Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 14 Dicembre 2019

Cosa succede con il MES?

Secondo uno studio dell’UE prosegue declino generale della democrazia in Europa, soprattutto nei Paesi dell’est. “L’Europa ha un concetto strano di analisi della democrazia. Ritengono antidemocratica la Polonia perché a scuola fa educazione sessuale. L’UE non è un arbitro attendibile nelle sue analisi”.

Sul MES ricordate la Grecia : Il potere del MES è enorme e ha ucciso la democrazia in Europa. Il referendum greco del 2015 in grecia ha fatto capire il potere autoreferenziale è possibile e non si può mettere in discussione.


Le prerogative e le immunità autoreferenziali del MES ne fanno un sovrano assoluto sull’Europa. Poco importa che sia un “direttorio” e non una persona fisica. I suoi funzionari e il suo vertice sono la crema d’una nuova nobiltà al di sotto della quale, a vari gradi di lignaggio si collocano, le rimanenti frazioni della corte, coi burocrati della commissione e degli organismi UE. La Nomenklatura sovietica, al confronto, fu una confraternita di penitenti.


Aveva vince il No ad Atene no al Euro no alla austerita no al UE, ma la Grecia e stata messa in ginocchio. Non le e stata risparmiata alcuna misura che possa farle rimpiangere i bei tempi – si fa per dire – della sua appartenenza all’Unione.
Il combinato disposto di Commissione UE, Troika e MES può mettere in ginocchio qualunque paese UE, eccetto – chissà perché – la Germania e la Gran Bretagna.

Cosi “Pare che Conte abbia firmato un accordo per cambiare il fondo salva-Stati, di notte, di nascosto, un fondo ‘ammazza-Stati’, i giornalisti chiedano a Conte e Tria, se, senza l’autorizzazione del Parlamento, hanno dato l’okay dell’Italia, perché in quel caso sarebbe alto tradimento”. Matteo Salvini, via Facebook, lancia l’allarme sul nuovo accordo che il governo Conte avrebbe firmato in Ue “senza chiedere il via libera del Parlamento”.

“Se qualcuno ci infila in questa gabbia del Mes, i titoli di Stato rischiano di valere sempre meno”, aggiunge Salvini: “Se qualcuno ha firmato all’oscuro del popolo e del Parlamento lo dica adesso, altrimenti sarà alto tradimento e per i traditori in pace e guerra il posto giusto è la galera”. Sul tema si esprime anche Giorgia Meloni: “Conte ha dato ok a riforma Fondo salva stati (Mes) senza coinvolgere il Parlamento, che entro Dicembre sarà chiamato a ratificare questa nuova eurofollia: una super Troika onnipotente. Fdi farà barricate contro ennesimo tradimento verso il popolo. #StopMes”, twitta la leader di Fratelli d’Italia.

Sulla questione il 15 novembre è intervenuto il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, secondo cui la riforma del Mes deve essere gestita attentamente perché potenzialmente comporta “rischi enormi” . Parlando al seminario congiunto Official Monetary and financial institutions forum OMFIF-Banca d’Italia, il numero uno di Palazzo Koch ha spiegato che “i piccoli e incerti benefici di una ristrutturazione del debito devono essere ponderati rispetto all’enorme rischio che il mero annuncio di una sua introduzione possa innescare una spirale perversa di aspettative di default”. Inoltre, secondo Visco, “dovremmo tutti tenere a mente le terribili conseguenze dell’annuncio del coinvolgimento del settore privato nella risoluzione della crisi greca dopo il vertice di Deauville a fine 2010”.  

Ciascuno Stato dell’Unione vi partecipa pro-quota e vi sottoscrive una garanzia. L’Italia ha versato sinora  quasi 15 miliardi di euro, cioè poco meno di quattro punti di Iva, il valore di quasi quattro Imu. Lo Stato che ne facesse richiesta (perché sotto attacco speculativo e quindi col pericolo di default del debito sovrano) deve offrire importanti garanzie: dalla ristrutturazione del debito pubblico all’ipoteca sugli asset pubblici, cioè dare in pegno i “gioielli di famiglia” (riserve auree, porti, aeroporti, beni culturali, etc). Gli accordi vengono presi a tavolino tra lo Stato richiedente, la Commissione europea e il MES, riunioni a cui partecipa anche l’Eurogruppo, cioè l’insieme dei ministri delle finanze dei Paesi dell’area euro. In pratica ciascuno Stato mette i soldi, ma se poi gli servono per calmierare i mercati deve prima fare “macelleria sociale”. E il ricorso al MES muta anche la giurisdizione sul debito sovrano, che – per la quota cui si fa ricorso – viene totalmente sottratta alla giurisdizione nazionale. Ma non è solo questo. La riforma del MES prevede anche un altro problema: la riduzione del valore nominale dei titoli del debito pubblico. Ci spieghiamo meglio. Se l’investiore ha acquistato un titolo di Stato del valore di 100, nel caso in cui lo Stato facesse ricorso al MES, questo potrà autonomamente provvedere alla riduzione del valore del titolo, con una perdita significativa per il risparmiatore. Insomma, un sistema di strozzinaggio legalizzato.

Il Meccanismo Europeo di Stabilità, detto originariamente “fondo salva-Stati”, è una organizzazione intergovernativa similare al FMI (Fondo Monetario Internazionale). Nato nel 2010 per far fronte soprattutto alla crisi greca, ha poi visto una ristrutturazione normativa nel 2011, sfociata in un Trattato ratificato dal Parlamento italiano nel 2012 (maggioranza Pd-PdL-Udc, governo Monti).  

Giuseppe Conte e Giovanni Tria, scrivono Paolo Becchi e Giuseppe Palma sul Libero  all’epoca rispettivamente Presidente del Consiglio e Ministro dell’economia del governo giallo-verde, sia nel giugno 2018 che nel giugno 2019 hanno concordato in seno all’Eurogruppo la riforma del MES voluta da Francia e Germania. Il tutto senza informare i due partiti che componevano quel governo (M5s e Lega), ovvero senza dare spiegazioni in merito agli accordi specifici intrapresi. In parole semplici la riforma franco-tedesca, a cui l’Italia ha in linea di massima aderito, prevede il “pilota automatico”. Lo Stato metti i soldi, se poi gli servono perché in difficoltà non passerà più da una discussione “politica” con Commissione, MES ed Eurogruppo,  ma da un sistema automatico che prevede l’obbligo di ristrutturazione del debito pubblico nella misura di una riduzione fino al 60% del Pil, ovvero del 5% annuo (circa 40 miliardi di tagli alla spesa pubblica ogni anno!). Quello che, in sostanza, prevede il Fiscal Compact. L’Italia ha oggi un rapporto debito pubblico/Pil di circa il 134%. Si immagini cosa accadrebbe se facesse ricorso al MES dopo la riforma.  Salvo rinvii, a dicembre di quest’anno inizierà l’iter di ratifica del nuovo Trattato sul MES. L’augurio è quello di un sussulto di indipendenza e quindi di un arresto di questo percorso perverso.

Giuseppe Conte, che al momento si è difeso di non aver ancora firmato nulla, ha svenduto l’Italia per accreditarsi presso Bruxelles ed ottenere il via-libera al Conte bis? Probabile che sia andata così. Visto che si è sempre definito l’ “avvocato del popolo”, scrivono Paolo Becchi e Giuseppe Palma sul Libero, Conte dovrebbe sapere che il codice penale, all’art. 264 (rientrante nella rubrica dei delitti contro la personalità dello Stato), prevede che “chiunque, incaricato dal Governo italiano di trattare all’estero affari di Stato, si rende infedele al mandato è punito, se dal fatto possa derivare nocumento all’interesse nazionale, con la reclusione non inferiore a cinque anni”. Conte ha agito  in modo “infedele”, anche perché – quale elemento oggettivo del reato secondo l’orientamento prevalente della giurisprudenza e della dottrina – è sufficiente la sussistenza del “nocumento all’interesse nazionale”, che ci pare evidente. Giampaolo Galli, membro dell’Osservatorio dei Conti Pubblici Italiani presso Università Cattolica a Roma e deputato del Pd nella passata Legislatura, nell’audizione del 6 novembre 2019 presso le Commissioni riunite Va e XIVa della Camera dei deputati, ha definito la riforma del MES “un colpo di pistola a sangue freddo alla tempia dei risparmiatori, una sorta di bail-in applicato a milioni di persone che hanno dato fiducia allo Stato comprando titoli del debito pubblico”. È proprio così.

La Magistratura al momento è impegnata a perseguitare Salvini  sul caso Savoini e i porti chiusi,  ma se il Parlamento, come auspicabile, alla fine respingesse la ratifica del nuovo Trattato,  la Magistratura dovrebbe aprire un fascicolo nei confronti di Giuseppe Conte e Giovanni Tria, iscrivendo  la notizia  di reato  per “infedeltà in affari di  Stato”. E subito dopo Conte dovrebbe dare le dimissioni.

Durissima replica di Palazzo Chigi alle accuse mosse da Matteo Salvini su una presunta revisione del Mes. “La Presidenza del Consiglio ha l’obbligo di chiarire le notizie infondate e false diffuse, anche oggi, dal senatore Matteo Salvini. Innanzitutto, la revisione del Trattato sul Meccanismo Europeo di Stabilità (MES) non è stata ancora sottoscritta né dall’Italia né dagli altri Paesi e non c’è stato ancora nessun voto del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, o degli altri Capi di Stato e di governo europei sul pacchetto complessivo di questa riforma. In definitiva, nessuna firma né di giorno né di notte” puntualizzano, piccate, fonti di Palazzo Chigi.

“La sottoscrizione è calendarizzata per il prossimo mese di dicembre e il ministro dell’Economia Gualtieri ha già chiarito, per iscritto – viene inoltre precisato – la sua disponibilità a riferire alle Camere l’avanzamento dei lavori e a illustrare nel dettaglio i contenuti della riforma, anche con riguardo all’intero pacchetto. Si ricorda che, in ogni caso, il Parlamento ha un potere di veto sull’approvazione definitiva della revisione Trattato Mes e avrà modo di pronunciarsi in sede di ratifica, quindi prima di ogni determinazione finale in merito alla sua entrata in vigore”.

Secondo un esponente della Lega : “Non possiamo permetterci di dare altri 14 miliardi di Euro per questo fondo e non possiamo accettare una modifica del Mes che dice che, qualora dovessimo avere necessità di riprenderci i nostri soldi, ci troveremmo obbligati a politiche di rigore e a cedere gli asset strategici del Paese ad altri Paesi europei. Da un lato serve che Conte chiarisca tutto in Parlamento, dall’altro serve che sia chiaro che l’Italia non accetta nessuna modifica in questa direzione altrimenti ipotecheremmo il Paese.

L’Europa e la globalizzazione ci hanno già portato via molto, non vorremmo che ci portino via anche un altro patrimonio degli italiani, ovvero i nostri risparmi. Quando eravamo al governo il Mes è stato oggetto di discussione e l’indirizzo di lega e M5S era chiaro: non andare a peggiorare la situazione con la modifica del fondo salva stati. Portogallo ha usufruito del fondo? L’attuale condizione non obbliga loro a cedere gli asset strategici del Paese come invece prevede la nuova proposta. Inoltre non hanno un debito pubblico alto come quello italiano. E poi quando tocca all’Italia su questi meccanismi rischiamo di uscirne stritolati perché la finanza guarda con molto interesse ai risparmi delle famiglie italiane e noi dobbiamo difenderli”.

“Conte è stato portato nel ruolo di primo ministro dal popolo e lui stesso si era dichiarato avvocato del popolo. Oggi per salvare la sua poltrona ha fatto un patto col diavolo, diventando burattino di Berlino e Parigi. Fanno bene Lega e M5S a guardare con attenzione gli impegni, le firme e i comportamenti di Conte. Si corre il rischio che per prendere ordini da Francia e Germania Conte possa ipotecare il Paese.


 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI