Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Febbraio 2023

Crisi diplomatica tra Roma e Italia

Con la Francia che accusa il Governo Meloni di essere perdente come esito dello scontro sul tema migranti, il Ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani – alla vigilia del Consiglio Ue – sottolinea «Non so cosa è successo con la Francia, non so perché i francesi abbiano reagito in questa maniera. Confronto con Parigi? Mi sembra più un problema di politica interna che un problema con noi. Al momento non è previsto». 

Nella riunione di oggi a Bruxelles con gli altri Ministri degli Esteri Ue, la Farnesina ha fatto sapere in una nota firmata dal Ministro Tajani che «alla luce dei recenti eventi e su richiesta esplicita dell’Italia, verrà affrontato un punto relativo alla cooperazione in materia di flussi migratori, con particolare riferimento alla gestione dei soccorsi operati da navi private e all’attuazione di meccanismi effettivi di solidarietà europei».

Giorgia Meloni come riferisce Agi,sostiene che "ci sono state delle incomprensioni": "La Francia aveva dichiarato che avrebbe accolto la Ocean Viking e non avrebbe fatto una selezione, come invece sarebbe avvenuto in Italia, questa notizia non è stata smentita per 8 ore e quindi io ho detto 'grazie per il gesto di solidarietà''.

Le mie parole "volevano essere un gesto distensivo" e, invece, sono state "interpretate in modo diverso" oppure "è cambiata la posizione del governo francese, non lo so. Ma sono tutte cose che poi sono state chiarite", afferma. Ma la risposta "aggressiva" di Parigi in ogni caso "è incomprensibile e ingiustificata".

Il presidente del Consiglio non nasconde a margine della conferenza stampa sul nuovo decreto aiuti di essere rimasta colpita dall'atteggiamento dell'alleato d'Oltralpe, si augura che l'Europa "isoli gli scafisti" non l'Italia. E osserva: "La nave Ocean Viking è l'unica Ong che non abbia mai attraccato in Francia. Porta con sé 234 migranti", mentre l'Italia dall'inizio di quest'anno ne ha fatto entrare quasi 90 mila".

Il problema è che "tutte le navi che sono partite e vanno in giro nel Mediterraneo vengono portare in Italia" che "non è più in grado di occuparsene da sola. "Finora sono stati ricollocati 117" migranti, "si capisce che qualcosa non funziona. Cosa è che fa arrabbiare? Che l'Italia deve essere l'unico porto possibile di sbarco del Mediterraneo? Non c'è scritto in nessun accordo, non è giusto. Nello stesso giorno in cui si discuteva del caso Ocean Viking l'Italia ha accolto 200 persone".

«È increscioso e deludente il mancato rispetto degli accordi sulla ricollocazione dei migranti»: lo dicono in una dichiarazione congiunta i Ministri degli Interni di Italia, Malta, Cipro e del Ministro della Migrazione in Grecia. Una nota diretta all’Europa in risposta alle parole durissime della Francia contro il Governo italiano sul tema della Ocean Viking e più in generale sul ricollocamento dei migranti nei meccanismi (volontari) vigenti in Ue. Già venerdì in conferenza stampa la Premier Giorgia Meloni aveva sottolineato l’importanza di trovare una soluzione condivisa e comunitaria sul tema immigrazione, respingendo le accuse di “disumanità” dell’Italia visto i numeri dell’accoglienza in maniera spropositatamente differente tra i Paesi sul Mediterraneo e gli altri europei: con questa nota alle istanze dell’Italia si aggiungono anche Grecia, Malta e Cipro, direttamente coinvolte nel sistema di approdo europeo dei migliaia di migranti che ogni anni giungono sul suolo Ue.

«L’Italia, la Grecia, Malta e Cipro, in quanto Paesi di primo ingresso in Europa, attraverso la rotta del Mediterraneo centrale ed orientale, si trovano a sostenere l’onere più gravoso della gestione dei flussi migratori nel Mediterraneo, nel pieno rispetto di tutti gli obblighi internazionali e delle norme dell’UE.
Abbiamo sempre sostenuto con forza la necessità di sviluppare una nuova politica europea in materia di migrazione e di asilo, realmente ispirata ai principi di solidarietà e responsabilità, e che sia equamente condivisa tra tutti gli Stati membri», si legge nella lunga nota diffusa dal Viminale.

Un meccanismo chiaro e urgente sul fronte migranti – interviene l’importante denuncia fatta dalla Caritas italiana in servizio a Ventimiglia, il confine con la Francia dove negli ultimi giorni le forze dell’ordine transalpine hanno aumentato i controlli per respingere più rifugiati possibili, come mossa di “ritorsione” alla vicenda Ocean Viking. «La cosa grave è che spesso i francesi rimandano indietro dei minori cambiando l’età, questo va contro il trattato di Dublino. Rimandano anche indietro delle famiglie. Pochissimi migranti vogliono restare in Italia, vogliono andare in Germania, Svezia, Olanda», denuncia Christian Papini, direttore della Caritas Intemelia – organizzazione di volontariato di Ventimiglia – intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”. 

Per il direttore della Caritas locale dopo che nel 2015 la Francia ha chiuso le frontiere ai migranti, anche dall’Italia, la questione più grave è appunto che «spesso rimandano indietro dei minori cambiando l’età, questo va contro il trattato di Dublino. Rimandano anche indietro delle famiglie. E alla fine i migranti pagano 300 euro i passeur. I passeur sono persone, spesso anche loro migranti, che non sono riusciti a integrarsi, che hanno una regia dietro, e che si fanno pagare per far passare i migranti e in realtà non li fanno passare. Il nostro ruolo è fare quello che dovrebbe fare lo Stato, cioè fare accoglienza, dare da mangiare, consulenza psicologica, tutto questo lo facciamo con altre associazioni». Secondo ancora Papini, il tema europeo è comunque centrale in quanto «il trattato di Dublino è la cosa più grave che l’Europa potesse fare, è davvero una croce, perché prevede che il migrante debba rimanere nel Paese dove viene identificato».

Ieri sera però le accuse dalla Francia contro l’Italia si sono susseguite, da ultimo il portavoce del governo francese, Olivier Véran, a BFM-Tv «L’Italia non mantiene l’impegno fondamentale nel meccanismo di solidarietà europea, noi non manterremo la contropartita prevista, cioè l’accoglienza di 3.000 migranti attualmente sul territorio italiano. L’Italia – conclude Vêran – è perdente in quanto dispone normalmente di un meccanismo di solidarietà europea che fa sì che un gran numero di Paesi europei, in particolare Francia e Germania, si impegnino in contraccambio dell’accoglienza delle navi da parte dell’Italia, a prendere degli stranieri sul proprio territorio».

Oggi il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo francese, Emmanuel Macron: i due leader, non da oggi accomunati da solido rapporto di amicizia politica, hanno convenuto sulla necessità che vi sia «piena collaborazione in ogni settore sia in ambito bilaterale sia dell’Unione Europea», riporta il Quirinale in una nota congiunta con la Francia. Non è stato citato direttamente, nelle dichiarazioni ufficiali dopo la telefonata, lo scontro acceso tra Meloni e i Ministri del Governo francese sul caso Ocean Viking e sulle accuse lanciate da Parigi contro «la disumanità italiana» e il diritto internazionale «violato»: dall’Eliseo e dal Colle invece si commenta la telefonata nella quale «i presidenti entrambi affermato la grande importanza delle relazioni tra la Francia e l’Italia ed hanno sottolineato la necessità di mettere insieme le condizioni per una piena cooperazione in tutti i settori, tanto a livello bilaterale che in seno all’Unione europea».

Fonti : Agi / sussidiario/ e varie agenzie 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI