Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 26 Settembre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:544 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1266 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2001 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1533 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1511 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1480 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1756 Crotone

Beirut : come un fungo atomico alto chilometri, attentato o incidente?

Una forte esplosione è stata riportata nella serata di martedì nella zona del porto di Beirut, capitale del Libano. La causa esatta non è stata ancora accertata: imponenti i danni, sale tragicamente il computo delle vittime.

La terrificante esplosione al porto di Beirut vista dal mare: si alza un fungo di fumo alto chilometri come quello causato da ordigni nucleari. Fra le migliaia di feriti anche un soldato italiano del contingente Unifil.

L'esplosione è avvenuta intorno alle ore 18 locali, una colonna di fumo alta più di un centinaio di metri si è alzata verso il cielo della capitale libanese.
Secondo quanto riportato dall'emittente televisiva "Al Majadin" l'esplosione è avvenuta nel blocco 12 del porto, in un capannone dove è stoccato materiale pirotecnico altamente infiammabile.

I residenti locali hanno affermato sui social che l’esplosione è stata talmente forte che in alcune case le finestre sono state distrutte. Prima si è sentita tremare la terra e solo pochi secondi dopo il suono di una forte esplosione.

Incidente o attentato? È la domanda che sorge spontanea nel guardare le immagini della gigantesca esplosione che ha sconvolto martedì pomeriggio il cuore di Beirut. Un enorme fungo di fuoco e detriti ha investito l’area del porto, non distante dal centro storico ricostruito dopo la guerra degli anni Settanta e Ottanta che aveva ridotto in macerie larga parte della capitale libanese.

I sospetti si tratti di un attentato sono sostanziati dalle notizie — ancora confuse — che giungono circa quella che sembrerebbe essere stata una seconda esplosione, avvenuta dopo quella principale, al porto, nei pressi della residenza dell'ex premier sunnita Hariri. Alcuni video mostrano, al porto, due esplosioni molto vicine una all'altra.

Secondo le prime ricostruzioni non si tratta di un attacco terroristico.
In interi quartieri del centro praticamente nessun edificio è rimasto con i vetri intatti. Fonti riferiscono che nella zona di Mar Mikhael nell'alto edificio di Electricité du Liban, l'ente elettrico nazionale, sono rimasti intrappolati molti dipendenti e che si è lavorato a lungo per trarli in salvo. Sull'autostrada costiera che va verso nord e che passa vicino al porto, per un lungo tratto si vedono auto semidistrutte, mentre la carreggiata è coperta di detriti. Anche all'aeroporto internazionale Rafic Hariri, distante alcuni chilometri, i danni all'aerostazione sono evidenti.

Nel porto di Beirut sono ancorate anche alcune unità navali dell'Unifil, la forza di interposizione dell'Onu al confine tra Libano e Israele. In serata fonti informate hanno detto all'ansa che squadre dei 'caschi blu' sono riuscite a raggiungere l'area dello scalo in elicottero e i membri degli equipaggi, che dovrebbero essere formati da marinai del Bangladesh, sono stati evacuati a Sidone. Fonti qualificate hanno detto invece che due militari italiani dell'Unifil sono rimasti feriti in modo non grave. Mentre in serata il presidente libanese Michel Aoun ha convocato una riunione d'emergenza del Supremo consiglio della Difesa presso il palazzo di Baabda, voci di ogni tipo si rincorrono sulle cause della deflagrazione.

"I responsabili della catastrofe ne pagheranno il prezzo", ha detto il primo ministro Hassan Diab in un discorso televisivo, senza tuttavia sbilanciarsi in alcuna ipotesi. Il capo delle forze di sicurezza nazionali, generale Abbas Ibrahim, ha detto all'origine del disastro vi è un incendio sviluppatosi in un deposito usato per custodire materiali altamente infiammabili sequestrati in passato. Un video circolato sui social media mostra dapprima una colonna di fumo nero alzarsi nel cielo. Poi, in quelle che sembrano le fiamme di un incendio, alcune deflagrazioni minori. Infine, un'esplosione gigantesca che investe anche il balcone da cui vengono riprese le immagini, molte centinaia di metri dal porto.

 I responsabili della "catastrofe" di Beirut dovranno darne conto": lo ha detto il primo ministro libanese Hassan Diab. "Quello che è successo oggi non passerà senza conseguenze - ha detto in un messaggio televisivo -. I responsabili di questa catastrofe ne pagheranno il prezzo".


Diab ha chiesto ai "Paesi amici" di aiutare il Libano. "Lancio un appello urgente a tutti i Paesi fratelli che amano il Libano a stare al suo fianco e ad aiutarci a guarire le nostre ferite profonde", ha detto il premier.

"Le terribili immagini che arrivano da Beirut descrivono solo in parte il dolore che sta vivendo il popolo libanese. L'Italia farà tutto quel che le è possibile per sostenerlo. Con la Farnesina e il ministero della Difesa stiamo monitorando la situazione dei nostri connazionali". Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

"L'Italia è vicina agli amici libanesi in questo momento tragico. I nostri pensieri vanno alle famiglie delle vittime, a cui esprimiamo il nostro profondo cordoglio, e alle persone ferite, a cui auguriamo una pronta guarigione". Lo dice il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, secondo un tweet della Farnesina.

L’esplosione a Beirut giunge in un momento delicato per la storia del Libano, alle prese con una crisi economica senza precedenti e con un governo tecnico che non riesce ad attuare le riforme necessarie a sbloccare i fondi internazionali per ridare vigore all'economia. Le cancellerie di Roma, Parigi, Londra e Washington e l'Unione europea si sono mobilitate per fornire sostegno al paese. 


Israele ha offerto al governo libanese - attraverso intermediari internazionali - "aiuti umanitari e medici e immediata assistenza di emergenza". L'iniziativa, a seguito dell'esplosione di oggi a Beirut, è del ministero degli affari esteri guidato da Gabi Ashkenazi e del ministero della difesa di Benny Gantz. Il presidente israeliano Reuven Rivlin ha detto che Israele condivide "il dolore del popolo libanese e offre sinceramente il suo aiuto un questo momento difficile".

Il martoriato Libano torna a vivere i peggiori incubi della guerra civile e delle crisi sanguinose che hanno segnato i 30 anni passati dalla fine di quel conflitto. Un'esplosione di potenza inimmaginabile - secondo alcuni testimoni udita fino a Cipro, a distanza di 200 chilometri - ha portato la devastazione e seminato il panico in tutta Beirut e nei sobborghi. Almeno 73 morti e 3.700 i feriti, secondo un bilancio ancora provvisorio della deflagrazione, avvenuta nel tardo pomeriggio nel porto e sulle cui cause regna l'incertezza. Il numero delle vittime potrebbe comunque aumentare, a giudicare anche dalle immagini diffuse dai social media e dalle televisioni che mostrano persone rimaste intrappolate sotto le macerie di edifici crollati.

Il generale Abbas Ibrahim, riferisce Al Jazeera, ha visitato il sito dell'esplosione sottolineando che la causa è da ricercarsi in materiale altamente esplosivo, proprio come il già citato nitrato di ammonio. C'è anche un'altra ipotesi: l'esplosione di un magazzino di armi di Hezbollah. È quella più accreditata fra varie fonti di intelligence occidentali citate dall'Adnkronos, secondo le quali ad esplodere non sarebbe stato un deposito di fuochi di artificio o un vasto quantitativo di nitrato di ammonio, come riferito dal ministro dell'Interno libanese Mohammed Fehmi, ma un deposito di armi delle milizie sciite libanesi filo iraniane

Secondo, Roberta La Fortezza, analista per la regione Medio Oriente e Nord Africa e Sahel per Ifi Advisory e dottore di ricerca in Storia delle Relazioni Internazionali, intervistato dall'agenzia Nova, a prescindere dal dilemma tra attacco e incidente e dalla possibilità che l'esplosione avvenuta oggi a Beirut possa anche essere utilizzata dalle varie fazioni (interne e non), la detonazione registrata nel porto della capitale potrebbe avere importanti conseguenze sulla stabilità del Libano. "Il porto della capitale è distrutto e per un paese import oriented come il Libano questo può diventare un fattore cruciale. Ciò è tanto più vero in questo particolare momento storico: il Libano si trova infatti a vivere la peggiore crisi economica dai tempi della guerra civile. Fosse anche solo un incidente, non sarebbe per nulla da sottovalutare", ha detto La Fortezza.

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI