Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 19 Agosto 2022

Enzo Foglia, la seconda g…

Lug 28, 2022 Hits:489 Crotone

Al Taormina Film Fest tri…

Lug 20, 2022 Hits:489 Crotone

La nuova raggiera in oro …

Giu 30, 2022 Hits:665 Crotone

Imparare a realizzare un …

Giu 22, 2022 Hits:686 Crotone

Sacro Cuore: una devozion…

Giu 20, 2022 Hits:718 Crotone

La Fondazione D’Ettoris t…

Giu 14, 2022 Hits:1040 Crotone

A scuola da Tolkien

Mag 21, 2022 Hits:1019 Crotone

L'afro blues di Baba Sissoko

Sissoko

 

Si suole definire il blues come l'espressione di un sentimento malinconico tramite un testo poetico orale su una struttura in 12 battute; ma il blues e' soprattutto una forma fondamentale della musica neroamericana. Già, perché in origine il blues prende forma dai canti e danze africane al tempo dello schiavismo, in un processo di continue contaminazioni da cui a sua volta prenderà forma lo stesso jazz.
Che succede se un musicista africano di nuova generazione se ne riappropria? E' il caso del percussionista maliano Baba Sissoko. Afro Blues e' il nome della formazione che appare nel suo cd African Griot Groove edito da Afrodisia. Pur catalogato come world music, il disco e' come se riportasse il tempo indietro, come se un figlio musicale di emigrati di almeno dieci generazioni tornasse sui luoghi da dove i suoi antenati erano partiti per le americhe, dalla West Africa, per intingere di blues quella musica rimasta invariata per secoli, e dare luogo a nuove  ricontaminazioni "di ritorno". Nell'afro blues del cantastorie Sissoko c'è il senso arcaico della vocalità, la poesia del canto come succedeva sul Mississipi, la poliritmia, e c'è, questa la particolarità, lo spirito jazz, insomma il pronipote del blues. O meglio, afferma Baba, non si chiama blues o jazz " il s'appelle Amadran". Siamo al preblues o se si vuole al protojazz. Al ritorno al ventre sonoro della Grande Madre Africa dopo un viaggio oltreoceanico durato tre o quattro secoli. Un album sul cultural heritage, ebbene si, si può anche definirlo di world music.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI