oggi a Nicolosi.

Grande l’amarezza in casa verdeblù per la finale spareggio di domenica prossima svanita d’un soffio. Certamente oggi la fortuna ha voltato le spalle alla formazione di Arancio che per larghi tratti del match aveva avuto il predominio. Nel secondo tempo si è materializzato l’incubo verdeblù complice l’eccessivo nervosismo, qualche decisione arbitrale contraria e la veemente reazione del Firenze che ha concesso soltanto rare occasioni ai padroni di casa di oltrepassare la linea dei 22.

Nella prima frazione gli etnei sono apparsi più brillanti e determinati, con un piglio diverso rispetto ai toscani, certamente più fallosi. Pane per i denti di capitan Pucciariello i calci piazzati in serie a favore del San Gregorio nella prima parte di gara: tre su quattro per l’apertura verdeblù che ha portato i suoi sul parziale di 9-3. Il primo passaggio chiave del match è giunto alla mezz’ora: giallo alla seconda linea toscana Filippini, che ha permesso al San Gregorio di aumentare i giri e di trovare la via della meta in superiorità numerica con Montanelli. Massimo vantaggio per i verdeblù (16-3) e partita che sembrava incanalata sui binari giusti. Pochi secondi prima del riposo il secondo momento chiave dell’incontro: ancora con l’uomo in meno, il Firenze è riuscito ad andare in meta complice l’indecisione della retroguardia del San Gregorio. I giocatori verdeblù, impegnati a protestare contro un decisione discutibile del signor Marrama, si sono fatti beffare dalla repentina ripresa del gioco del navigato Segundo, che ha aperto un varco decisivo per la marcatura di Falleri. 16-8 al riposo col San Gregorio si mordeva le mani per la meta ingenua subita nel finale.

Nella ripresa i toscani sono ripartiti a testa bassa chiudendo indietro i verdeblù. La seconda meta di Santi ha rimesso in equilibrio la partita. Ed è stato lì che il San Gregorio ha perso la bussola facendosi imbrigliare dal nervosismo. Poco gioco e tante interruzioni nell’intero secondo tempo con i giocatori del Firenze abili a spezzare il ritmo. Il quarto calcio tra i pali di Pucciariello ha ridato fiato alle ambizioni degli etnei, ma gli ospiti hanno continuato a spingere ed il direttore di gara ha un po’ penalizzato i verdeblù. Il San Gregorio, infatti, ha di che recriminare contro il fischietto padovano per la decisione di concedere la meta tecnica al Firenze, a sette minuti dal termine, che ha poi deciso l’incontro e le sorti della semifinale. L’ultimo sussulto della gara è arrivato a tempo quasi scaduto col il piazzato fallito da Pucciariello per questione di centimetri. In un attimo è sfumato il grande sogno etneo di inseguire il “Super 10”, dopo una stagione straordinaria nel ruolo di matricola del campionato di A1.

Un grande plauso ed i complimenti vanno ugualmente al San Gregorio Catania Rugby per i grandi risultati ottenuti durante la stagione, sebbene i titoli di coda siano stati amarissimi. Da domani il club etneo comincerà a lavorare e programmare il futuro, in vista di un’altra stagione, la prossima, da vivere ancora da protagonista.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI