Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 18 Luglio 2018

Salvini: 'No alle larghe intese. Io premier, Berlusconi ministro'

Finalmente arriva il 4 marzo, sento tanta voglia di cambiamento e normalità. Io garantisco normalità e tranquillità. Penso il contrario di Gentiloni secondo cui il gap è colmabile, ndr: il distacco tra il centrodestra e gli altri sarà netto e la sorpresa sarà la Lega, soprattutto nelle regioni rosse, dove ne vedremo delle belle. Saremo il primo partito del Nord ma arriveremo al 20% anche in Regioni che sono governati dalla sinistra da cinquanta anni e dove i cittadini non ne possono più". 

"Il nome del candidato premier di Berlusconi? Non lo so". Il leader della Lega Matteo Salvini, al Forum live Ansa-Facebook smentisce l'alleto e chiosa: "La sorpresa è così sorpresa che non ne ho la più pallida idea. Le sorprese mi piacciono a Pasqua. Per il presidente del Consiglio non adoro le sorprese, preferisco la chiarezza. La Lega - dice Salvini - prenderà un voto in più di tutti gli altri del centrodestra e da presidente del Consiglio avrò l'onore e l'onere di scegliere i ministri. Farei fare il ministro a Berlusconi: non vedo l'ora di far fare il ministro a persone competenti settore per settore. Il primo settore priorità per il futuro e agricoltura e pesca, che affiderei a un uomo della Lega".

Quanto agli alleati, per Salvini non è una priorità incontrarsi di nuovo: "Abbiamo un programma firmato e condiviso, per fortuna ho inviti da tutta Italia. Quando si ha un programma condiviso non bisogna incontrarsi ogni settimana per ribadirlo".

Sui fatti di Macerata, da Salvini sempre al forum ansa facebook arriva una condanna a qualsiasi episodio di violenza: "Non vedo l'ora di esser messo alla prova di governo per dimostrare che si può portare tranquillità nelle città. L'errore è stato fatto da chi ha sottovalutato l'effetto dell'arrivo di tanti clandestini in Italia: Bisogna chiudere il rubinetto, limitare gli sbarchi e vedrete che un po' più di sicurezza la potremo garantire in Italia. E' la presenza islamica organizzata che va chiarita, non quella del singolo cittadino. Da italiano mi preoccupa dare spazio a chi non rinnega quanto scritto nella dichiarazione islamica sui diritti dell'uomo dove c'è scritto che la giustizia islamica prevale sulle legislazioni nazionali, che libertà di pensiero è limitata e che la donna conta un po' di meno dell'uomo. Se mi dicono che quella dichiarazione non esiste nessun problema".

Salvini ribadisce al Forum Ansa anche la posizione sui vaccini: "Io sono vaccinato e ho vaccinato i miei figli con i vaccini obbligatori: alcuni salvano la vita. Averne dodici insieme espone i bambini a rischio. Sono per fare obbligatoriamente i vaccini salvavita ma non per imporre con la minaccia una botta di dieci o dodici vaccini contemporaneamente che più di un danno hanno causato ai bambini. Bisogna accompagnare ma lasciare a mamma e papà il mestiere della mamma e del papà". 

Quanto a influenze esterne sulle elezioni, a Salvini 'fa sorridere questa storia della campagna filo russa. Magari ci sarà anche l'invasione degli alieni ma bisogna dimostrarlo. Gli italiani votano con la loro testa e io non vedo hacker russi. Comunque io non ho mai preso una lira ne da Trump ne da Putin'.

Nessun dubbio sul primo provvedimento ribadisce al forum ansa da adottare in caso di vittoria: "La legge Fornero, che ormai non è più solo una questione politica. L'emergenza è tornare a far circolare il lavoro, per i giovani che altrimenti scappano e per chi ha diritto a godersi la pensione. Pensioni e lavoro, poi per carità ci sono tante altre cose da fare ma il primo atto sarebbe quello.  La vita reale e le persone che incontro non mi chiedono le alchimie della legge elettorale o il futuro premier: chiedono meno tasse e via clandestini. Io metto a disposizione degli italiani la possibilità di scegliere me e la Lega. Se lo stato incassa di meno è buona notizia, sono soldi che finiscono in tasca agli italiani. Io ribalto il discorso sulla legge Fornero e sulla flat tax. Se lo stato dimagrisce si fa quello che c'è da fare. Sulla Fornero ho letto analisi preoccupate ma io sono strasicuro che quanto fatto negli ultimi anni ha avuto effetti disastrosi e successo".

Rimanendo in ambito economico, per Salvini "alcuni aspetti del jobs act sono da cambiare. La precarizzazione unita ai voucher incentiva al lavoro nero, l'aver eliminato i voucher aumenta il lavoro nero. Vanno bene anche i contratti a termine - specifica il leader del Carroccio - basta che non siano contratti a termine di una settimana. A Fabriano sono stato in un'azienda dopo ti arriva ogni pomeriggio un whatsapp che ti dice 'domattina ti aspetto in fabbrica'. Qui si è andati oltre la precarietà. Non puoi progettare il futuro e la famiglia con un contratto di una settimana"

"Per me in politica e nella vita ci sono al di là del calcolo politico valori come il rispetto e la gratitudine. Ho iniziato ad appassionarmi di politica grazie a Bossi, poi la pensiamo diversamente su molte cose. Bossi mi dice di stare solo a Milano, ma io sono stato accolto molto bene in Basilicata e in Puglia e sono orgoglioso della Lega che unisce nel nome del federalismo e dell'autonomia. Ma il rispetto e la riconoscenza vanno al di là del calcolo politico".

Intanto Il Cavaliere in un'intervista al Mattino parla del programma del centrodestra e guarda anche all'Europa: "Io non ho ritrovato ora un rapporto con la signora Merkel, al contrario abbiamo sempre avuto relazioni corrette e cordiali, ispirate a rispetto, stima e amicizia. Con lei condividiamo i valori cristiani e la visione liberale e moderata che è propria della grande famiglia del Partito Popolare Europeo". E nel Ppe, Forza Italia avrà un ruolo trainante: "A queste idee e a questi valori sarà ispirata la nostra azione di governo se, come sono certo, il centro-destra vincerà le elezioni e Forza Italia avrà un ruolo trainante dal punto di vista numerico e politico - aggiunge l'ex Cav - La Lega è un partito responsabile e consapevole di questa realtà, e noi rispettiamo i suoi valori e il suo apporto".

Il Cavaliere poi parla degli alleati: "Salvini non è bellicoso come viene dipinto". Sulla scelta del premier ha le idee chiare: spetterà indicarlo al partito che ha preso più voti: "È un criterio che ho indicato io per primo spiega - e se accadrà noi lo sosterremo lealmente. Forza Italia sarà di gran lunga il primo partito del centrodestra". Per la scelta del leader "l'esperienza che conta - non è solo quella politica". Ma non sarà una donna: "purtroppo non è ancora emersa la figura con le caratteristiche adatte. Sarà dunque un uomo di straordinaria autorevolezza ed esperienza, in Italia e all'estero". Il Cav ha poi parlato della flat tax che di fatto andrà a rivoluzionare il sistema fiscale italiano: "

L'esperienza storica delle maggiori economie del mondo dimostra che ridurre le tasse fa bene non soltanto all'economia, ma anche ai conti dello Stato. Solo la sinistra in Italia non lo ha ancora capito. Un esempio classico è quello degli Stati Uniti: negli anni '60 Kennedy e poi di nuovo negli anni '80 Reagan vararono un grande piano di riduzione delle imposte e in entrambi i casi le entrate dello Stato, invece di diminuire, nel giro di alcuni anni aumentarono del 30% netto". 

Sull'emergenza migranti afferma: "Io mi guardo bene dal criminalizzare gli stranieri - dice - anche quelli che sono entrati e vivono da clandestini nel nostro Paese. Ma qualunque persona responsabile si rende conto che 600.000 persone, l'equivalente di una città come Palermo o Genova, che vivono ai margini della società, di elemosina o di piccola criminalità, sono una bomba sociale pronta ad esplodere. E il dramma colpisce soprattutto gli italiani più deboli". Poi il Cav è intervenuto ai microfoni di Etnaradio e ha parlato dei grillini: "In caso di vittoria del Movimento 5 stelle i capitali, le imprese e tutti i cittadini che possono permetterselo lascerebbero l’Italia. Finiremmo in una situazione di isolamento internazionale con un governo di dilettanti senza esperienza in politica e nella vita".

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI