Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Febbraio 2023

Giornata mondiale contro la pena di morte e le uccisioni extragiudiziali in Iran

L'omicidio arbitrario di Daryoush Alizadeh, avvenuto l'8 ottobre 2022 nella città iraniana di Sanandaj, è stato scioccante nel senso che stava suonando il clacson della sua auto a sostegno dei manifestanti. Poi, all'improvviso, un'agente gli ha sparato alla testa. In un incidente simile a Mashhad una giovane donna ha perso la vita dopo essere stata colpita al collo da un agente.

Come scrive l'Associazione ``nessuno tocchi il Caino" due incidenti rendono evidente la cruda realtà in Iran, dove il regime al potere non si preoccupa minimamente della vita delle persone. Daryoush Alizadeh e la donna non identificata a Mashhad sono state vittime di omicidi arbitrari in Iran, una pratica comune.
Alla vigilia della giornata mondiale contro la pena di morte, Iran HRM desidera richiamare l'attenzione sulla triste realtà degli omicidi arbitrari in Iran, che supera di gran lunga il numero delle esecuzioni compiute nelle carceri. Sebbene anche le condanne a morte eseguite su verdetti ufficiali siano esse stesse considerate arbitrarie a causa di processi e procedure legali non eque.

Secondo l'Associazione ``nessuno tocchi il Caino" l 'alto numero di condanne a morte in Iran ha sempre suscitato grande preoccupazione. Tuttavia, l'aumento del numero di esecuzioni nel 2022 è particolarmente allarmante. 450 esecuzioni da gennaio a settembre 2022, 366 esecuzioni nel 2021 e 225 nel 2020.

Continuano a mancare dati ufficiali sul numero totale di condanne a morte comminate e sul numero di esecuzioni compiute. La maggior parte dei reati puniti con la pena di morte non supera la soglia dei "reati più gravi", "che riguardano solo i reati di estrema gravità che comportano uccisioni intenzionali".

Le sostanziali carenze del quadro giuridico e del sistema giudiziario,come sottolinea l'Associazione ``nessuno tocchi il Caino", che non soddisfano i requisiti degli articoli 6 e 14 del Patto internazionale sui diritti civili e politici al diritto alla vita e al diritto a un equo processo, e di conseguenza rendono la maggior parte se non tutte le esecuzioni in Iran una privazione arbitraria della vita.

Nel suo rapporto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite nel luglio 2022, il professor Javaid Rehman, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Iran, ha scritto: "l'entità della privazione arbitraria della vita nella Repubblica islamica dell'Iran è fonte di seria preoccupazione. Da un lato, il quadro giuridico nazionale giustifica l'arbitraria privazione della vita in alcuni settori, come i vasti motivi per l'imposizione della pena di morte e l'uso della forza da parte delle forze di sicurezza in modi incompatibili con il diritto internazionale.

“In altri ambiti, le violazioni sono il risultato di pratiche e atti contrari allo stesso quadro giuridico nazionale, come il ricorso alla tortura, la mancanza di accesso tempestivo alle cure mediche in detenzione e la mancata adozione di misure adeguate a far fronte alle condizioni generali della società che possono dar luogo a minacce dirette alla vita o impedire alle persone di godere del loro diritto alla vita con dignità”.
Oltre alle uccisioni perpetrate nelle carceri, le forze di sicurezza dello Stato e le forze dell'intelligence hanno il via libera per aprire il fuoco su civili disarmati in qualsiasi momento.

Nel caso delle recenti proteste in Iran, la maggior parte delle persone uccise o ferite è stata colpita alla testa o al torace, il che indica l’intenzione di uccidere da parte delle forze statali, che è una violazione dei diritti umani fondamentali.
Anche nelle proteste del novembre 2019, l'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, aveva osservato lo stesso schema nel prendere di mira i manifestanti.

Nella sua dichiarazione del 6 dicembre 2022, la signora Bachelet ha affermato di aver ricevuto rapporti dall'Iran che indicavano che "le forze di sicurezza sparavano alle spalle di manifestanti disarmati mentre stavano scappando e sparavano ad altri direttamente in faccia e agli organi vitali, in altre parole sparavano per uccidere. Si tratta di chiare violazioni delle norme e degli standard internazionali sull'uso della forza e gravi violazioni dei diritti umani".

Scrive l'Associazione ``nessuno tocchi il Caino" occorre aggiungete a questi, i numerosi casi in cui le forze di sicurezza hanno aperto il fuoco su facchini, trasportatori di carburante, venditori ambulanti, ecc.

Questa è stata la prassi del regime iraniano da molti anni, che deve essere affrontata dalla comunità internazionale e dai difensori dei diritti umani e dalle organizzazioni.
In questa giornata mondiale contro la pena di morte, Iran HRM coglie l'opportunità per invitare funzionari ed esperti competenti a prendere provvedimenti urgenti per fermare le uccisioni arbitrarie in Iran, che privano i cittadini iraniani del loro diritto alla vita.

Fonte : NESSUNO TOCCHI CAINO

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI