Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 01 Dicembre 2020

Catania - Si e’ chiusa la prima settimana del Torneo Teamsport

Si e’ chiusa la prima settimana del Torneo Teamsport. Gare ricche di spettacolo ed emozioni distribuite nei quattro gironi che caratterizzeranno la prima fase della competizione.

Nel girone A Tre vittorie su tre, vincono Gioielleria Gialli, Zio Piro e Pizza Sprint, successi netti per le prime due compagini, mentre da brivido la rimonta nel finale della Pizza Sprint a sottolineare come nel calcio a 5 nulla e’ scontato. Assoluto dominio, nella gara inaugurale, da parte della formazione in casacca nera della Gioielleria Gialli. Punteggio secco e vittoria perentoria per 7-2 con un parziale, nel primo tempo, di 4-1 grazie alla vena in cabina di regia del numero 8 Rocchi. Tutto facile anche la Zio Piro che, raggiunge in classifica la Gioielleria Gialli, battendo, nel secondo incontro della serata, la Belpassese guidata dall’esperienza di Josè Chisari. Gara piacevole soprattutto nel primo tempo, mentre nella ripresa e’ salito in cattedra l’estremo difensore della Zio Piro Isola ad evitare qualsiasi tentativo di rimonta della Belpassese.

Gara equilibrata, ma La Zio Piro dal canto suo era riuscita ad andare in rete in tre occasioni grazie ad Emmanuele Amata, doppietta, e al numero 30 Pagliaro con il signor Randazzo che mandava le squadre in panca sul punteggio di 3-2. Nella ripresa rincorsa costante della Belpassese e duello totale tra l’attaccante Grasso e il portiere Isola; il numero uno della Zio Piro parava tutto e di più blindando il risultato e lasciando spazio a contropiedi letali ben chiusi dai suoi compagni. Per la Zio Piro un parziale che spezzava le gambe alla Belpassese, 4-0, grazie ai gol di Platania, doppietta, Di Guardo, Musumeci e Gazzo. Gara chiusa dall’uno-due di Grasso che portava il suo score a tre reti personali e match fissato sull’8-4. PIZZA SPRINT – STYIL WOOD 6-5 : Incertezza totale fino alla fine, con un agonismo costante dal primo all’ultimo minuto. Uno Sprint finale in linea con l’etimologia del suo nome….Pizza Sprint vola e vince grazie ad una rimonta pazzesca materializzata nel finale dopo una rincorsa dettata da un secondo tempo da urlo. Butta al vento la vittoria la Styil Wood che sembrava padrone del suo destino ed invece, dopo un ottimo primo tempo, si e’ fatta schiacciare dagli avversari mettendo in difficoltà il numero uno Calanna.

martedì tutto dedicato al Girone B, pronto ad aprire i battenti con la prima giornata. Tre vittorie nette e senza patemi per C&C Ottica, Ma.em Ceramiche e Etna Stars brave a capitalizzare nella ripresa i rispettivi successi. Tanti gol e gare però tutto sommato votate all’equilibrio che consegna molta incertezza in questo raggruppamento da qui alla fine del girone.

MA.EM CERAMICHE – VINCENZINA CAFFE’ 10-5 Primo tempo, però, equlibrato e giocato colpo su colpo, con continue ripartenze da una parte e dall’altra e tre reti a chiudere la prima frazione. 2-1 il parziale consegnato dal vantaggio della Vincenzina Caffe’ con il fendente in diagonale del numero 3 Pappalardo a battere l’estremo difensore della Ma.em Lo Faro. Vantaggio inaspettato, ma subito ribaltato dalle geometrie e dalla tecnica degli uomini in casacca nera: ottima la regia del metronomo Agosta, sapiente invece la doppietta della punta Amato che, in stile Inzaghi, si faceva trovare sempre al posto giusto al momento giusto.

Ancora equilibri totale nei primi cinque minuti della ripresa, un 3-2 siglato ancora da Amato e Pappalardo. Ma lo sforzo fisico profuso dalla Vincenzina Caffè si ripercuoteva negli ultimi minuti di gara, insomma proprio sul più bello: parziale dilagante, 5-0, della Ma.em Ceramiche con la doppietta di Di Mauro e le reti di Amato, la quarta personale, Aurite e Maugeri. Sussulto nel finale per la Vincenzina Caffè in rete con il capitano Cosentino, Arena e ancora Pappalardo, ma servivano a poco e punteggio chiuso da Aurite che con un uno-due portava a tre il suo score personale siglando il definitivo 10-5.

MUTUI TIME – C&C OTTICA 6-15   - Gara senza storia quella tra Mutui Time e C &C Ottica contraddistinta dall’assenza pesante per gli uomini in casacca gialla della Mutui Time del portiere titolare. Nessun estremo difensore di ruolo che non ha permesso alla formazione del bomber Giudice di lottare fino alla fine. Primo tempo tutto sommato piacevole e col punteggio in bilico nonostante la superiorità territoriale della C&C Ottica. Impellizzeri prima, Nicolosi per 2 volte e D’Agostino dopo portavano il punteggio sul 5-1 per la Mutui Time invece sul finire del primo tempo andava a segno con una doppietta Giudice che chiudeva i conti del primo round sul 6-3 dopo la rete del numero 3 della C&C Ottica Pennisi.

Calava il sipario sulla nella ripresa, un monologo assoluto della C&C Ottica che bucava la porta avversaria in altre 11 occasioni rendendo un colabrodo l’area di rigore della Mutui Time. Nicolosi, altre reti, e D’Agostino, 5 sigilli, portavano a 15 lo score della formazione in maglia celeste, con Menza, Giudice e Castro pronti a tenere a galla la differenza reti per il 6-15 finale.

DEPORTIVO QUITO – ETNEA STARS 1-6 - Il punteggio non deve ingannare, perche’ questa e’ stata, paradossalmente, la gara più equilibrata della prima giornata del Girone B. Deportivo Quito da un lato e Etna Stars dall’altra impreziosivano il finale al centro sportivo Millennium con un primo tempo imballato, molto tattico e con interventi prodigiosi da parte dei due portieri. 1-1 il parziale con cui si chiudeva la prima parte di gara grazie al vantaggio della Etna Stars con Rinchiuso, abile a ribadire in rete un’azione spettacolare e tutta di prima della formazione in maglia blu. Pareggio nel finale grazie ad un tiro libero trasformato dal numero 10 Dell’Aiera.

Ripresa totalmente diversa e piena di giocate d’alta scuola per gli uomini della Etna Stars guidati in panca dal signor Riccardo Nocita: parziale che non lasciava commenti 5-0 che chiudeva la gara, con una fin troppo arrendevole Deportivo Quito che pagava la poca esperienza nel calcio a 5. La successione delle reti della formazione della Etna Stars portava la firma di Giuseppe Amata, grande botta in diagonale dal limite, Di Salvo, Castro, con un diagonale perfetto a battere Grillo, e punteggio chiuso dal penalty trasformato dal numero 1 Gabriele Amata saracinesca tra i pali e cecchino dal dischetto.

Riflettori accesi sul Girone C, terzo raggruppamento del Torneo TeamSport. Ennesima giornata piena di emozioni e gare vissute dal primo all’ultimo minuto con grande intensità. Dato statistico, il pareggio del torneo dopo la prima tre giorni ai Campi Millennium, un 6-6 roboante tra Freestyle e D.F. Impianti, materializzato all’ultimo secondo. Vittoria netta invece per le Cantine Privitera, mentre la solidità della AV Motor ha avuto la meglio sulla bella ma sfortunata Despar. Da Sottolineare la prestazone sublime sotto porta di Stemma, numero 10 delle Cantine Privitera, che grazie alle sue otto reti e’ attualmente il capocannoniere del TeamSport.

CANTINE PRIVITERA – LEGATORIA MERIDIONALE   15-3 Senza storia la prima gara del Girone C tra Cantine Privitera e Legatoria Meridionale. Un successo netto materializzato già da un primo tempo dominato in lungo e in largo dalla formazione in casacca bianca. Protagonista assoluto, Alessandro Stemma, numero 10 di assoluto valore e con spiccate qualità balistiche autore di 7 reti solo nella prima frazione. Punteggio parziale chiuso da un 9-2 imbarazzante con La Rosa a chiudere i contini per le Cantine Privitera dopo l’autorete di Anastasi, mentre per la Legatoria Meridionale andavano in gol Vincenzo Di Franca e Anastasi.

Nella ripresa nessun sussulto con la gara che continuava sullo stesso filone del primo tempo: spazio ancora alle grandi giocate del “Miccoli” delle Cantine Privitera Stemma che chiudeva il suo bottino personale con altre 2 reti, e punteggio arrotondato dalle marcature di La Rosa, doppietta personale, e Panebianco. Finale chiuso dunque sul 15-3 con il numero 4 Polizzi della Legatoria Meridionale a bucare la porta delle Cantine Privitera.

AV MOTOR – DESPAR 3-1 E’ stata una delle partite più equilibrate e belle. AV Motor e Despar hanno dato vita ad un match molto tattico, impreziosito da gesti tecnici importanti e deciso anche dal cinismo dell’una e dai grandi interventi di entrambi i portieri delle due compagini. Primo tempo di assoluto valore e di studio: Despar col pallino del gioco e AV Motor invece solida, compatta in difesa e pronta a colpire con ripartenze veloci per fare male alla difesa avversaria. Importanti, inizialmente, le parate del portiere della Despar, Rabuazzo blindava il pari fino alla giocata vincente del numero nove Cosentino abile e fortunato nel deporre in rete, dopo una splendida giocata, il pallone del vantaggio. Despar che produceva molto ma tirava poco in porta ed esaltava i riflessi di Grasso solo nel finale, ma il portiere della AV Motor non si faceva sorprendere e rispondeva presente.

Le emozioni però maggiori arrivavano nella ripresa: Despar sempre con il pallino del gioco in mano, che sprecava molto forse troppo e la cinica e spietata AV Motor con Rigano in contropiede bucava nel momento decisivo la porta di Rabuazzo per il 2-0. Stesso discorso due minuti più tardi quando leonardi con una zampata uccellava ancora la porta della Despar portando il risultato sul 3-0. Partita finita? Assolutamente no. La Despar tornava sotto e finalmente riusciva a bucare i pali del “gatto” Grasso fino ad allora perfetto su ogni intervento: era Campisi a rimettere in corsa gli uomini di mister Fabio Foranna, che da li in poi premevano all’interno dell’area della AV Motor. Un assedio totale negli ultimi minuti, ma difesa della AV Motor che teneva grazie all’ottimo costrutto in non possesso e alle parate decisive del numero uno Grasso.

FREESTYLE – D.F. IMPIANTI 6-6 Siamo alla gara più intensa dal punto di vista delle emozioni. Freestyle e D.F. Impianti hanno prodotto spettacolo, bel gioco ed emozioni tutte condensate in un secondo tempo da urlo. Gara che sembrava in mano totalmente agli uomini in casacca rossa della Freestyle, che dominavano in lungo e in largo i primi minuti chiudendo la prima frazione sul 4-1: le reti erano firmate dalla doppietta di Balsamo, Bergamo e Giustolisi, mentre per la D.F. Impianti siglava l’unica rete Giuseppe Celi. Colpo su colpo invece nella ripresa: cominciava bene la D.F. Impianti che non lasciava nulla al caso, si compattava e compiva una rimonta da urlo, nonostante le straordinarie parate dell’estremo difensore della Freestyle Zaffiro. Il gol del 6-6 arrivava come una liberazione e giusta conseguenza alla pressione finale; era Siracusa che con una discesa devastante, seminava come birilli gli avversari e insaccava all’ultimo secondo il gol del clamoroso pareggio.

Conclusione con il Girone D. Vince facile e senza soffrire una delle favorite del torneo, la Macelleria Catania. Successo secco per 15-2 ai danni della Mazzamuti: gara come dicevamo senza storia con grandi giocate e gol per Dario Battiato, Angelo Marchese e Massimo Rolo.

Stesso discorso per la World Music che ha gestito una gara non facile contro la Meridiana Caffè Roma. Partita piacevole con continui capovolgimenti di fronte e molti gol. Punteggio finale di 10-8 per la World Music guidata dal capitano Massimo Savoca e dai folletti Marino.

Nella gara finale vittoria di spessore della Oasi frutti di mare nei confronti della Amici del Chiosco: gara senza storia fin da subito e decisa dal collettivo esaltato dai gol di Salvo Ragusa e soprattutto Carmelo Bonta’. Punteggio finale di 7-4 chiuso dalle reti di Catania e Parisi per l’Amici del Chiosco.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI