Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 25 Febbraio 2021

Riprese nel pomeriggio le consultazioni di Mario Draghi

Riprendono nel primo pomeriggio le consultazioni di Mario Draghi. La sua unità nazionale prenderà forma in questo secondo giro. Il presidente del Consiglio incaricato è a Palazzo Montecitorio.

Mario Draghi riparte oggi con una seconda tornata di incontri, a ritmi più serrati, per spiegare qual è il suo piano di azione in vista della formazione del governo. Lo schema è sempre lo stesso: si parte dalle componenti e si chiude, domani pomeriggio, con il gruppo più numeroso. Un quarto d'ora ai primi, mezz'ora ai secondi.

Al termine delle consultazioni potrebbe svolgersi un confronto con le parti sociali. Dopodiché, il presidente incaricato potrebbe salire al Colle per riferire a Sergio Mattarella l'esito degli incontri con i partiti. Se fosse confermato il sostegno ampio dei partiti che sembra esserci, Draghi potrebbe sciogliere la riserva e presentare la lista dei ministri entro mercoledì. Resta il rebus sulla squadra che lo affiancherà, se sarà composta da ministri tecnici o politici, oppure farà ricorso a una forma ibrida.  Stando quanto riferito dai partiti al termine del primo giro di consultazioni, in cima alle preoccupazioni del premier incaricato il tema dell'emergenza sanitaria e della revisione del piano vaccinale oltre alla scadenza del blocco dei licenziamenti, fissata a fine marzo. Diversi partiti - in primo luogo Forza Italia e Italia viva - chiedono poi che sia riscritto il Recovery plan redatto dal governo Conte II. Sul fronte della squadra, sia M5s che Lega chiedono la formazione di un governo politico, con la differenza che il partito di via Bellerio sostiene di voler lasciare a Draghi 'carta bianca' non ponendo condizioni sulla partecipazione degli altri partiti, né' veti sulle persone. 

Oggi e domani Mario Draghi vede per la seconda volta i partiti e dovrà fare quella “sintesi” che ha promesso alle forze politiche. Si apre la fase più delicata di tutte: l'ex presidente della Bce ha ottenuto i Sì della maggioranza che ha sostenuto il governo Conte 2, ma anche quelli di Lega e Forza Italia. Un solo partito ha annunciato che vuole stare fuori dal gioco: Fratelli d’Italia. Fin qui tutto chiaro. Ora però tocca a Draghi: sarà lui a dover spiegare con quale incantesimo intende tenere insieme forze così distanti e dimostrare quelle doti che gli vengono attribuite praticamente all'unanimità. Come può esserci un dialogo tra sovranisti e giallorossi?

"Non c'è un pregiudizio personale nei confronti del presidente incaricato Mario Draghi, ma piuttosto c'è un'esigenza di chiarezza e di coerenza - ha spiegato il capogruppo dei senatori di Fratelli d'Italia, Luca Ciriani, in collegamento con UnoMattina - . In questi anni Fratelli d'Italia ha sempre fatto un'opposizione responsabile, votando quei provvedimenti utili per il Paese e per gli italiani. Per noi si può essere utili alla Nazione anche rimanendo all'opposizione senza chiedere posti di governo. Ecco, quando si tratta degli interessi generali dell'Italia noi ci siamo, ma non possiamo partecipare a un governo che mette insieme il M5S, il Pd e pezzi del centrodestra anche perché una maggioranza con dentro tutti non funzionerà, così come quella gialloverde e poi giallorossa. Infatti, quando si mettono insieme partiti troppo diversi l'esito è la paralisi del governo. E' un film che abbiamo già visto e non crediamo sia il caso di insistere". "Fratelli d'Italia è nata per creare un'alternativa di centrodestra e abbiamo promesso ai nostri elettori che mai avremmo governato insieme alla sinistra e noi siamo un partito che crede nella coerenza e abbiamo fatto della coerenza la nostra bandiera. Perciò coerentemente con quanto promesso rimarremo all'opposizione votando, come ha spiegato il nostro presidente Giorgia Meloni, quei provvedimenti utili al Paese".  

"Siamo stati decisivi nel Conte I con provvedimenti simbolo come il Reddito di Cittadinanza e la legge anticorruzione. Siamo stati fondamentali nel Conte II con riforme che faranno la storia, come il taglio dei parlamentari.

E continueremo ad essere determinanti. Il MoVimento in questi anni ha sempre dimostrato serietà e responsabilità", ha scritto Luigi Di Maio su Fb, aggiungendo che "sentiamo il peso del 33% di voti ricevuti nel 2018, degli 11 milioni di italiani che ci hanno dato fiducia e che rappresentiamo in Parlamento".

Il centrodestra ha l'obiettivo di presentarsi unito "a tutte le elezioni amministrative" in programma questa primavera, ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini durante un punto stampa davanti alla sede di Regione Lombardia rispondendo a una domanda sul possibile cambio di rapporti all'interno della coalizione dopo il no di Fdi a Draghi. "Il centrodestra governa in 14 Regioni su 20 e l'obiettivo - ha aggiunto - è di presentarci uniti a tutte le amministrative".

"Altri mettono veti e fanno capricci, noi abbiamo buttato il cuore oltre l'ostacolo", ha aggiunto poi il leader della Lega. "Noi abbiamo raccolto l'appello del Presidente della Repubblica - ha aggiunto - senza mettere veti in casa d'altri". "Domani la priorità che porteremo al tavolo del professor Draghi, mentre altri si occupano di ministeri e di poltrone, sarà soprattutto la salute. C'è un modello lombardo che è il più avanzato dal punto di vista della messa in sicurezza della popolazione e delle vaccinazioni. Proporremo a Draghi il modello Bertolaso".

Per il coordinatore di Iv e vicepresidente della Camera, Ettore Rosato "Matteo Salvini sta rispondendo con intelligenza. Non ci vedo niente di strano, anzi credo che sia necessario che vengano rimossi paletti e veti e si faccia fare a Draghi il suo lavoro". "Le posizioni che sta assumendo la Lega sono di grandissima importanza - ha detto a L'Aria che Tira su La7 -. E lo stesso quello che sta facendo il M5s. Stiamo rendendo i sovranisti marginali nello schieramento politico" ha detto ancora Rosato che a proposito di governo tecnico o politico dice "sarà come preferisce Draghi. Mi sembra che ci sono molte pressioni per un governo politico ma noi non ci aggiungiamo".

"Sia chiaro, non ho dubbi che il Professor Draghi sia una persona onesta, preparatissima ed autorevole - ha scritto Alessandro Di Battista in un post dove aggiunge: "questo non significa che lo si debba appoggiare per forza. Io contrasto Draghi non sul piano personale ma su quello politico. E, ripeto, non cambio idea. Oltretutto l'assembramento parlamentare che si sta delineando è l'antitesi della Politica". "Ripeto. Si può rispettare un uomo anche facendo opposizione. Io la mia scelta l'ho presa, e vado fino in fondo".

"E' chiaro che con il governo Draghi non nasce una nuova maggioranza: quando si andrà a votare, una volta sconfitto il coronavirus, il centrodestra si presenterà insieme", ha spiegato il vicepresidente di Fi Antonio Tajani a L'Aria che tira su La7. "Io rispetto Meloni: certo avrei fatto un passo in più ma ha fatto comunque un discorso di grande responsabilità. Non c'è un arroccamento da parte di FdI".

 

Fonti Ansa / Rai /  fatto quotidiano

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI