Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Febbraio 2019

Italia in recessione, Di Maio: vecchi governi ci hanno mentito, mai usciti dalla crisi

Dicevano che la crisi era finita» e invece oggi con i dati Istat vediamo «il fallimento di una intera classe politica che gli italiani hanno mandato a casa il 4 marzo». «Non credo ci sarà bisogno di correggere le stime (per il 2019, ndr), nonostante la congiuntura economica difficile» e considerata «anche la guerra dei dazi». «Credo - ha aggiunto - che aiutando le fasce più deboli, i pensionati, le pmi e chi cerca lavoro permetteremo un aumento della domanda interna, immettendo 8 miliardi di euro ogni anno e 5 miliardi con il Tfs che entrano nei conti correnti»

«Io provocatoriamente non risponderò alle domande sull'immigrazione perché non è l'immigrazione il prima problema del Paese». Con questa formula Luigi Di Maio congela le domande sulla richiesta di processo piombata nella giunta autorizzazioni del Senato.  E allo stesso tempo punge proprio il ministro dell'Interno. L'evento si intitola "Se lo facciamo lo diciamo" e presenta le sette principali "conquiste del M5S" in economia. Ma il silenzio su tutto il resto è d'oro.

Chi stava al governo prima di noi ci ha mentito, non ci ha mai portato fuori dalla crisi». È questo il primo commento del vicepremier Luigi Di Maio in conferenza stampa dopo la diffusione dei dati Istat che hanno certificato la recessione tecnica dell'Italia.

«I dati dell'asta dei Btp sono molto incoraggianti, vuol dire che c'è grande fiducia nel nostro Paese. Un Paese che ha fatto una riforma delle pensioni, perché libereremo tanti posti di lavoro. Qualcuno dice non saranno un milione, ma sicuramente saranno più di quelli previsti prima di quota 100».

Il tasso di disoccupazione è sceso a dicembre 2018 al 10,3% (-0,2 punti percentuali). Lo comunica l'Istat, sottolineando che dicembre è stato il secondo mese consecutivo di calo. Malgrado ciò, la diminuzione non è stata sufficiente ad evitare un aumento della disoccupazione nella media del quarto trimestre, periodo in cui - in base ai dati ancora provvisori - si è registrato un aumento dei disoccupati pari a 63 mila unità (+2,4%). Ad aumentare, seppur lievemente, è invece il tasso di disoccupazione giovanile, pari al 31,9% (+0,1%).

Il tasso di occupazione a dicembre 2018 si è attestato al 58,8% in lieve aumento di 0,1 punti percentuali. Si tratta, spiega l'Istat comunicando il dato, del livello più alto da prima della crisi, ovvero da aprile 2008, quando era pari al 58,9%

Confermata la recessione tecnica anticipata ieri dal premier Conte: l'economia italiana nel quarto trimestre 2018 ha registrato una contrazione dello 0,2%: si tratta del secondo trimestre consecutivo di calo dopo il -0,1% del periodo luglio-settembre. «I dati Istat sul Pil testimoniano una cosa fondamentale: chi stava al governo prima di noi ci ha mentito, non ci ha mai portato fuori dalla crisi», è il primo commento del vicepremier Luigi Di Maio.

Nel confronto con il quarto trimestre 2017 il Pil è aumentato dello 0,1%. Si tratta di «un ulteriore abbassamento del tasso di crescita tendenziale» che nel terzo trimestre era pari a +0,6% e nel secondo a +1,2%. Il quarto trimestre del 2018 ha avuto una giornata lavorativa in meno rispetto al trimestre precedente e due giornate lavorative in più rispetto al quarto trimestre del 2017.

È negativa l'eredità che il 2018 lascia sull'economia del 2019. La crescita acquisita per l'anno in corso, quella cioè che si realizzerebbe se tutti i trimestri del 2019 registrassero una variazione del Pil pari a zero, è infatti pari a -0,2%. Lo rende noto l'Istat in base ai dati sul prodotto interno lordo del quarto trimestre 2018

C'è una parte del Movimento 5 Stelle che proprio non manda giù la linea dura contro l'immigrazione clandestina tenuta dal governo Conte

E poco importa se persino il premier e il vicepremier grillino sono pronti a inviare al Senato una memoria per prendersi la responsabilità del blocco della nave Diciotti al largo di Catania della scorsa estate.

Basta vedere le parole spese dal presidente della Camera, Roberto Fico, che oggi ha esultato per la conclusione del caso della nave Sea Watch, approdata al porto di Catania con 47 migranti a bordo: "a questo punto di vista dico: finalmente a terra, meno male", ha detto a Napoli a un convegno organizzato dalla Fondazione San Gennaro.

Ma ci sono anche i cosiddetti "dissidenti", quelli che già quando si trattò di votare per il decreto Sicurezza non mancarono di dimostrare il loro no a Matteo Salvini non votando la fiducia al Senato. Per quel gesto in due (Gregorio De Falco e Saverio De Bonis) vennero espulsi, ma altre due (Elena Fattori e Paola Nugnes) sono "in attesa di giudizio" da parte del Consiglio dei probiviri, il "tribunale" che giudica la condotta dei 5Stelle. Le malelingue sostengono che siano ancora nel limbo perché senza di loro il governo avrebbe una maggioranza ancor più risicata a Palazzo Madama.

Sullo sfondo delle celebrazioni della sinistra e dei attacchi di Gino Strada al Governo sulla immigrazione, incombe il pensiero delle difficoltà incontrate dalla nave Ong prima di ottenere il permesso di attraccare in Italia. Un pensiero che preoccupa, e non poco, il fondatore di Emergency soprattutto in prospettiva futura. Il fatto che non ci sia più un portale spalancato dove far entrare centinaia se non migliaia di stranieri (la maggior parte dei quali clandestini) incute un certo timore verso ciò che verrà. Dopotutto, come riferito da “Gli occhi della guerra”, centinaia di migliaia sono quelli che si preparano a passare attraverso i confini meridionali della Libia per inserirsi nel circuito migratorio del Mediterraneo.

Edward Luttwak pero non ha dubbi e sposa in pieno la linea dura del ministro dell'Interno Matteo Salvini. "La Sea Watch batte bandiera olandese, doveva sbarcare in Olanda perché è semplicemente un pezzo di Olanda che naviga in Mare. E poi i Paesi Bassi non sono lontani, non è come andare in Alaska o in Giappone", le sue parole a Radio 24, ospite de La Zanzara.

Dunque, il politologo spiegato: "Non è questione di essere carini, simpatici, compassionevoli, cristiani, dolci, ma di applicare la legge. Altrimenti si vive in balia di chi fa la voce grossa…". Ecco perché, secondo il professore, l'Italia dovrebbe fare come fa l'Australia: "Lì chi arriva in barca non può arrivare, non può sbarcare. Non si può arrivare con la barca, non puoi mai essere ammesso. Vieni subito deportato".

Infine, Luttwak bastona le Organizzazioni non governative e anche Gino Strada. "Quella delle Ong è gente che non vuole andare a lavorare; qualche volta salvano altre volta no, altre volte vanno a spasso a mangiare il pesce in qualche trattoria". E sul fondatore di Emergency affonda il colpo: "In Italia ci sono persone che sono in estrema povertà e disagio, e estremo pericolo, ma non è mai andato da loro è andato in Afghanistan. Se tu vai a Palmi o a Canicattini o a Voghera, la stampa non ti segue, devi andare in Afghanistan, in Calabria non è chic".

Intanto un premier che cautamente si affida ai senatori, a proposito dell’autorizzazione a procede per Salvini, e resta nel mezzo della polemica anche per tastare gli umori dell’elettorato. Difatti non si parla di altro rispetto alla condotta che potrebbe avere il movimento grillino ed in riferimento al dietrofront dello stesso leader della Lega sul si e poi sul no, a procedere nei suoi confronti, perché interprete di un interesse pubblico e, quindi, di Stato a proposito della vicenda Diciotti. A dar man forte a questo, ed allo stesso cauto Primo Ministro, un sondaggio di Eurometra Mr srl.

La domanda esplicita: Nei giorni scorsi alcuni magistrati hanno messo sotto accusa il Ministro all'Interno, Matteo Salvini, per la vicenda collegata agli immigrati sulla nave Diciotti, trattenuti per cinque giorni sull’imbarcazione su indicazione del Ministro. Salvini potrebbe essere processato. Secondo alcuni commentatori dietro questa accusa c'è la volontà, da parte dei magistrati, di "farlo fuori" politicamente, secondo altri questa intenzione non c'è e si tratta di una normale inchiesta giudiziaria. Secondo Lei i magistrati vogliono "far fuori" Salvini? 

Secondo il campione del sondaggio non ci sarebbero dubbi. Per il 50% c’è una netta volontà di eliminarlo dalla scena politica utilizzando le decisioni che, sin dal primo momento, ha assunto a proposito di immigrazione. Non sa come rispondere, o non si esprime, il 19% e solo per il 31% degli italiani sarebbe, quella dei magistrati, una regolare azione giudiziaria come per ogni comune cittadino. Un dato netto in favore del responsabile del dicastero che lo rafforza a proposito della possibile spaccatura con gli alleati ed in vista del voto al senato. Salvini tira dritto per convinzione ma, probabilmente, anche perché a conoscenza di sondaggi che danno lui ragione a proposito di immigrazione e sicurezza.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI