Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 14 Aprile 2021

Sanremo vira a sinistra

sanremo2011_01.png

Già l’aveva fatto Saviano. Luca e Paolo ieri, in apertuta di Sanremo, l’hanno ripetuto.Che c’è di più divertente di prendere per i fondelli il Giornale e i suoi presunti «dossier»? Le due ie­ne si sono esibite in un omag­gio canoro ( sulle note della mo­randiana Ti supererò ) ai due più «grandi comici del momen­to »: Fini e Berlusconi, metten­doci dentro le olgettine, le Mi­netti, le arcorine, Fede, Ghedi­ni, la Santanchè, la Casa di Montecarlo e ovviamente an­che il nostro quotidiano, nel­l’accezione dei portatori di «macchina del fango». «Ti sput­tanerò - cantano i due condut­tori che lavorano a Mediaset ­ti sputtanerò, al Giornale an­drò... con in mano foto dove tu sei con un trans... poi conse­gnerò le intercettazioni e alle prossime elezioni sputtanato sei». Finendo il grazioso brano con: «Ma il 6 aprile in tribunale ci vai tu....» Tu, ovviamente, è il Premier. Insomma dove siamo? Al Fe­sti­val di Morandi o nel salotto su­per radical chic di Fazio e Savia­no? Perché questa kermesse si sta sempre più trasformando in un incontro della creme del pen­siero di sinistra. L’ultimo ospite arruolato è Roberto Benigni. Contrariamente alle prime indi­screzioni, l’attore ha accettato di salire sul palco dell’Ariston giovedì, durante la serata che ce­lebra i 150 anni dell’unità d’Ita­lia.
Nella serata di esordio il Festival di Gianni Morandi supera quello targato Antonella Clerici: ieri la prima serata è stata vista da 11milioni 992mila spettatori pari a uno share del 46,39% lo scorso anno il Festival della Clerici, invece, aveva totalizzato nella prima serata 10milioni 717mila spettatori pari al 45,29% di share.
Anna Oxa con 'La mia anima d'uomò e Anna Tatangelo con 'Bastardo', sono le prime due canzoni eliminatedalla giuria demoscopica. Parteciperanno al ripescaggio di giovedì sera.
Come da copione Antonella Clerici ha aperto la prima serata del festival di Sanremo. Sul palco, insieme con la figlia Maelle, in abito lungo verde, ha raccontato alla piccola smarrita, la sua storia con il teatro Ariston, con un tono alla Topo Gigio, ricordando il rapporto con Paolo Bonolis. Poi le ha dedicato qualche verso di A te di Jovanotti e ha lanciato Gianni Morandi, che è entrato dalla platea, con giacca dello smoking glitter, baciando la moglie in prima fila. Saluto con la Clerici con un accenno di danza e poi il via al festival vero e propio con la coreografia di Daniel Ezralow e la nazionale italiana di ginnastica ritmica.
Entrano in scena scendendo le scale per mano solo dopo un'ora, piccolo dialogo poi arrivano Luca e Paolo e poi Canalis presenta Max Pezzali. Tutti le aspettavano ma Belen ed Elisabetta sono entrate in scena dopo un'attesa che e' sembrata lunghissima: hanno fatto le scale con qualche incertezza, tenendosi per mano, Belen in abito lungo carta da zucchero, Elisabetta Canalis in lungo rosso. Breve dialogo di circostanza con Morandi, poi hanno presentato Max Pezzali.
Giusy Ferreri ha aperto la gara con 'Il mare immenso', un pezzo difficile che ha messo in evidenza tutti i limiti di controllo di emissione e di intonazione della ex beniamina di X Factor.
Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu hanno debuttato sul palco dell' Ariston pagando lo scotto dell'emozione e affrontando il primo piccolo intoppo della diretta con la pubblicità che non partiva. Poi da bravi presentatori hanno lanciato Luca Barbarossa e Raquel Del Rosario: la loro 'Fino in fondo' con quell'insistito 'su su nel cielo giu' giù nel maré entra di diritto nella storia dei ritornelli assurdi del festival.
Morandi 'PierGianni' come Berlusconi. Luca e Paolo in una gag hanno creato una similitudine tra il conduttore del festival e il presidente del Consiglio giocando sulla voglia di essere un eterno ragazzo, sui capelli neri a dispetto dell'eta', sull'altezza, sul ruolo di presidente di una squadra di calcio, sulla passione per il canto e sul fatto che nella squadra 'decide sempre tutto lui'.
Roberto Vecchioni è una delle presenze nobili del cast: la sua 'Chiamami ancora amore' è non solo una delle più bella canzoni in gara ma ha anche il testo più bello tra i brani selezionati che Vecchioni canta con la sua inconfondibile intensità.
'Bastardo' è uno dei pezzi più improbabili di questo Sanremo: Anna Tatangelo lo ha cantato con smoking che dovrebbe essere un omaggio ad Anna Oxa.
'Io confesso' è il passo d'addio dei La Crus ma anche uno dei momenti musicalmente più belli e originali del festival, un omaggio a Morricone e alla tradizione italiana anni '60.
Come previsto Anna Oxa non ha contenuto il suo furor espressivo trasformando 'La mia anima d'uomo' in un piccolo psicodramma musicale. Prima di lei erano saliti in scena Max Pezzali, con l'innocua 'Il mio secondo tempo', Davide Van De Sfroos ha fatto debuttare il dialetto laghe'e al festival con la gradevole 'Yanez', mentre Tricarico con 'Tre colori', la canzone scritta da Fausto Mesolella (sul palco al pianoforte)per lo Zecchino d'oro, si e' guadagnato una scenografia bianca rossa e verde.
Franco Battiato e' sicuramente una delle presenze piu' sorprendenti del festival: e' arrivato come special guest di Luca Madonia nel brano 'L'alieno'. Si e' ritagliato una presenza defilata, con un'entrata in scena sull'ultima strofa, cantata seduto al piano. I Moda' con Emma hanno pagato il loro tributo all'emozione, anche se hanno esibito tutta la loro grinta giovanile in 'Arrivera''. Malinconica la performance di Patty Pravo, sempre fuori tonalita' con 'Il vento e le rose'.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI