Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 12 Luglio 2020

Berlusconi: "Possiamo vincere le prossime elezioni"

20110513_120704_9580D547_medium


Berlusconi torna a parlare. Non solo media faziosi, ma anche un "accanimento giudiziario per intaccare la mia immagine". Così il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, è tornato a sfogarsi durante l’incontro con i coordinatori regionali, in particolare, il premier ha fatto riferimento all’inchiesta per abuso di ufficio in cui è indagato per la telefonata ad Innocenzi in merito a Annozero e Michele Santoro. Il Cavaliere l’avrebbe definito "solo uno sfogo plausibile". Sempre nel capitolo delle doglianze contro i giudici, Berlusconi avrebbe citato il processo Ruby, definendolo una "ignominia", insomma "un tentativo di intaccare la mia immagine con la storiella fantastica del bunga bunga".

Dobbiamo impegnarci tutti per una nuova partenza, e con nuova forza perchè vincere le prossime elezioni è più che possibile come dimostrano i sondaggi che danno il Pdl al 28% contro il 26 del Pd, avrebbe detto il premier. Berlusconi ha sottolineato come 20 mesi di tempo siano sufficienti per vincere le elezioni ma per farlo è necessario lavorare con la gente e sul territorio. Nella sua analisi dei sondaggi, il capo del governo ha sostenuto che è aumentata l’area degli indecisi, ma che pochi si sono spostati da un partito all’altro. Per questo, ha aggiunto, bisogna rilanciare le idee del PdL, che sono profondamente diverse da quelle della sinistra.

E intanto : Spera in una nuova Tangentopoli. Sogna il lancio delle monetine contro gli esponenti del centrodestra. Antonio Di Pietro torna ad alzare i toni. Dopo aver annunciato che a settembre organizzerà una manifestazione di popolo per spazzare via la casta, l'ex pm scalda gli animi degli anti Cav rievocando una triste pagina della storia politica del nostro Paese. E lo fa per colpire, ancora una volta, il governo.

Il leader dell'Idv vede molte analogie tra il periodo che precedette lo scoppio di Tangentopoli, vissuto da pubblico ministero, e queste settimane con il continuo succedersi di nuove inchieste. Ma per il leader dell’Idv, le conseguenze potrebbero essere ben più pesanti. "Ho vissuto questa vigilia un’altra volta e in un’altra veste", ha ricordato Di Pietro rispondendo ai cronisti a Montecitorio, "mentre riempivamo migliaia di pagine di verbali a Roma ridevano. Oggi però rischiamo non solo le monetine di Craxi, ma una rivolta sociale". Per questo, "non bisogna aspettare un momento di più per andare a votare". Per Di Pietro, la strada che può portare alle elezioni sono le dimissioni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Sono ormai mesi che l'ex pm continua a intimare al premier di lasciare Palazzo Chigi. Non essendogli però riuscito il ribaltone in parlakmento, adesso Di Pietro punta a scaldare le piazze per preparare un autunno caldo di rivolte e contestazioni. Proprio come quel 30 aprile 1993, quando Bettino Craxi fu bersagliato dal lancio di monetine davanti all'hotel Raphael. Quel giorno una folla aveva invaso largo Febo per prendere d'assedio l'albergo che da anni era la sua dimora romana. In una intervista a Giuliano Ferrara trasmessa su Canale 5, lo stesso Craxi definì quell'assalto "una forma di rogo".

Rievocando Tangentopoli, Di Pietro si cala nuovamente nei panni del pm di Mani pulite. Se nei primi anni Novanta gli riuscì l'esilio di Craxi, adesso punta a far cadere Berlusconi. D'altra parte, da quando l'Idv è in parlamento, la cacciata del Cavaliere è tra i sogni più frenetici dell'ex pm.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI