Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 20 Novembre 2017

Nello Musumeci è il nuovo presidente della Regione siciliana

Nello Musumeci, 62 anni, è il nuovo presidente della Regione siciliana. Dopo lo scrutinio di tutte le 5300 sezioni (dati dell'ufficio elettorale della Regione) il candidato del centrodestra, ha ottenuto il 39,9 % delle preferenze. Lo segue il candidato del M5s Giancarlo Cancelleri col 34,6% che quindi viene eletto all'Assemblea regionale siciliana. Poi Fabrizio Micari con il 18,6%, Claudio Fava con il 6,1 e Roberto La Rosa, con lo 0,7 %. L'affluenza in queste elezioni è stata del 46,75% (2.179.122 votanti su 4.661.111), alle regionali del 2012 era stata del 47,41 %.

Musumeci conquista anche la maggioranza in Assemblea: 36 seggi su 70. Attribuiti i seggi a conclusione delle scrutinio: 35 al centrodestra, più Musumeci e Fi capofila con 12 parlamentari; 19 al M5s, 15 al centrosinistra e uno alla sinistra con Claudio Fava.  La nuova Assemblea è così costituita. Centrodestra: 12 deputati Forza Italia, 5 per 'Popolari e autonomisti', 4 "DiventeràBellissima", 3 per FdI-Noi con Salvini. M5s: 19 parlamentari. Centrosinistra: 12 Pd e 2 'Sicilia Futura'. Sinistra: un deputato 'Cento passi'. 

"Mattarella sciolga le Camera prima possibile. Sentendo gli umori del paese. Il governo Gentilonili-Renzi non conta nulla. Prima si vota meglio è. Il nostro obiettivo è quello di essere il primo partito del centrodestra anche al Sud". Lo ha detto Matteo Salvini a Catania.

Questa e la storia di come ha vinto il centrodestra  : Una torta con i volti dei leader del centrodestra, di Lorenzo Cesa, Musumeci e Vittorio Sgarbi ha sancito la pax. Perché, se da un lato i nodi restano tutti più o meno irrisolti, dall'altro quella siglata a Catania è più di una tregua. "Non c'è un duello Berlusconi-Salvini ma Matteo con un certo tipo di politica non vuole avere nulla a che fare", spiegavano prima della cena fonti leghiste facendo chiaro riferimento a quel Gianfranco Micciché e ai cosiddetti "impresentabili". "Salvini vuole la leadership, è convinto che il suo partito sia un traino", sottolineava dal canto suo un esponente d'alto rango del centrodestra. Tutte crepe di un sodalizio che, sull'onda delle Regionali in Sicilia e in vista delle Politiche traballa ma non deflagra. E, stando ai sondaggi riservati che circolano negli ambienti del centrodestra, c'è un certo ottimismo sulla vittoria di Musumeci. Il candidato alle Regionali era seduto tra Matteo Salvini e Cesa - leader di un'Udc ormai tornata in pieno nel gotha del centrodestra - mentre di fronte ai sedevano Berlusconi, Meloni e Vittorio Sgarbi.

Come e venuto l' accordo ? al quartiere San Berillo, nel cuore di Catania, l'ora di cena è già ampiamente passata. Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, i tre avventori che nella città etnea avevano organizzato una tregua dopo il duello di piazze si sono presentati all'appuntamento solo in tardissima serata.

Nessuno voleva fare il primo passo e, solitario, il candidato unitario Nello Musumeci ha atteso per un paio d'ore i suoi sponsor. Alla fine i tre leader sono arrivati e, pian piano, la cena ha preso forma, allungandosi e facendosi via via, più amichevole. Lo schema di un "patto dell'arancino" - il prodotto tipico catanese era anche ne menù - alla fine è emerso a tarda notte.

"Era già siglato, abbiamo gettato le basi del percorso per vincere le elezioni", ha spiegato Berlusconi uscendo, all'1.30 circa dal ristorante. I tre leader sono partiti da piazze diverse - le Ciminiere per Berlusconi, piazza del Teatro Massimo per Salvini, la protesta anti-ius soli per Meloni - e hanno rischiato di trasformare la cena in un giallo. Salvini, poco prima, riduce l'appuntamento con gli altri due leader a un caffé e opta per mangiare in un ristorante non lontano. Meloni attende a qualche centinaio di metri dalla Trattoria del Cavaliere, teatro di un incontro che, ad un certo punto, si è temuto seriamente che potesse saltare. Ma alla fine l'incontro c'è stato, con tanto di photo-op dei tre leader con Musumeci e di lungo colloquio dei tre in veranda, sotto i flash dei fotografi.

Il clima "è stato ottimo", sottolineano fonti di FI a fine cena. Eppure, al principio, la freddezza non era del tutto sciolta con Salvini che, dopo qualche minuto, è uscito fuori al ristorante per una sigaretta. Il primo punto affrontato con Silvio? "Il Milan, punto dolente per entrambi", ha spiegato il leader leghista. Ma alla fine l'incontro è durato oltre due ore, i tre hanno cenato. Erano venuti separatamente e giocando un po' a nascondino. Sono usciti insieme, sorridenti: forse, ai piedi dell'Etna la difficile coabitazioni di FI-Lega-Fdi ha avuto l'ennesima chance di una svolta.

Dal voto in Sicilia arriva "un segnale molto chiaro che va nella direzione di un centrodestra di governo" in Italia con un "risultato positivo per la famiglia politica dei popolari europei". Lo ha affermato il presidente dell'Europarlamento Antonio Tajani, secondo cui "si comprende che ci sono le condizioni perché in Italia ci sia un governo di centrodestra". "Vedremo cosa succederà, questa è la democrazia, ma mi pare che il segnale vada in direzione di una stabilità politica con una forte presenza della famiglia" del Ppe.

Vi siete battuti come leoni, avete ottenuto un risultato che ha restituito ad ognuno la sua vera faccia. Ieri sera molte facce saranno state davanti agli degli specchi a chiedersi per quanto tempo ancora il nulla continuerà a concedergli delle chances. Io invece ho pensato al vostro sorriso: Giancarlo, Luigi e Alessandro: vi ho visti correre verso i cittadini. Vedo le vostre espressioni sincere, fiduciose, allegre, determinate e veramente felici. E' impossibile negare quel senso di amarognolo che proviamo nel profondo; deriva da una corsa per la vittoria la cui cifra più evidente è stata l'entusiasmo", scrive il Garante del M5S nel suo primo commento al voto siciliano. E Grillo ringrazia gli esponenti M5S, in particolare i protagonisti della campagna Cancelleri, Di Maio e Di Battista. "Sono orgoglioso di voi per tantissime ragioni, la più importante di tutte è che non avete perso quell'entusiasmo, neppure per un attimo".

Siamo la prima forza politica, in tutto il Paese ed in Sicilia, abbiamo ottenuto un risultato che ha rovesciato gli equilibri in quella solita vecchia melma che ci troveremo ad affrontare fra qualche mese. grazie a voi, niente maalox ieri sera, sono contento e sento che l'avventura è appena ricominciata, perché noi non facciamo politica, questa è la nostra avventura per restituire dignità ad un Paese bellissimo che amiamo". Lo scrive Beppe Grillo in un post sul blog in un suo primo commento alle Regionali. "La Sicilia è stata davvero spogliata di una possibilità storica. Un'accozzaglia di personaggi incredibili ha tessuto una tela fitta ma vecchia, come nelle case scure dove si ambientano gli horror".

Ha vinto Musumeci che per questa campagna elettorale ha fatto pace col suo avversario storico, Miccichè". Lo scrive il segretario Pd Matteo Renzi nella sua e-news rispondendo ad alcune domande che gli sono arrivate via mail. "La volta scorsa i due stavano in liste contrapposte e hanno fatto il 44%. Oggi stavano insieme e hanno fatto il 40% - sottolinea - Hanno vinto loro, tanto di cappello. Punto. Buon lavoro al nuovo Presidente Nello Musumeci. Non condivido una virgola della sua storia e del suo curriculum. Ma ha vinto, ha vinto nettamente e gli faccio i migliori auguri perché riesca a governare bene la Sicilia. Dirò di più: spero che ci riesca perché prima vengono i cittadini, poi gli schieramenti. Ne dubito, per la compagnia di giro che ha, ma glielo auguro. E lo auguro ai siciliani", conclude.

Archiviate le elezioni in Sicilia e registrata la sconfitta di tutte le anime del centrosinistra si rimette mano alle alleanze. I pontieri sono già all'opera per evitare che una divisione porti alla sconfitta anche a livello nazionale. Per questo nel Pd si è deciso di non alzare lo scontro interno e Dario Franceschini ha avanzato un suo lodo: una "alleanza con le forze che ci stanno nel campo del centrosinistra", "ognuno con il proprio simbolo e il proprio leader" senza prefigurare fin da ora il candidato premier in caso di vittoria, visto che il Rosatellum non lo prevede.

Un lodo che sarà valutato nelle prossime ore e nei prossimi giorni: lo stesso Renzi ha ipotizzato che non si indichi il premier fin da ora. Domenica si terrà la convention di Campo progressista e i pontieri si attendono già da quell'appuntamento un segnale di apertura e altrettanto sperano possa venire da Mdp, a maggior ragione dopo l'incontro di ieri di Pietro Grasso con Giuliano Pisapia. Certo, si dovranno posare le polveri dopo gli scontri anche personali degli ultimi giorni, ma il risultato siciliano è sotto gli occhi di tutti e potrebbe avere convinto più d'uno che alimentare le divisioni porta alla sconfitta, tanto più che a fronte si un centrodestra che si sta ricompattando. Lunedì poi si terrà la direzione Pd, il segretario indicherà la sua road map e a quel punto saranno in campo tutti gli elementi per decidere l'assetto preelettorale del centrosinistra.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI