Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 29 Novembre 2021

Mascalucia a due facce cade contro l’Akragas secondo

Il Mascalucia c’è, è vivo. Tuttavia, nonostante le prestazioni positive, qualcosa manca alla squadra di mister Bosco, che non riesce a strappare punti anche quando li meriterebbe. La più grande colpa, forse, è stata oggi quella di essere troppo spenti nel primo tempo, facendo sì che una ripresa straripante non bastasse per ribaltare quello che poi è stato un 3-2 sorridente agli akragantini.

La partita si apre con gli ospiti più veloci e più in palla. E’ Casablanca infatti a dover fare gli straordinari per due volte su Carlo Hamici. Di contro, Marchese fa accademia, salta due avversari, ma trova Cillari, portiere classe ’99, che poi risulterà il migliore dei suoi, a deviare in corner. Al 10’, Hamici porta l’Akragas in vantaggio su calcio di punizione. La reazione del Mascalucia è nei piedi di Tornatore e Buzzanga, ma il primo coglie il palo e il secondo trova ancora Cillari di fronte. A questo punto il Mascalucia si spegne e Hamici fa 2-0 sulla sinistra. Non c’è reazione, stavolta, e l’Akragas spinge sull’acceleratore, trovando di fronte, però, un attento Casablanca, che para su Hamici, Cottone e Mosca.

Nella ripresa, il copione cambia prepotentemente. Il Mascalucia entra in campo con un altro piglio e l’Akragas soffre terribilmente. Dapprima, è Tornatore a sfiorare il gol con una rasoiata da fuori, ma il destro finisce fuori di un soffio. Ancora Mascalucia: Marchese, in forma strepitosa, ne salta due e calcia sotto le gambe di Cillari, ma Colore è velocissimo e salva sulla linea. Il forcing è asfissiante, Marchese coglie la palla da fuori area e calcia un bolide su cui Cillari non può nulla, ma la traversa nega il gol al capitano etneo, in una giornata stregata. Successivamente, Finocchiaro vola sulla fascia, rientra e opera un pallonetto delizioso, su cui il portiere ’99 akragantino opera un colpo di reni strepitoso, fermando ancora l’offensiva etnea. La porta sembra inaccessibile fino al 22’, quando Buzzanga la abbatte su punizione, riaprendo la gara sul 2-1. Il Mascalucia si porta ancora avanti e con una palla sul secondo palo Tornatore sembra in grado di pareggiare i conti, ma ancora Cillari si avventa sulla sfera e scongiura il pari. Al 25’, episodio chiave: Contropiede strepitoso del Mascalucia sulla sinistra, due contro uno che sembra portare al pareggio, ma la palla viene calciata fuori. Sul conseguente ribaltamento, Hamici sfrutta lo sbilanciamento etneo e firma la sua tripletta personale per il 3-1. Il Mascalucia ha coraggio, però, non si arrende e trova il sesto fallo: Finocchiaro è freddo e spedisce la palla in rete per il 2-3, ma il tempo non è sufficiente e l’Akragas conquista tre punti, violando il PalaWagner dopo oltre un anno.

Rammarico tra le fila etnee, per non aver messo la cattiveria giusta nella prima frazione, ma non c’è tempo per abbattersi: sabato prossimo si va nella tana della capolista Real Parco.

 

Mascalucia – Akragas Futsal 2-3

Marcatori: 3 Hamici (A), Buzzanga (M), Finocchiaro (M).

Ammoniti: Isgrò (A), Buzzanga (M)

 

Mascalucia: Casablanca, Riccioli, Sciacca, Tornatore, Leotta, Gallo, Riolo, Buzzanga, Marchese, Finocchiaro, Amore, Longo. All. Bosco

Akragas Futsal: Cillari, Fiore, Agnello, Colore, Sirone, Isgrò, Sutera Sardo, Hamici, Sacco, Mosca, Cottone, Celauro. All. Castiglione.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI