Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 28 Settembre 2021

11 settembre, primo anniversario senza guerra in Afghanistan

Per la prima volta, dopo venti anni, l'America quest’anno vive un'angoscia diversa, dovuta ai danni e all ritiro dall'Afghanistan e il potere e stato preso dai Talebani. Ma il ricordo dell'11 Settembre è sempre vivo. Quel giorno cambiò il mondo. Ci rendemmo conto che il terrorismo internazionale di al Qaeda, mosso dall’integralismo islamico, non si fermava davanti a nulla, pianificando un attacco mostruoso che avrebbe causato migliaia di morti. Furono dirottati quattro aerei civili per colpire altrettanti obiettivi simbolo degli Stati Uniti: il Pentagono, la Casa Bianca (strage evitata grazie all’azione eroica dei passeggeri e dell’equipaggio) e le Torri Gemelle del World Trade Center di New York. In tutto furono quasi tremila le vittime.

A morire in seguito agli schianti e al crollo delle Torri Gemelle quasi 3mila persone, tra cui molti vigili del fuoco e poliziotti intervenuti per i soccorsi. Al primo minuto di silenzio durante la cerimonia ne seguono altri cinque per ricordare il secondo schianto contro la torre sud, i momenti del crollo delle Twin Towers, l'aereo che si e' abbattuto sul Pentagono a Washington e quello precipitato in un campo della Pennsylvania prima di arrivare a colpire probabilmente la sede del Congresso americano.

La guerra in Afghanistan, iniziata il 7 ottobre 2001, ha visto l'avvio delle ostilità con l'invasione del territorio controllato dai talebani, da parte dei gruppi afghani loro ostili dell'Alleanza del Nord, mentre gli USA e la NATO hanno fornito, nella fase iniziale, supporto tattico, aereo e logistico. Nella seconda fase, dopo la conquista di Kabul, le truppe occidentali, statunitensi e britannici in testa, hanno incrementato la loro presenza anche a livello territoriale per sostenere il nuovo governo afghano: Operazione Enduring Freedom.

L'amministrazione Bush ha giustificato l'invasione dell'Afghanistan, nell'ambito della guerra al terrorismo, seguita agli attentati dell'11 settembre 2001, con lo scopo di distruggere al-Qaida e di catturare o uccidere Osama bin Laden, negando all'organizzazione terroristica la possibilità di circolare liberamente all'interno dell'Afghanistan attraverso il rovesciamento del regime talebano. A dieci anni dall'invasione, il 2 maggio 2011, le forze statunitensi hanno condotto un'incursione ad Abbottabad, vicino Islamabad in Pakistan, uccidendo, nel suo rifugio, il leader di al-Qaida, Osama bin Laden.

A partire dall'invasione dell'Iraq del 2003, la guerra in Afghanistan ha perso priorità tra gli obiettivi dell'amministrazione degli Stati Uniti, riacquistando solo a partire del 2009 sotto l'amministrazione Obama. A partire dal 2015, l'operazione della NATO ISAF è stata sostituita dall'Operazione Sostegno Risoluto, tesa a continuare l'aiuto al governo afghano con un minor numero di truppe, nel contesto di un aumento delle offensive dei talebani.

Nel maggio 2021 viene avviato il ritiro dall'Afghanistan delle ultime truppe statunitensi e della coalizione NATO. In concomitanza con il ritiro, le forze talebane lanciarono attacchi in diverse aree del Paese, riconquistando la parte settentrionale. Il 15 agosto i talebani entrano anche nella capitale Kabul, mentre il presidente afghano Ashraf Ghani fugge inizialmente o in Uzbekistan o in Tagikistan,alla fine si scopre che era rifugiato negli Emirati Arabi Uniti.

Intanto oggi andati via dall'Afghanistan i Americani, I talebani hanno annunciato i nomi dei primi membri del governo del nuovo Emirato islamico, tutti esponenti dell'ala dura delle milizie da anni. In una conferenza stampa, il portavoce Zabihullah Mujahid ha detto che l’Afghanistan "ha affrontato una grave crisi” e che “alcuni ministeri devono essere ancora assegnati". Mujahid ha specificato che i talebani sono alla ricerca di figure di “alta professionalità anche nel ruolo di vice e sottosegretari." Il primo ministro ad interim sarà Mohammad Hasan, nella lista Onu dei terroristi. I ministri della Difesa e dell'Interno saranno il mullah Yaqoub e Serajuddin Haqqani, quest'ultimo ricercato dall'Fbi. Intanto resta alta la tensione a Kabul, dove nella giornata di oggi i talebani hanno sparato contro i partecipanti a una manifestazione di protesta contro il Pakistan. 

Scelti anche i ministri della Difesa e dell’Interno. A ricoprire il primo ruolo sarà il mullah Yaqoub. Per il secondo ministero è stato scelto Serajuddin Haqqani, leader dell’omonima rete alleata dei talebani e ritenuta vicina ad Al Qaeda, ricercato dall’Fbi per terrorismo. Su Haqqani pende una taglia di 5 milioni di dollari.

"Mentre continuiamo a riprenderci da questa tragedia, sappiamo per certo che non c'è nulla che l'America non possa superare. I semi del caos, piantati quel settembre da coloro che desideravano ferirci, sono fioriti invece in campi di speranza per un futuro più luminoso": Joe Biden cerca di infondere ottimismo mentre proclama il 10 e l'11 settembre 'Giornate nazionali di preghiera e ricordo' in occasione del ventennale degli attentati di Al Qaida alle Torri Gemelle e al Pentagono, e di quello fallito contro Capitol Hill.

Sarà il primo anniversario senza la guerra in Afghanistan lanciata poche settimane dopo contro la rete di Osama bin Laden (e i talebani che l'avevano ospitata), la più lunga della storia americana. Ma con l'ombra del caotico ritiro deciso da Biden, che la prossima settimana sarà sotto i riflettori del Congresso con la prima audizione del segretario di Stato Antony Blinken.

Insieme alle immagini di quella tragedia che le tv continuano a riproporre in speciali, documentari, interviste: aerei che trapassano grattacieli, fumo che oscura il cielo, torri ridotte a polvere, feriti in fuga, eroi tra le fiamme. Biden promette che le 2.977 vittime "non saranno mai dimenticate", insieme alla "stessa tenacia con cui noi difendiamo i valori americani che sono la radice della nostra forza". E invita a riflettere sulla libertà e la tolleranza, "parte del nostro carattere americano". 

Dopo l'annuncio del loro governo di soli uomini, i Talebani fanno piombare la scure sui diritti delle donne. Nel nuovo Emirato islamico dei mullah, le afghane non potranno più praticare alcuno sport che "esponga i loro corpi" o le mostri ai media.

Le dichiarazioni e le prime azioni degli studenti del Corano appaiono in effetti lontanissime dalle iniziali promesse di scelte "inclusive". Mosse che hanno subito scatenato proteste nel Paese, dove da giorni sit-in e manifestazioni contro il nuovo potere e a difesa dei diritti delle donne si susseguono in diverse città, da Kabul a Mazar-i-Sharif. Dopo l'appello a non riconoscere la legittimità del nuovo esecutivo da parte del leader della resistenza Ahmad Massoud, che l'ha definito "un segno dell'ostilità contro il popolo afghano" ed è tornato a denunciare i massacri di civili nel Panshir, decine di donne oggi sono scese nuovamente per le strade della capitale afghana e nella provincia nordorientale di Badakhshan per denunciare la loro esclusione da tutti i ruoli di governo, con tanto di cancellazione del ministero incaricato di occuparsi degli Affari femminili. Diverse dimostranti sono state picchiate con dei bastoni e il corteo è stato disperso, secondo quanto riferiscono media locali. Alcune sono state colpite "con una frusta e ci hanno intimato di andare a casa e accettare l'Emirato. Ma perché dovremmo, se non veniamo incluse e ci vengono negati i nostri diritti?", ha raccontato una manifestante alla Cnn. Stessa sorte toccata a diversi giornalisti, picchiati e detenuti.

Cosi in un'intervista all'emittente australiana Sbs news, il vicecapo della Commissione cultura dei sedicenti studenti coranici, Ahmadullah Wasiq, dipinge un futuro che somiglia sempre più a un incubo mentre nel Paese scatta anche il divieto di tutte le manifestazioni non autorizzate.

"Non credo che alle donne sarà consentito di giocare a cricket, perché non è necessario che le donne giochino a cricket", ha dichiarato l'esponente talebano, affermando che nel gioco "potrebbero dover affrontare situazioni in cui il loro viso o il loro corpo non siano coperti" e che "l'Islam non permette che le donne siano viste così". Inoltre, "questa è l'era dei media, e ci saranno foto e video, e la gente li guarderà". Alle afghane, ha aggiunto Wasiq, sarà consentito uscire di casa solo per soddisfare i "bisogni" essenziali, come "fare la spesa", e lo sport non è tra questi. Come non lo è manifestare. Né per loro né per gli uomini: il ministero dell'Interno afghano ha annunciato il divieto di ogni manifestazione senza un'autorizzazione da "chiedere almeno 24 ore prima", comunicando tutti i dettagli. "Le proteste disturbano la vita normale, molestano le persone" e creano problemi di sicurezza, ha affermato il nuovo governo dei mullah.

I primi effetti della fatwa sullo sport femminile potrebbero vedersi molto presto. E nell'Afghanistan in cui il cricket è sport nazionale, a rischio c'è anche l'atteso match previsto a novembre in Australia tra le due nazionali maschili per l'International Cricket Council, che richiede a tutti i suoi 12 membri di avere anche una squadra femminile. Una deriva già temuta dalle atlete della nazionale di ciclismo. Almeno 25 di loro erano riuscite a lasciare in tempo il Paese, passando per il Tagikistan, e sono state accolte temporaneamente negli Emirati, in attesa di completare i documenti per arrivare in Canada. Una fuga dettata proprio dalla convinzione che i Talebani non sarebbero cambiati.

I mullah parlano di iniziative non autorizzate secondo le nuove regole ferree imposte dal ministro dell'Interno Sirajuddin Haqqani, ricercato per terrorismo dall'Fbi. "Non è il momento delle proteste", aveva avvisato minaccioso il loro portavoce, Zabihullah Mujhaid. Col passare del tempo, la repressione si fa insomma sempre più dura. Diversi cortei erano già stati dispersi con colpi d'arma da fuoco, sparati in aria ma non solo, come dimostrano le tre vittime di ieri a Herat. E la stretta colpisce sempre di più anche i reporter. Numerosi sono i cronisti locali e stranieri che hanno denunciato di essere stati trattenuti per ore dalla sicurezza talebana per impedire la copertura mediatica delle proteste. Episodi che hanno coinvolto anche alcuni italiani. Da qui l'invito partito in serata dalla Farnesina che ha ribadito lo "sconsiglio" a recarsi in Afghanistan, dove le condizioni di sicurezza già precarie sono "ulteriormente peggiorate" dopo la presa del potere dei fondamentalisti.

Fonti ansa tgcom24 wikipedia e altre agenzie

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI