Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 31 Marzo 2020

La biblioteca Pier Giorgi…

Mar 09, 2020 Hits:896 Crotone

Recital della violoncelli…

Feb 18, 2020 Hits:1355 Crotone

I gazebo della Lega sul l…

Feb 14, 2020 Hits:1572 Crotone

Al Lucifero celebrata la …

Feb 11, 2020 Hits:1174 Crotone

I premi di Affidato al 70…

Feb 10, 2020 Hits:1239 Crotone

Cerrelli: con la Lega Cro…

Feb 08, 2020 Hits:1265 Crotone

AI Tecnici dell’AKC Greco…

Gen 31, 2020 Hits:1514 Crotone

Barbuto e Corrado (M5S): …

Gen 21, 2020 Hits:1648 Crotone

Restrizioni del decreto ‘Io resto a casa’ del 9 marzo

Le ultime parole di Giuseppe Conte annunciano l'estensione della cosiddetta zona rossa in tutto il territorio italiano. O meglio, "ci sarà l'Italia zona protetta".

Il tempo stringe e i numeri parlano di un' ”importante crescita” dei contagi. È questo che ha spinto il governo a chiedere al popolo italiano delle rinunce per il bene del Paese. Pronte misure ancora più forti e stringenti, che saranno valide da Nord a Sud, isole comprese. "Sto per firmare il provvedimento 'Io resto a casà – ha detto Conte - Non ci sarà più una zona rossa. L'Italia sarà zona protetta. Ho sentito le opposizioni. Siamo tutte sulla stessa barca. E' giusto che siano coinvolte"".

Fino al 3 aprile le scuole e le università restano chiuse (anche se si parla di spostare la riapertura a dopo Pasqua). Sospesi anche i corsi professionali, i master e le attività formative, salvo quelle rivolte alle professioni sanitarie e i corsi di Medicina. Tutte le istituzioni scolastiche sono invitate a fornire le attività didattiche online. Vengono sospese anche le riunioni degli organi collegiali delle scuole in presenza.

Il decreto stabilisce che chi viola le prescrizioni è punito con l'arresto fino a tre mesi e l'ammenda fino a 206 euro. Pene più gravi possono essere comminate per chi adotterà comportamenti, come ad esempio la fuga dalla quarantena per i positivi, che possono configurare il reato di delitto colposo contro la salute pubblica.

Il decreto è chiarissimo: non ci si potrà più muovere dal proprio Comune di residenza. Allo stesso tempo gli spostamenti saranno tranquillamente consentiti per motivi di lavoro, di salute (comprovati da certificato medico) o per «stato di necessità» (come ad esempio dover acquistare farmaci o alimenti introvabili nel proprio Comune). In tutti questi casi servirà mostrare una autocertificazione, scaricabile anche dal sito del nostro giornale, e compilarla. Dichiarare il falso farà scattare le sanzioni penali previste per la “dichiarazione non veritiere”.

“Misure di questo tipo, così rigide e gravi, andavano coordinate con le forze dell’ordine e le Forze armate”. L’ammiraglio Nicola De Felice attacca la pessima gestione della crisi coronavirus del Governo europeista Pd-M5s.

“L’aver fatto filtrare la notizia delle bozze del Dpcm sul coronavirus ha scatenato la fuga verso il Sud, il caos ed il panico che abbiamo visto alla stazione centrale di Milano. Il rischio di contagio al Sud è ora aumentato. Ciò la dice lunga su come è gestita la crisi”, scrive l’ammiraglio.

Un provvedimento del genere doveva essere coordinato con le forze dell’ordine e le Forze armate. Non possiamo essere governati da una cricca di incompetenti, incapaci e senza alcuna cognizione di causa. Uno Stato come quello italiano deve essere gestito da gente preparata, capace di mantenere nervi saldi e sangue freddo nei casi di crisi come questo. Che dire, facciamone buon insegnamento per quando andremo al governo”.

Il fatto che al nord hanno consentito di far conoscere le bozze del DPCM ha scatenato la fuga verso il sud, il caos ed il panico che abbiamo visto alla stazione centrale di Milano. Il rischio di contagio al sud è ora aumentato. Ciò la dice lunga su come è gestita la crisi. Un provvedimento del genere avrebbe dovuto essere coordinato con le Forze dell’Ordine e le Forze Armate. Non possiamo essere governati da una cricca di incompetenti, incapaci e senza alcuna cognizione di causa. Uno Stato come quello italiano deve essere gestito da gente preparata, capace di mantenere nervi saldi e sangue freddo nei casi di crisi come in questo caso. Che dire, facciamone buon insegnamento per quando andremo al Governo.

Punto per punto tutte le misure del nuovo decreto 'Io resto a casa', valido per l'intero territorio nazionale, isole comprese. Ecco come devono cambiare le nostre abitudini temporaneamente.

Il nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri (Dpcm) pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n°62 del 9 marzo 2020, riprende il precedente Dpcm dell’8 marzo che si riferiva solo a una porzione del territorio italiano e lo estende a tutta Italia.
Oltre a estendere le restrizioni del precedente decreto, il nuovo decreto ‘Io resto a casa’ aggiunge ulteriori restrizioni che valgono per tutto il territorio nazionale.

Le restrizioni del nuovo decreto ‘Io resto a casa’ sono entrate in vigore a partire dal 10 marzo 2020 e resteranno valide fino al 3 aprile prossimo compreso. Le restrizioni riguardano tutto il territorio nazionale, isole comprese. Tutti i settori sono coinvolti senza eccezioni.
Leggiamo le restrizioni nel dettaglio.

Assembramento di persone, Bar e ristoranti

Vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico su tutto il territorio nazionale.
Consentite le attività di ristorazione a bar e ristoranti dalle ore 6.00 alle ore 18.00. Ma i gestori hanno l’obbligo di garantire e far rispettare tra i clienti la distanza minima di 1 metro. In caso contrario sarà possibile applicare la “sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione”.

Attività commerciali, supermercati e alimentari

Le attività commerciali sono consentite, ma i gestori devono garantire la bassa affluenza nei loro locali.
Le medie e grandi strutture di vendita resteranno chiuse nelle giornate festive e prefestive.
I negozi di alimentari, macellerie e ogni altro tipo di attività dedicata al settore alimentare come anche il fruttivendolo, ecc.

Attività sportive ed eventi sportivi

Sospese tutte le competizioni sportive di ogni ordine e grado, significa che il campionato di calcio di Serie A, Serie B e di ogni altra categoria sono stati sospesi per decisione del Governo. Non si disputeranno nemmeno le partite a porte chiuse. Gli atleti professionisti e non professionisti potranno proseguire regolarmente gli allenamenti ma a porte chiuse.
Gli impianti dei comprensori sciistici resteranno chiusi.
Sospese le palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali, centri ricreativi.
Si disputeranno solo gli eventi internazionali già programmati come le gare di coppa nel calcio.

Attività scolastiche e Università

Sono sospesi i servizi per l’infanzia e le attività scolastiche di ogni ordine e grado, comprese le scuole superiori e l’Università, chiusi anche gli istituti professionali regionali e assimilati.

Viaggi nazionali e internazionali e spostamenti sul territorio

Evitare gli spostamenti delle persone fisiche in entrata e uscita dai territori predetti, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità come per motivi di salute. Il Dpcm aggiunge anche: “È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza”. Questo significa che non si può viaggiare per piacere sul territorio nazionale e non sarà probabilmente permesso di andare in vacanza all’estero agli italiani, fino a quando il decreto sarà in vigore. Potrà recarsi all’estero solo chi lavora o ha esigenze non rinviabili e comprovabili.

Luoghi di cultura e di culto e concorsi pubblici

I luoghi di culto potranno aprire se sapranno adottare “misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno 1 metro: cerimonie civili e religiose, compresi i funerali sono sospese.
Chiusi i musei e i luoghi di cultura.
Sospesi concorsi pubblici e privati a esclusione di quelli dove la valutazione dei candidati avviene “esclusivamente su basi curriculari” e in “modalità telematica”. Non rientrano nella sospensione i concorsi per il personale sanitario: medici, infermieri, operatori sanitari, personale protezione civile.

Chi deve fare quarantena

Chi presenta sintomatologie da infezione respiratoria con febbre superiore ai 37,5 °C deve restare a casa e limitare contatti sociali e deve chiamare il proprio medico curante.
“Divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus”.

Ci sono anche un omicida e tre persone legate alla mafia garganica tra i 23 ricercati evasi ieri dal carcere di Foggia durante la rivolta dei detenuti. L'omicida è Cristoforo Aghilar, il 36enne che il 28 ottobre scorso ha ucciso ad Orta Nova, nel Foggiano, Filomena Bruno, 53 anni, mamma della sua ex fidanzata. Tra i ricercati ci sono che tre detenuti di Mattinata (Foggia) legati al clan della mafia garganica: uno era in carcere per droga, uno per un assalto a un blindato e un altro per un tentato omicidio.ù

A quanto si apprende da fonti investigative, sono 77 i detenuti che sono riusciti a fuggire approfittando dei disordini, 54 quelli già catturati tra cui due che si sono costituti. Al momento per tutti l'accusa è di evasione, e successivamente sarà analizzata la posizione di ogni singolo detenuto. In nottata le forze di polizia hanno effettuato una ventina di perquisizioni nel Foggiano. Non è ancora chiaro se la protesta sia nata al momento dell'ora d'aria oppure se i detenuti siano riusciti ad aprire o a farsi aprire le celle per poi riversarsi davanti all'ingresso. Quattrocento quelli che hanno partecipato ai disordini. Devastate due palazzine ma anche l'infermeria e l'archivio del carcere.

Il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede terrà nell'Aula del Senato una informativa urgente sulla situazione delle carceri con l'emergenza coronavirus mercoledì alle 17. L'informativa, spiega Laura Garavini, è stata richiesta in conferenza dei capigruppo da Iv.

Il Garante nazionale delle persone private della libertà personale Mauro Palma esprime "forte preoccupazione" per le proteste da giorni in corso in diversi Istituti penitenziari, proteste "sfociate talvolta in violenze inaccettabili, con conseguenze gravissime, prime fra tutte la morte di alcune persone detenute".

Il Centro europeo per il controllo delle malattie (Edcd) segnala che nel mondo si sono verificati 109.695 casi di Covid-19, con 3.811 morti. Per quanto riguarda l'Europa e il Regno Unito, sono 11.577 i casi e 396 le morti, si legge sull'aggiornamento quotidiano di Twitter.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI