Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 30 Novembre 2020

Orizzonte Catania, sconfitta di misura col Padova

RITA KESZTHELYI AZIONE

 

L’Orizzonte Catania esce sconfitta dal campo del Plebiscito Padova, che batte le catanesi 13-12 nella diciassettesima giornata della Serie A1 di pallanuoto femminile.

Le rossazzurre restano comunque in testa alla classifica con due punti di vantaggio sul Rapallo Nuoto, che sarà ospite proprio delle etnee nell’ultimo turno della regular season.

Il match di stasera ha visto le padrone di casa avanti 4-2 nel primo tempo, mentre il secondo parziale si è concluso sul 4-4. Il mini-break delle catanesi (3-2) nel terzo tempo aveva riaperto il match, ma l’ultima frazione di gara (chiusa sul 3-3) ha consegnato la vittoria al Plebiscito Padova.

Arianna Garibotti e Capitan Tania Di Mario sono le migliori marcatrici di giornata in casa rossazzurra con tre reti a testa, mentre Rita Keszthelyi e Federica Radicchi fanno due goal ciascuno. Un goal per parte anche per Valeria Palmieri e Blanca Gil.

Queste le dichiarazioni del coach dell’Orizzonte Catania al termine del match: “Anche questa sconfitta è meritata – dice Martina Miceli –, perché loro hanno fatto una grande partita e noi non siamo stati all'altezza. C’è davvero poco da dire, è il periodo più brutto della nostra stagione e serve assolutamente una scossa. Ovviamente proprio adesso non possiamo permetterci di tirarci indietro, a maggior ragione perché sappiamo che appena sbagliamo mezza cosa rischiamo di buttare al vento tutta la stagione. Nei prossimi giorni, con il Presidente Nello Russo e con il nostro General Manager Giuseppe La Delfa, cercheremo di capire quale può essere il modo migliore per superare questo momento, tenendo in considerazione anche un mio passo indietro. Lo dico con grande sincerità, perché in acqua vanno le ragazze e loro sanno benissimo quello che possono e devono fare, mentre l’allenatore può anche non essere sempre determinante. Quindi ripeto che se può servire una scossa io sono ben lieta di farmi da parte, perché la cosa più importante e l’unico obiettivo della stagione è che l’Orizzonte porti a casa qualcosa. Questo è davvero l’unico scopo per tutti, me compresa, e ci si dovrà arrivare in qualsiasi modo, indipendentemente da chi ci sarà alla fine. E' giusto così, valuteremo e vedremo cosa fare”.

L’Orizzonte Catania si fermerà ancora per 24 ore a Padova, dove svolgerà l’allenamento di domani mattina, per poi spostarsi a Rapallo e disputare la Final Four di Coppa Italia, in programma nel comune ligure Venerdì 7 e Sabato 8 Marzo 2014.

 

 

IL TABELLINO DEL MATCH:

 

Plebiscito Padova – Orizzonte Catania: 13-12

Plebiscito Padova: Teani, L. Barzon, I. Savioli 1, Sganzerla 1, M. Savioli 6 (1 rig), Klaassen 2, Menca, Dario, Rocco, Gottardo, Rattelli, Lascialandà 3, Agosta. All. Posterivo.

Orizzonte Catania: Ricciardi, Keszthelyi 2, Garibotti 3, Radicchi 2, Di Mario 3 (1 rig), R. Aiello, V. Palmieri 1, Marletta, Gil 1, Dursi, Lombardo, Zuccarello. All. Miceli.

 


Arbitri: Ricciotti e Riccitelli


Note. Parziali 4-2, 4-4, 2-3, 3-3. Uscite per limite di falli Klassen (P) e Garibotti (O) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Padova 5/6 + 1 rigore e Orizzonte 3/8 + 2 rigori di cui 1 fallito da Di Mario nel primo tempo (parato). Spettatori 300 circa.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI