Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 13 Novembre 2018

Matteo Salvini torna all'attacco in una intervista alla Tass

Matteo Salvini torna all'attacco in una intervista alla Tass. "Sono sempre più convinto - ha detto il  ministro dell'Interno - che le lobbies finanziarie a Bruxelles non possono accettare la nostra presenza al governo: questa reazione non mi sorprende, per anni hanno manipolato fantocci mentre adesso sono costretti ad avere a che fare con due movimenti politici verso i quali non possono fare ricatti poiché non devono niente a nessuno, se non difendere gli interessi del loro popolo".

Una visita importante che servira al Governo Italiano  per ribadire la volontà dell'esecutivo di garantire la tutela del business fra Roma e Mosca e impegnarsi sul fronte delle sanzioni. In questi anni di blocco del commercio con la Russia, infatti, l'Italia ha già perso sette miliardi. Ma il problema qui non è "solo" la perdita di denaro: l'attenzione va anche sulle quote di mercato che sono passate direttamente nella mani di altri operatori stranieri.

Così Salvini è volato a Mosca e la speranza degli industriali italiani è che il governo giallo verde riesca ad addolcire le sanzioni alla Russia. Sanzioni che hanno fatto perdere "agli esportatori italiani 7 milioni di euro al giorno". Il vice premier leghista, già in passato, aveva espresso il suo parere (contrario) in merito alle sanzioni, definendole "un'assurdità sociale, culturale ed economica". E la sua posizione non è mai cambiata, mai il problema sembrano essere gli Usa.

Il governo Lega-Cinque Stelle, infatti, si è impegnato nel fare il possibile per rimuovere le sanzioni, ma l'asse con gli Stati Uniti non permette una grandissima libertà di manovra. E da parte dell'amministrazione americana, nonostante le aperture nei confronti di Vladimir Putin, è già stato ribadito di voler confermare il regime punitivo nei confronti della Russia.

Matteo Salvini sui social  annuncia ai suoi sostenitori: "Buona giornata Amici, in partenza per Mosca per incontrare centinaia di imprenditori italiani che resistono, nonostante tutto e tutti. Quello che faccio e farò io: resistere e non mollare, mai, nonostante tutto e tutti! Vi voglio bene".

Ma oggi è anche la Francia ad andare all'attacco. "Tutte le decisioni che vengono prese a Berlino, Roma, Parigi o Bruxelles - ha detto il ministro francese dell'Economia Bruno Le Maire intervistato da Radio Classique - hanno un'incidenza su di noi, gli altri Paesi della zona euro, il ripiegamento su se stessi, decisioni prese senza alcuna considerazione per i partner non porteranno assolutamente da nessuna parte, non faranno che indebolire la zona euro".

"Valutare la manovra italiana - ha detto ancora - spetta alla Commissione europea, è lei responsabile. L'unica cosa che posso dire, che vorrei spiegare, è che siamo 19 Paesi, siamo tutti sulla stessa barca, siamo all'interno di un'unione monetaria, abbiamo scelto la stessa moneta e nessuno può considerare che la sua sorte non abbia un impatto su quella degli altri". "Quando hai la stessa moneta - ha insistito Le Maire - tutte le decisioni prese a Berlino, Roma, Parigi o Bruxelles hanno un'incidenza su tutti gli altri Paesi della zona euro".

Intanto Amnesty International ha denunciato violazioni sistematiche dei diritti degli immigrati al confine franco-italiano, esortando a porvi fine. Il report parla chiaramente di "insulti, minacce e abusi", eppure in più di un'occasione da Parigi si erano levate bordate contro Matteo Salvini quando aveva chiuso i porti italiani alle navi delle Ong e aveva preteso che tutti i Paesi europei facessero la propria parte nella gestione dell'emergenza sbarchi.

Durante una missione condotta il 12 e 13 ottobre a Briancon, non lontano dalla zona dove sono nate le polemiche per "sconfinamenti" non autorizzati di poliziotti francesi in territorio italiano,esperti di Amnesty International  hanno rilevato una serie di violazioni perpetrati dalla gendarmerie: controllo discriminatori, minacce e insulti, ostacoli alla registrazione delle domande di asilo e mancanza di interpreti. 

"La lista delle pratiche illegali è lunga", ha sottolineato Agnes Lerolle, esortando "il governo francese a smettere di fare orecchie da mercante e cessino a queste pratiche illegali e degradanti". Viene così messa la parola fine all'ipocrisia di Macron che per mesi ha sempre puntato il dito contro il governo Conte definendolo "vomitevole" e denunciando in Europa "il cinismo e l'irresponsbilità" dell'Italia sulle politiche adottate contro i clandestini. Da sempre, invece, è Parigi a imporre, ai confini, politiche repressive per evitare che gli immigrati entrino in Francia e per repingere nel nostro Paese quelli che sono riusciti a entrare.

"A proposito dell'Italia vorrei dire che per l'economia e l'unione monetaria è assolutamente decisivo che quello che è stato concordato venga rispettato. I criteri di Maastricht valgono per tutti", ha detto il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, parlando alla Commissione degli Affari Ue del Nationalrat. "Spero che ci sia una linea chiara", ha continuato Kurz, "tutto il resto metterebbe a rischio non solo l'Italia ma avrebbe anche effetti negativi sull'eurozona", ha aggiunto.

Intanto dal presidente dell'Europarlamento, Antonio Tajani arriva un appello: "L'Italia è ancora in tempo per fare marcia indietro. Lo faccia rapidamente, nell'interesse degli italiani". E su una eventuale bocciatura della manovra: "Mi auguro che questo non accada, ma il rischio è forte", ha avvertito sottolineando che le misure "non vanno nella direzione dell'interesse" dell'Italia.   

Ma i problemi sono tanti da risolvere per il Governo : Strada dei Parchi, concessionaria di A24 e A25, ha inviato al ministero Infrastrutture e Trasporti una diffida per lo sblocco dei 192 milioni per la messa in sicurezza dei viadotti, fondi inseriti nel decreto Genova. Si chiede di "voler adottare senza ulteriore indugio e comunque entro e non oltre 5 giorni ogni atto autorizzativo teso a consentire l'avvio di lavori urgenti o comunque ritenuti necessari, con ogni conseguente assunzione di responsabilità in caso di ulteriori ritardi e/o espresso diniego". 

"Ci siamo espressi chiaramente perché vogliamo tutelare gli utenti di A24-A25 perché non condividiamo l'allarmismo". Così Mauro Fabris, vicepresidente della concessionaria, spiega la diffida al ministero perché "non bisogna creare allarmismo, Strada dei Parchi è sicura al traffico normale, tenendo presente però che il 60% delle infrastrutture in Italia non è a norma antisismica: il nostro gesto è necessario perché devono essere sbloccati i decreti autorizzativi che il ministero deve emanare".

"È una questione di burocrazia, le risorse ci sono". Guido Bertolaso, già Capo della Protezione Civile, ai microfoni di '6 su Radio 1' parla della messa in sicurezza della A24 e A25 all'indomani dell'allarme lanciato dal Ministro Toninelli. "Le autostrade italiane sono una miniera d'oro per lo Stato e per i concessionari che le utilizzano in nome e per conto dello Stato - spiega poi Bertolaso - Andare a dire che non ci sono i soldi per mettere in sicurezza un ponte per garantire la sicurezza a tutti gli automobilisti è semplicemente ridicolo. Basta evitare che una quota parte degli introiti finisca nelle casse dello Stato per pagare tante altre problematiche e destinarli invece a garanzia della sicurezza di chi attraversa le nostre autostrade. Sappiamo che quelli che sono i soldi che noi paghiamo ai caselli autostradali non vanno alla sicurezza di quello che stiamo percorrendo ma vanno nelle casse dello Stato per coprire i tanti problemi e costi che lo stato deve affrontare nella vita quotidiana del Paese. Bisogna assumersi la responsabilità di ciò che si dice".

Per Bertolaso, "Se il Ministro Toninelli dice che non ci dorme per l'autostrada A24, visto che è il massimo responsabile politico del Paese nell'ambito delle infrastrutture, avrà le sue informazioni e le sue preoccupazioni deriveranno anche da questo; non credo derivino solamente da alcuni sopralluoghi sulla base di alcuni piloni che probabilmente saranno stati scelti ad arte per far vedere che la situazione è particolarmente grave". Infine, sulla possibilità che Autostrade per l'Italia partecipi alla demolizione del Ponte Morandi di Genova, Bertolaso conclude: "E' giusto lasciare la porta aperta a tutti; la giustizia e la magistratura deve fare, e spero che si dia una mossa da questo punto di vista, le giuste valutazioni e indagini.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI