Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Novembre 2019

Giorgetti: «Se litigiosità resta così dopo il voto non si può andare avanti»

Troppi litigi all'interno della maggioranza M5S-Lega, e Giancarlo Giorgetti, il numero due del Carroccio, parlando del futuro del governo, ribadisce: «Se litigiosità resta così dopo il voto non si può andare avanti». «Elezioni anticipate a settembre ? domanda Vespa,  "Non ho mai paura del popolo che si esprime». Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, il leghista Giancarlo Giorgetti, a Porta a Porta, in onda stasera: «Se il Pd prende il 45% il 26 maggio...». E se la Lega prende il 35%? «In quel caso sono contento»

Giorgetti ha poi smentito di essere interessato a fare il commissario europeo. «Non lo saprei fare - ha risposto -. Anche nel governo ho detto: fatemi fare cosa so fare, non avrei saputo fare il ministro della difesa e dell'agricoltura, per esempio.  

Ci sarà fino alla fine della legislatura? «Penso di no, ho il sogno di andare su un lago a fare il pescatore». Così il sottosegretario alla presidenza del consiglio, Giancarlo Giorgetti, ha risposto durante la registrazione di Porta a Porta.

Abbiamo troppo da fare. E non esiste una maggioranza alternativa". Dopo settimane di insulti e attacchi, Matteo Salvini è visibilmente stufo del comportamento di Luigi Di Maio e dei big del Movimento 5 Stelle che non perdono mai occasione per entrare in gamba tesa contro la Lega.

L'appunto di accusa di Matteo Salvini non è proprio sbagliato e non ha preso un abbaglio, anzi. Nelle ultime settimane, infatti, per risollevarsi nei sondaggi e dunque nei consensi tra i cittadini-elettori in vista delle Europee del 26 maggio, il Movimento 5 Stelle ha virato a sinistra.

«Il rilancio degli investimenti - dice Giorgetti a porta a porta - è la componente cruciale per perseguire obiettivi di sviluppo economico sostenibile, socialmente inclusivo e tecnologicamente avanzato. Occorre invertire la tendenza dell'ultimo decennio caratterizzata da una drastica e strutturale riduzione degli investimenti pubblici e promuovere una ripresa vigorosa dell'economia italiana, puntando su un incremento adeguato della produttività del sistema Paese e del suo potenziale di crescita, in primo luogo attraverso il rilancio degli investimenti pubblici, a partire dalle grandi opere sino a quelle diffuse e di interesse locale». Il sottosegretario ne ha parlato in un passaggio del suo intervento nel corso della tavola rotonda 'Rilanciare gli investimenti pubblici: una strategia per l'Italia', nell'ambito del Forum Pa.

Di Maio e company., esaurita la spinta "a centro-destra" per la presenza totalizzante del leader della Lega, che sta polarizzando a sé tutta la destra, si è così spostato su un terreno lasciato libero. Quello del centro-sinistra, dove il Partito Democratico continua ad arrancare e a non risintonizzarsi sulle stesse frequenze del suo popolo e di quello italiano.

Ma chi c’è dietro la svolta a sinistra del M5s  ? Secondo informazioni giornalistiche un nome e un cognome, quello di Augusto Rubei. Il retroscena lo fa il Corriere della Sera , secondo il quale c'è proprio lo zampino del giornalista professionista classe 1985, nonché portavoce del ministro della Difesa Elisabetta Trenta, dietro il cambio di rotta.

Rubei, di fatto, ha scalzato Rocco Casalino ora concentrato solo su Palazzo Chigi, dov'è ufficio stampa del premier Conte, prendendo in mano le redini della comunicazione del Movimento 5 stelle, aprendo di fatto una fase nuova per il partito, in vista della tornata elettorale europea che sa di bivio, sia per la compagine pentastellata sia per la vita del governo.

Ma, attenzione: questo spostamento a sinistra è fatto di "ammiccamenti che hanno come scopo quello di punzecchiare la Lega, più che di allacciare rapporti con un Pd ancora odiato".

Secondo il quotidiano di via Solferino, inoltre, sarà Luigi Di Maio a chiudere la campagna elettorale in piazza della Bocca della Verità, a Roma, il 24 maggio: sul palco ci sarà lui, senza il cosiddetto garante Beppe Grillo…

Oggi, in una intervista al Corriere della Sera, intima agli alleati di mettersi al lavoro. "Abbiamo ancora tropo da fare", fa notare il ministro dell'Interno. "Sono troppe settimane che continuano a piovermi addosso insulti - si lamenta Salvini - io non rispondo". L'ultimo affondo contro di lui è la brutta battuta che Di Maio ha fatto ieri pomeriggio. Secondo il capo politico dei Cinque Stelle, prima il vicepremier leghista vestiva la felpa, poi, con il caso del sottosegretario Armando Siri, "ha indossato l'abito della vecchia politica". 

 

Nonostante la spocchia dei grilli, su un'ipotesi di crisi di governo, Salvini ribadisce che il governo ha "ancora tropo da fare". Ed elenca i prossimi obiettivi che l'esecutivo deve portare a casa: "L'obiettivo non è quota 100, è quota 41: se hai lavorato per 41 anni, vai in pensione. E poi la riforma della giustizia, della scuola, l'autonomia, la riforma fiscale". La lista è davvero lunga. E per il numero uno del Carroccio bisogna arrivare alla fine della legislatura per realizzare tutto quello che è stato promesso in campagna elettorale.

Nell'intervista al Corriere della Sera, Salvini snocciola i risultati che ha incassato da quando siede al Viminale. "I reati quest'anno sono diminuiti del 15%", spiega elencando nel dettaglio che le rapine sono diminuite del 20%, i furti del 15%, le estorsioni del 16%, gli omicidi del 12%, i tentati omicidi del 16% e le violenze sessuali del 32%. "Ah, dimenticavo - chiosa - gli sbarchi sono calati del 91%". Davanti a questi numeri si augura che "tutti i ministri portino il mio stesso fatturato positivo. Perché, appunto, abbiamo troppo da fare per dare soddisfazione a chi vuole che il governo salti. Certo, basta con gli attacchi".

Dietro gli attacchi dell'alleato pentastellato, Salvini teme che abbiano influito i sondaggi e le Regionali. "Noi abbiamo vinto dappertutto, ma quelle sono elezioni locali - conclude il titolare del Viminale - perché il governo sta lavorando e dunque i continui attacchi sono ingiustificati"

Perche Di Maio e m5s abbiano ritirato fuori la vecchia bandiera del conflitto di interessi. Un'arma puntata non solo verso il Cav, ma secondo il Giornale anche contro tutti quei personaggi che potrebbero contendere al movimento la rappresentanza dell'area moderata, ultimo obiettivo delle fantasmagoriche e spericolate congetture pentastellate.

Il primo contendente come riferisce il Giornale è proprio quel signore dai modi cortesi e sobri, che si siede quel giorno sulla poltrona della business dell'alta velocità che da Roma porta a Bologna, per andare a vedere la partita di campionato che contrappone il suo Torino al Parma. Parliamo di Urbano Cairo, cioè il patron di La7 e del Corriere della Sera, che è diventato, suo malgrado, uno degli incubi di chi è oggi al potere in Italia e una delle speranze di chi vorrebbe qualcosa di diverso dalla maggioranza gialloverde.

Quello che da più fastidio a Di Maio e soci è proprio il nicchiare del personaggio, il dire e il non dire se entrerà o meno nella vita pubblica italiana, un comportamento che è già il segno di una certa sagacia politica. «Certo che c'è uno spazio enorme ammetteva un mese fa il presidente della Rcs -, su questo non c'è dubbio. Se sono tentato? Anche se lo fossi, non lo direi ora. A che pro? Mica si vota oggi, non è che uno scende in campo alle elezioni europee. Sarebbe solo una mossa avventata. Per usare i linguaggio del marketing rischierei solo di bruciare un prodotto, di svelarne qualità e segreti, con l'unico risultato di logorarlo».

Intanto accogliendo la richiesta della procura, il gip Nunzio Sarpietro ha archiviato la posizione del comandante Marc Reig Creus e del capo missione Ana Isabel Montes Mier. I due erano stati indagati per "associazione per delinquere finalizzata all'immigrazione clandestina" dopo aver soccorso, nel marzo dell'anno scorso, 218 immigrati clandestini al largo della Libia e averli fatti sbarcare nel porto di Pozzallo. Alla procura di Ragusa resta comunque pendente il fascicolo per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e violenza privata.

Il sequestro della Open Arms era stato convalidato dal gip Sarpietro, ma soltanto per il reato di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il fascicolo era stato poi trasferito, per competenza, alla procura di Ragusa che aveva reiterato la richiesta di sequestro che era stata rigettata il 16 aprile scorso dal gip Giovanni Giampiccolo. "Oggi è stato fatto un ulteriore passo verso la verità", hanno esultato i vertici della ong spagnola dopo l'archiviazione. "Le evidenze giudiziarie che stanno emergendo in questi ultimi mesi - hanno continuato - potranno costituire un argine verso le scellerate scelte della politica europea e sapranno ricostruire con chiarezza una tragica pagina storica, quella delle migliaia di vite annegate nel Mediterraneo centrale e del silenzio dell'Europa". E, mentre il team di Proactiva la fa franca, Salvini teme una nuova morsa giudiziaria contro di sé. "Nelle prossime ore ricomincerà il balletto...", ha paventato. Se così fosse, arriverebbe con una puntualità disarmante. Giusto giusto a dieci giorni dalle elezioni europee.

"Vi anticipo che nelle prossime ore ricomincerà il balletto sulle navi sequestrate". Matteo Salvini se lo aspetta. Tanto che, nel corso della presentazione del libro di Carlo Nordio La stagione dell'indulgenza e i suoi frutti avvelenati, lo anche detto senza troppi giri di parola. "Processo più processo meno... rischio 15 anni e li rischierò un'altra volta ma non cambio idea". La vicinanza con le elezioni europee e l'instabilità in Libia hanno fatto riprendere le pressioni politiche e giudiziarie sul Viminale.

E, mentre la Sea Watch 3 e la Mare Jonio sono già tornata a solcare il Mediterraneo, il gip Sarpietro ha accolto la richiesta della procura archiviando sul team della Open Arms. L'inchiesta era stata coordinata dal procuratore distrettuale Carmelo Zuccaro e dai sostituti Fabio Regolo e Andrea Bonomo che avevano disposto il sequestro dell'imbarcazione. L'ong spagnola era stata accusata di aver salvato i migranti per "portarli in Italia, senza rispettare le norme, anzi violandole scientemente". Non solo. Zuccaro aveva anche contestato a quelli di Proactiva di essersi rifiuti di "consegnare i profughi salvati a una motovedetta libica". "Nonostante la vicinanza con l'isola di Malta - si legge nelle carte dell'inchiesta - la nave proseguì la navigazione verso le coste italiane, come era sua prima intenzione".  

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI