Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 28 Novembre 2022

Le 4 Stagioni di Vivaldi …

Ott 29, 2022 Hits:1298 Crotone

La Maschera d’Argento di …

Ott 29, 2022 Hits:1344 Crotone

Marco Vincenzi virtuoso e…

Ott 21, 2022 Hits:1611 Crotone

Affidato realizza il nuov…

Ott 04, 2022 Hits:2292 Crotone

Successo per il pianista …

Set 30, 2022 Hits:2701 Crotone

Confindustria Crotone ha …

Set 23, 2022 Hits:2767 Crotone

Kiwanis insieme all'Unice…

Set 20, 2022 Hits:2546 Crotone

Santa Severina - Tre gior…

Set 15, 2022 Hits:3583 Crotone

Rapiti quattro italiani in Libia

Quattro italiani sono stati rapiti in Libia. In una nota appena diffusa, la Farnesina informa che quattro italiani sono stati rapiti in Libia nei pressi del compound dell'Eni nella zona di Mellitah. Si tratta di dipendenti della società di costruzioni Bonatti. L'Unità di Crisi si è immediatamente attivata per seguire il caso ed è in contatto costante con le famiglie dei connazionali e con la ditta Bonatti.

La Bonatti spa è un general contractor internazionale che ha sede a Parma. Offre, spiega il sito istituzionale della azienda, servizi di ingegneria, costruzione, gestione e manutenzione impianti per l'industria dell'energia. Ha sussidiarie o associate in Arabia Saudita, Egitto, Algeria, Kazakhstan, Austria, Messico Canada, Mozambico e Libia. Bonatti opera in 16 nazioni: Algeria, Austria, Canada, Egitto, Francia, Germania, Iraq, Italia, Kazakhstan, Messico, Mozambique, Romania, Arabis Saudita, Spagna, Turkmenistan e appunto Libia.

Come noto in seguito alla chiusura dell'ambasciata d'Italia in Libia il 15 febbraio, la Farnesina aveva segnalato la situazione di estrema difficoltà del paese invitando tutti i connazionali a lasciare la Libia.

Per il ministro degli esteri Paolo Gentiloni è al momento difficile fare ipotesi sugli autori del rapimento di quattro italiani in Libia. Gentiloni lo ha detto a margine di una riunione dei ministri degli Esteri dell'Ue oggi a Bruxelles, precisando che l'Unità di crisi della Farnesina sta lavorando con urgenza.

Come noto in seguito alla chiusura dell’ambasciata d’Italia in Libia il 15 febbraio, la Farnesina aveva segnalato la situazione di estrema difficoltà del Paese invitando tutti i connazionali a lasciare la Libia. Secondo l’agenzia di stampa libica al Tadhamoun, i quattro italiani erano da poco rientrati in Libia dalla Tunisia e sono stati rapiti domenica sera a Sebrata. Fonti interne all’impianto di gas e petrolio di Mellitah aggiungono che le forze di sicurezza locali non sono a conoscenza nè dell’identità dei rapitori, nè del luogo dove sono state condotte le persone sequestrate.

Gli italiani sarebbero stati sequestrati da elementi vicini al cosiddetto "Jeish al Qabail" (L’esercito delle Tribù), le milizie tribali della zona ostili a quelle di "Alba della Libia" (Fajr) di Tripoli. Lo riferisce l’inviato dell’emittente televisiva "al Jazeera" che cita fonti militari di Tripoli. I quattro italiani sono stati rapiti in una zona che fino a poco tempo fa era teatro di scontri e che solo di recente si è calmata dopo la tregua sottoscritta dalle milizie tribali e da quelle di Alba della Libia.
La situazione dunque in Libia si fa sempre più pericolosa per i nostri connazionali. Ma ad essere a rischio è tutto il nord Africa. Solo qualche giorno fa un'autobomba è esplosa al Cairo davanti alla sede del consolato italiano. Un gesto poi rivendicato dall'Isis su cui però ci sono i dubbi dell'Antiterrorismo. Non è ancora chiaro se l'obiettivo dell'attentato fosse proprio il consolato italiano.

"Il petrolio della Libia ai musulmani". È questo uno degli slogan che circolano nelle aree controllate dall’organizzazione dello Stato islamico (Is) in Libia, in particolare nella città di Sirte, nella cui area si trova il 60% delle riserve petrolifere del Paes

Come spiega il quotidiano londinese ’Al-Sharq al-Awsat’, infatti, la propaganda dell’Is in Libia è sempre più concentrata sulla promessa dell’arricchimento personale dei jihadisti attraverso l’esportazione del petrolio libico per mezzo di mediatori nei Paesi del Mediterraneo. Una promessa che però è difficilmente realizzabile, come ha spiegato l’analista di questioni nordafricane al Centro ’Al-Ahram’ per gli studi politici e strategici, Kamel Abdallah, secondo cui la capacità dell’Is di esportare il greggio libico è "una grande illusione". Per Abdallah, "l’Is è in grado di esportare facilmente il petrolio dalle aree sotto il suo controllo in Iraq e Siria, poiché i meccanismi lì sono complessi e intricati". Tuttavia, il caso della Libia
è diverso, poiché in questo Paese "si possono monitorare le coste, tutto è molto chiaro ed è possibile rintracciare eventuali operazioni di contrabbando".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI