Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 27 Luglio 2017

Il centrodestra trionfa ai ballottaggi delle comunali

Il centrodestra trionfa ai ballottaggi delle comunali, piazzando i suoi candidati in 16 città, mentre il centrosinistra riesce a vincere solo in 6 comuni capoluogo. Cadono roccaforti rosse come Genova e Pistoia. Parma conferma Pizzarotti. Renzi sconfitto è sotto assedio ma tira dritto e se il M5s parla di 'Caporetto per il Pd', il segretario Matteo Renzi posta un grafico per dare la sua lettura: '67 a 59 per il centrosinistra'.

Berlusconi, forte del risultato ottenuto dal centrodestra, frena Salvini e invoca una coalizione con profilo liberale-moderato: "Da questi risultati il centro-destra può partire in vista della sfida decisiva per tornare a guidare il paese, sulla base di un programma condiviso, che in larga parte già abbiamo, e di una coalizione fra forze politiche diverse, caratterizzata da un chiaro profilo liberale, moderato, basato su radici cristiane, secondo il modello di centro-destra vincente in tutt'Europa e oggi anche in Italia".  

Ribatte la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni: "La moderazione è una categoria che in politica non esiste più: a me non interessano le etichette, mi interessano i contenuti. Parliamo di quelli e da quelli voglio partire per costruire la coalizione di centrodestra". 

"Serve il centrosinistra, dicono. Avessimo vinto tutti i ballottaggi, avrebbero detto che serve il centrosinistra. Avendone persi alcuni, è sempre la dimostrazione che serve il centrosinistra. Amici e compagni, ve lo dico con affetto, non funziona così. Serve il modello Pisapia sennò si perde, dicono. Peccato che la sconfitta peggiore l’abbiamo subita a Genova”, scrive su Facebook il presidente del Pd Matteo Orfini

"Non capisco neanche Gentiloni che non è salito al Quirinale a consegnare le dimissioni". Per Salvini la sola strada percorribile è quella del voto. "Questa è la terza sfiducia dopo il referendum del 4 dicembre e il primo turno - spiega - c'è modo e modo di vincere, per me la politica è sudore, ascolto, passione e consumarsi la suola delle scarpe e non solo tv o Facebook. Qualcuno ha vinto o perso le elezioni senza fare un comizio - incalza l'europarlamentare lumbard - Renzi probabilmente sarà il conduttore di 'Chi l'ha visto?' l'anno prossimo". Adesso il suo orizzonte sono le elezioni dell'anno prossimo. Prima si va al voto, meglio è. "Abbiamo fatto trenta, facciamo trentuno - spiega da via Bellerio - se dopo decenni abbiamo vinto in città come Genova e Sesto San Giovanni, vuol dire che possiamo farlo anche a livello nazionale".

Nelle prossime ore Salvini sentirà Berlusconi. "Ci vedremo, ci sentiremo e ragioneremo", assicura in conferenza stampa in via Bellerio. Sul tavolo il programma da sottoporre agli elettori alle politiche dell'anno prossimo. "Ho proposto diciotto volte di fare le primarie, non solo sul leader ma anche sul programma - chiarisce il segretario leghista - mi è stato detto di 'no' diciotto volte, non mi incaponisco su questo". In questo momento per Salvini la priorità è fare "una legge elettorale di cinque righe e votare subito""Laleadership - assicura - è l'ultima delle mie preoccupazioni"

La mappa di Renzi su Twitter? Questa è la vecchia politica democristiana di chi voleva rottamare. Se perdi a Sesto e a Genova, hai fallito". Dal quartier generale della Lega Nord, Matteo Salvini replica duramente a Renzi che si vanta di aver vinto le comunali e dà l'avviso di sfratto al premier Paolo Gentiloni. "Non capisco come il segretario del primo partito italiano possa aver festeggiato. Veramente il caldo fa brutti scherzi", tuona al leader del Carroccio che ora guarda alle elezioni politiche del 2018. Da qui ad allora c'è ancora un po' di strada da fare. Per questo, già nei prossimi giorni sentirà Silvio Berlusconi.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI