Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 03 Dicembre 2021

Libia, la Nato ha preso il comando delle operazioni

libia_soldati_gheddafi_xin--400x300

 

Venti civili sono rimasti uccisi oggi in bombardamenti diartiglieria delle forze filo-Gheddafi contro Misurata, città costiera ancora in mano agli insorti. Un portavoce del governo ha fatto sapere che il rais e i suoi figli sono in Libia eintendono restarci 'fino alla fine'. La Nato condurrà un'inchiesta sulle notizie di stampa relative alla morte di almeno 40 civili a Tripoli, provocati dai raid. Intanto il ministro degli esteri britannico Hague ha dichiarato che l'ex capo della diplomazia libica Kussa, arrivato ieri a Londra, e'arrivato di sua volonta', non gli e' stato offerto alcun salvacondotto ma si trova in un luogo sicuro. "Cessato allarme"per il peschereccio italiano dato per scomparso in acque libiche. Lo ha comunicato il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto precisando che il capobarca avrebbe dato l'allarme dopo aver visto una unità da guerra fare rotta verso il motopesca.

La Nato condurra' un'inchiesta per verificare una sua eventuale responsabilita' nella morte di almeno 40 civili a Tripoli, che sarebbe stata provocata dai raid aerei della coalizione internazionale. Nel primo giorno in cui l'Alleanza assume il pieno comando di tutte le operazioni militari in Libia - il passaggio di consegne a ''Unified Protector'' e' stato ultimato alle otto di stamattina - l'incubo dei ''danni collaterali'', come in gergo vengono definite le vittime innocenti di obiettivi militari, si allunga sulla missione della Nato. Il vicario apostolico di Tripoli, mons. Giovanni Martinelli, ha denunciato che i raid condotti dalla coalizione ''hanno fatto decine di vittime tra i civili'' in alcuni quartieri di Tripoli.

La magistratura scozzese vuole interrogare l'ex ministro degli esteri libico Mussa Kussa, atterrato ieri in Gran Bretagna, sulla strage di Lockerbie. Lo ha annunciato un portavoce precisando che al richiesta e' stata inoltrata al Foreign Office.

Il leader libico Muammar Gheddafi e i suoi figli sono in Libia e sono determinati a restarci "fino alla fine". Lo ha detto oggi un portavoce del governo di Tripoli.

"Cessato allarme" per il peschereccio italiano dato per scomparso in acque libiche. Lo ha comunicato il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto in una nota, precisando che il capobarca avrebbe dato l'allarme dopo aver visto una unità da guerra fare rotta verso il motopesca. "Alle 10.15 - riferisce la nota - è stato ristabilito un contatto con il peschereccio italiano 'Mariella', di Siracusa, che nella serata di ieri aveva lanciato un allarme dal golfo della Sirte. Un'altra unità, il motopesca 'Orizzonte' ha potuto collegarsi via radio con l'equipaggio siracusano, sotto il coordinamento della sala operativa delle Capitanerie di porto. Il capobarca del 'Mariella' - aggiunge il Comando delle Capitanerie - ha spiegato di avere temuto il peggio, ieri sera, quando ha visto una unità da guerra fare rotta velocemente verso la propria imbarcazione, e di aver premuto il segnale di soccorso. E' stato disposto - conclude la nota - il cessato allarme"

Almeno 40 morti a Tripoli a causa dei raid. E' quanto afferma il vicario apostolico di Tripoli, mons. Martinelli. "I raid cosiddetti umanitari - ha dichiarato Martinelli all'agenzia Fides - hanno fatto decine di vittime tra i civili in alcuni quartieri di Tripoli. Ho raccolto diverse testimonianze di persone degne di fede al riguardo. In particolare, nel quartiere di Buslim, a causa dei bombardamenti, é crollata un'abitazione civile, provocando la morte di 40 persone". "Se è vero che i bombardamenti sembrano alquanto mirati, è pur vero - denuncia mons. Martinelli - che colpendo obiettivi militari, che si trovano in mezzo a quartiere civili, si coinvolge anche la popolazione". "Ieri - aggiunge il vicario apostolico - avevo riferito che i bombardamenti avevano colpito, sia pure indirettamente, alcuni ospedali. Preciso che uno di questi ospedali si trova a Misda. La situazione a Tripoli - prosegue Martinelli - diventa ogni giorno più difficile. La scarsità di carburante si è aggravata, come testimoniano le code interminabili di automobili ai distributori di benzina. Sul piano militare sembra esserci un'impasse, perché anche i ribelli non sembrano avere la forza sufficiente di avanzare. Per questo - ribadisce - dico che la soluzione diplomatica è la strada maestra per mettere fine allo spargimento di sangue tra i libici, offrendo a Gheddafi una via di uscita dignitosa". Quanto alla recente defezione del Ministro degli Esteri ed ex capo dei servizi segreti esterni libici, Moussa Koussa, Fides rileva che è interpretata da molti come il segnale della presenza di forti divisioni all'interno del regime. "Moussa Koussa era certamente uno dei pilastri del potere - conferma mons. Martinelli -. La sua defezione è dovuta forse alla linea contraddittoria che aveva assunto nelle scorse settimane nei confronti dell'Onu".

Gli Stati Uniti esprimono 'profondo apprezzamento al presidente Giorgio Napolitano e al premier Silvio Berlusconi per la promozione della pace e della stabilita' in tutto il mondo e per il costante appoggio alle operazioni in Libia sotto il comando della Natò. Lo ha detto il presidente Usa Barack Obama nel corso di una telefonata al Capo dello Stato Giorgio Napolitano.

Intanto Obama, secono l'agenzia Reuters, avrebbe già autorizzato, firmando un ordine segreto, operazioni di appoggio ai ribelli libici da parte della Cia che, secondo il sito web del New York Times, sono già iniziate "da alcune settimane", con agenti disseminati sul territorio libico per individuare obiettivi per i raid aerei e per contatti con la 'rivoluzione' assieme a colleghi dell'MI6 britannico.
Ieri sera il ministro degli esteri libico, Mussa Kussa, è volato dalla Tunisia in Gran Bretagna, dove ha annunciato la sua defezione e l'intenzione di abbandonare Muammar Gheddafi.

La Nato ha completato le operazioni di trasferimento del comando dalla 'coalizione dei volenterosi' in Libia, alle 08:00 di questa mattina. Lo ha detto un portavoce dell'Alleanza a Bruxelles.

Lunedì sarà a Roma il rappresentante della politica estera del Consiglio nazionale transitorio libico per un colloquio con il ministro degli esteri Franco Frattini. Lo ha annunciato lo stesso titolare della Farnesina intervistato da Maurizio Belpietro.

"Se Gheddafi farà richiesta di asilo in Uganda, prenderemo in considerazione la sua domanda come facciamo con tutti coloro che cercano riparo in Uganda": lo ha detto alla Reuters il sottosegretario agli Affari esteri ugandese, Henry Okello Oryem, riferendosi alle informazioni diffuse in proposito da Al Arabiya. Il responsabile ha comunque premesso che per ora si tratta solo "di voci" e che in una seduta del consiglio dei ministri svoltasi oggi "abbiamo discusso della Libia ma non dell'asilo".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI