Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 25 Gennaio 2022

il monito di Draghi: "Il superbonus rischia di fare la fine dei soldi del Biafra"

"La Repubblica si nutre delle esperienze delle comunità raccolte nelle autonomie che la animano. Anche per questo, va rivolta particolare attenzione ai sintomi di disaffezione che talvolta si manifestano". È l'appello del Presidente Mattarella sottolinea l'Agenzia di stampa Agi.

"Non ci si deve disorientare di fronte alle difficoltà. Non ci si deve rassegnare a quella che può apparire indifferenza verso la cosa pubblica", ha precisato invitando tutti a "recuperare il consapevole coinvolgimento dei cittadini" e ad avere "cautela nel ricorrere a misure che sembra possano ovviare a difficoltà momentanee e che, tuttavia, inciderebbero sui modelli di partecipazione democratica, accettando la riduzione di livello. La democrazia è la base della vita della Repubblica: se si indebolisce nella vita dei Comuni – come di ogni livello istituzionale – ne risente l'intera società".

Nei mesi scorsi “abbiamo dato dimostrazione di saggezza e volontà di ripresa. È stato fatto un grande lavoro. Occorre adesso prevenire e contrastare le ulteriori, pericolose insidie, che provengono dai nuovi contagi". Ha aggiunto Mattarella.

“La dedizione quotidiana dei sindaci è stata decisiva per far fronte sul campo, unitamente all'impegno degli operatori sanitari, alla crisi che il nostro Paese ha dovuto affrontare con la pandemia - ha concluso - una prova difficile, in tanti momenti drammatica, che ha evidenziato la capacità di coesione della nostra società” rivolgendo “un pensiero di riconoscenza agli amministratori locali che hanno perduto la vita a fianco dei loro concittadini colpiti dal virus”.

Intanto Le agevolazioni fiscali restano ma servono controlli per evitare abusi e che perdono credibilità. E' il ragionamento fatto dal presidente del Consiglio, Mario Draghi, durante la Cabina di regia che si è tenuta a palazzo Chigi in preparazione del decreto legge che approderà sul tavolo del Consiglio dei ministri.

Il premier, secondo quanto si apprende, ha sottolineato il problema del rincaro dei prezzi aumentati con le detrazioni al 110%. Occorre mantenere la fiducia dei cittadini, il ragionamento del Capo dell'esecutivo.

Draghi nel suo ragionamento ha fatto riferimento agli stanziamenti riservati al Biafra ma che andarono persi a causa della corruzione

Mario Draghi ha sottolineato Agi,ha citato il precedente degli aiuti al Biafra per sottolineare l'importanza di arginare le frodi per preservare i bonus edilizi. A chi avanzava dubbi sull'introduzione di controlli eccessivi sul Superbonus, il presidente del Consiglio ha replicato ricordando la sfiducia dei cittadini quando, negli anni '70, gli aiuti al Biafra finirono inghiottiti dalla corruzione e questo indebolì la credibilità dei fondi per lo sviluppo. Anche in vista delle risorse legate al Next Generation Eu, l'avvertimento è che se le frodi fanno perdere fiducia nei bonus, ne va della loro esistenza in futuro.    

Il riferimento di Draghi è all'operazione umanitaria internazionale scrive l'Agi,per la guerra tra il 1967 e il 1970 con cui il Biafra, regione sud-orientale della Nigeria, tentò la secessione dopo la fine dell'era coloniale. Dal 1968 il governo nigeriano aveva bloccato completamente la regione da terra, mare e aria e questo causò una spaventosa carestia considerata tra le più gravi dell'era moderna. Le drammatiche immagini delle persone morenti favorirono una mobilitazione internazionale e i volontari portavano aiuti ai civili con i ponti aerei promossi dalla Croce Rossa Internazionale e dalle Chiese protestante e cattolica.      

L'operazione come scrive l agenzia Agi,finì però sotto attacco per la sua inefficacia e per aver prolungato le sofferenze con il sostegno di fatto alla lotta indipendentista, anche perché in molti casi gli aiuti finirono per alimentare la corruzione o per coprire l'invio di armi. Quando la guerra si concluse con la sconfitta del Biafra nel gennaio 1970, due milioni di persone erano morte a causa di fame e malattie o nei combattimenti e l'opinione pubblica internazionale critica gli sterili tentativi di assistenza.    

Il Biafra segnò una rottura dal tradizionale schema dell'aiuto umanitario della Croce rossa e degli Stati all'insegna della neutralità, per passare a operazioni più interventiste e attente ai media. Nel 1971 da quell'esperienza nacque Medici senza frontiere dove l'obiettivo era creare un'organizzazione medica che agisse in situazioni di emergenza e fosse più libera nelle parole e nei fatti. Tra i fautori dell’accordo di fondazione c’erano Raymond Borel e Philippe Bernier, giornalisti della rivista medica Tonus che avevano sperimentato l'inefficacia dell’azione internazionale in Biafra in prima persona.  

 Fonte l'agenzia Agi

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI