Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 13 Luglio 2020

Il difensore dell’Orizzonte Catania, Federica Radicchi, punta sempre in alto

Federica Radicchi e Vincenzo Delfino foto

 

I Campionati del Mondo di nuoto si sono conclusi da qualche giorno e nella nazionale italiana di pallanuoto femminile sconfitta con onore dalla Grecia c'era pure Federica Radicchi. Anche in questo caso il difensore dell'Orizzonte Catania ha lottato con le unghie e con i denti e, al di là del piazzamento di quel “Setterosa” che avrebbe meritato sicuramente di più, per lei i Mondiali di Barcelona hanno rappresentato certamente un'ulteriore occasione di crescita sotto diversi aspetti, soprattutto in vista della prossima stagione agonistica, che la vedrà più combattiva che mai al fianco delle sue compagne di club.

Federica Radicchi è ancora molto giovane e compirà 25 anni a Dicembre, ma già da diverse stagioni mostra grande maturità dentro e fuori dall'acqua e proprio per questo è diventata una delle giocatrici su cui l'Orizzonte Catania ha deciso di puntare già da quattro anni.

Una ragazza molto semplice, solare e spiritosa e al tempo stesso sempre molto precisa e professionale, giocatrice dal valore indiscusso che tra i suoi principi più importanti ha quello della famiglia, tutti aspetti fondamentali per essere apprezzata anche dalla società guidata dal Presidente Nello Russo.

In questi giorni la ‘numero 4’ dell'Orizzonte si trova a Padova con il fidanzato Vincenzo Delfino, coetaneo di Federica, catanese doc e sportivo apprezzato non solo nella sua terra, dove negli ultimi anni si è messo in luce da tallonatore dell'Amatori Catania Rugby, tanto da godere delle lusinghe di quel Petrarca Padova che pochi giorni fa ha annunciato il suo acquisto.

Approfittando quindi degli ultimi scampoli di vacanza a sua disposizione, Federica ha colto l’occasione per accompagnare Vincenzo in Veneto per la firma del contratto, sfruttando così anche un’ulteriore opportunità per ricaricare le batterie prima dell’inizio della preparazione agonistica: “In questi giorni ho provato a staccare un po’ la spina – racconta il difensore dell’Orizzonte Catania – , perché so che la prossima stagione sarà ancora una volta molto impegnativa anche grazie al fatto che con le mie compagne di squadra abbiamo riconquistato la possibilità di tornare a giocare in Coppa Campioni. Certamente staccare del tutto non è affatto semplice, ma credo che in fondo per una sportiva sia anche giusto così perché ho tanta voglia di continuare a migliorare per me e per la mia squadra. Arrivo dall’esperienza del Mondiale di Barcelona, dove al di là del risultato finale sono convinta di aver imparato comunque qualcosa. Certamente si è respirato un bel clima, perché la nazionale ha sempre qualcosa di magico, e godere della stima del tecnico e delle mie compagne è per me grande motivo d’orgoglio. Di sicuro, poi, il fatto di giocare nel Setterosa con molte delle mie compagne dell’Orizzonte è sempre di grande aiuto, anche se devo dire che mi trovo bene pure con tutte le altre. Anche ai Mondiali ho cercato di dare tutto, provando ad applicare quanto ho imparato in questi anni. Naturalmente ho tentato di mettere in pratica anche i consigli e gli insegnamenti del mio coach Martina Miceli, che sia da compagna di squadra prima che da tecnico adesso ha sempre mostrato grande fiducia in me e ricevere tante attenzioni da una fuoriclasse come lei per me è importantissimo. So che posso migliorare ancora tanto ed è naturale che giocando nell’Orizzonte si pensi solo a vincere. Ovviamente non rinnego le mie origini, ma Catania per me è una seconda casa e lo è diventata sia per il grande affetto che sin dal primo giorno ho ricevuto da tutti che grazie alle grandi ambizioni con cui mi sono subito trovata a convivere e che condivido pienamente. All’Orizzonte non esiste pensare di giocare per qualcosa di diverso dal primo posto, l’ho imparato dal Presidente Nello Russo e dal nostro General Manager Giuseppe La Delfa, ma ovviamente anche da Martina Miceli così come da Tania Di Mario e Arianna Garibotti, senza dimenticare tutte le altre mie compagne, che per giocare qui hanno necessariamente lo stesso spirito. Nelle scorse settimane la nostra squadra si è rinforzata moltissimo e sono sicura che anche nella prossima stagione avremo la possibilità di fare qualcosa di importante. Presto tornerò a Catania per riprendere gli allenamenti, ma ho approfittato di queste vacanze per stare vicino a Vincenzo in un momento così importante per la sua carriera. Il nostro rapporto è sostenuto e rafforzato anche dal fatto di essere due sportivi, ma ovviamente non è fatto solo di questo. Nei prossimi giorni avrò modo di stare un po’ anche con la mia famiglia, che è sempre stata fondamentale per la mia carriera e mi è stata sempre accanto non solo nei momenti più belli, ma anche e soprattutto in quelli più difficili. Lo stesso accade all’Orizzonte e questo per me è un ulteriore punto di forza. Mi sento sempre più importante per questa squadra e se vogliamo, dopo Tania e Blanca, insieme ad Arianna sto pian piano diventando una delle veterane. Questo per me è motivo di orgoglio, ma anche di grande responsabilità. Sicuramente tutto ciò nella prossima stagione mi darà ancora più motivazioni e spero che queste siano utili a tutta la squadra, che è fortissima e ha tutte le carte in regola per togliersi grandi soddisfazioni sia a livello nazionale che internazionale”.

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI