Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:803 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

Berlusconi: "Non lascio"

"Ogni giorno ci chiedono un passo indietro. Stiano tranquilli perché non possiamo andare dietro alle aspettative dei media e dell'opposizione. Non ci dimetteremo se non dopo un voto di sfiducia in Parlamento che io escludo". Lo ha affermato il premier Silvio Berlusconi intervenendo telefonicamente alla festa del Pdl a Cuneo.

"Dobbiamo tornare ad essere un Paese civile ed oggi non lo siamo. Quando chiamate qualcuno non sentite la morsa di uno Stato di polizia. In questo momento lo Stato non lo sentiamo più come una tutela della libertà è molto importante procedere con la riforma per recuperare il senso di libertà. Ci presenteremo alla prossima scadenza elettorale, tra un anno e mezzo, con le carte in regola per vincere".

"In settimana - ha detto ancora il premier - esamineremo le misure per la crescità e lo sviluppo e con questo decreto dimostreremo che il governo sta sempre lavorando sodo per l'Italia".

"Ci presenteremo alla prossima scadenza elettorale, tra un anno e mezzo, con le carte in regola per vincere", ha detto Berlusconi ribadendo che il governo non ha alcuna intenzione di dimettersi. "Sono assolutamente convinto che il Pdl abbia le carte in regola per avere ancora tra un anno e mezzo dai cittadini il mandato per governare il paese". Lo ha detto il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, in collegamento telefonico con la festa provinciale cuneese a Cervere. "Abbiamo fatto molto - ha affermato Berlusconi - e stiamo lavorando ad altre misure per la crescita e lo sviluppo, dimostreremo concretamente che il governo ha lavorato e sta sempre lavorando sodo per l'Italia e nell'interesse di tutti quanti. Ci presenteremo, anche per l'opposizione che abbiamo - ha aggiunto il premier - alla prossima scadenza elettorale con un programma realizzato che ci farà dare ancora dagli italiani la responsabilità di governo".

"In Parlamento ci accingiamo a fare una straordinaria battaglia per la libertà, che dobbiamo assolutamente vincere". Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "Mi appello a Cicchitto e Gasparri, i condottieri delle nostre truppe alla Camera e al Senato - ha aggiunto Berlusconi - perché portare a compimento le riforme non serve solo ad ammodernare il Paese ma a salvare le nostra libertà. Dobbiamo tornare ad essere un Paese davvero civile e libero come oggi non siamo, come sapete bene quando parlando al telefono fisso o al cellulare sentite la morsa di uno Stato di polizia. Il fatto che i cittadini non siano sicuri che le loro parole siano inviolabili - ha aggiunto Berlusconi - non li fa più sentire cittadini di uno Stato che tutela la loro libertà".

"No, penso proprio di no". Così Umberto Bossi ha risposto ai giornalisti che, a margine di una festa della Lega Nord, se sia in pericolo la posizione del ministro dell'Economia Giulio Tremonti nel governo.

Il segretario della Lega si è presentato a una festa del partito nel Varesotto per portare un saluto. Interpellato dai giornalisti sulle polemiche che coinvolgono in questi giorni l'amico ministro dell'Economia, Bossi è tornato a parlare dell'assenza di Tremonti durante la votazione alla Camera per l'arresto del suo ex braccio destro Marco Milanese. "Sì - ha risposto Bossi -, Tremonti era in America, d'altra parte uno come lui deve andare in giro per il mondo a rassicurare i mercati". "Certo - ha poi aggiunto - noi stavamo votando una cosa che in qualche modo è legata a lui e lui nemmeno è venuto, però sono cose che capitano a chi ha troppo da fare". A questo punto il leader della Lega ha confermato che il ministro dell'Economia non è in discussione.

"Non siamo mai riusciti a portare in Parlamento le riforme perché con Casini prima e poi con Fini non c'era la possibilità dentro la nostra maggioranza di farle viaggiare. Ora in 18 mesi tutto questo sarà possibile". Lo ha detto stasera il presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, parlando per telefono alla Festa del Pdl di Bisceglie.

"Le dichiarazioni zuccherose di Berlusconi sono a due passi dal delirio. I fatti ci mettono di fronte alla verità, dopo anni di menzogne. Davanti a noi c'é il passaggio più arduo dal dopoguerra a oggi. Di più, le preoccupazioni degli italiani sono diventate preoccupazioni per il mondo. Ci aspettano scelte difficili e sempre più difficili per ogni giorno che passa senza un cambiamento". Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani torna a ribadire che "il Partito democratico, nel segno dell'equità e della crescita, è pronto a prendersi le sue responsabilità a sostegno di un governo di emergenza e di transizione". "Chi, per puro egoismo - sostiene Bersani - ostacola testardamente questa scelta; chi testardamente impedisce ogni cambiamento si prende a questo punto una responsabilità storica".

"Le previsioni di Formigoni mi sembra siano ragionevoli. Non vedo come si possa andare avanti con un governo che davanti all'emergenza sociale è assente, indifferente. Noi abbiamo fatto di tutto per stimolare gli uomini di buona volontà del Pdl ma alle affermazioni private non corrispondono fatti pubblici, quindi meglio lo sbocco elettorale". Il leader Udc, Pier Ferdinando Casini, visitando insieme ai figli Francesco e Caterina l'Happy Family days a Villa Borghese, condivide l'ipotesi fatta ieri dal governatore della Lombardia di elezioni anticipate nel 2012.

"Dobbiamo dire con chiarezza: mai più Minetti nei Consigli regionali perché in questo modo offendiamo il Pdl e Silvio Berlusconi". Lo ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno durante l'intervento conclusivo della tre giorni di dibattito organizzata dai circoli Nuova Italia.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI