Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 28 Ottobre 2021

Cristiani sotto attacco in Kenya

Il gruppo estremista islamico somalo Al-Shabaab ha rivendicato l'attacco in un campus universitario di Garissa, nell'est del Kenya, che ha provocato almeno 15 morti e 60 feriti. Lo scrive la Cnn online. Il campus è stato attaccato da uomini armati a volto coperto. 

Il gruppo estremista islamico somalo ha preso in ostaggio un gruppo di studenti. Lo riporta la Bbc online. Gli estremisti avrebbero separato gli studenti cristiani da quelli musulmani e rilasciato 15 studenti musulmani, ha detto un portavoce del gruppo.

Non si hanno al momento notizie di oltre 500 studenti. Secondo il ministro degli Interni, di 815 studenti, ne mancherebbero all'appello esattamente 535.

Le regioni del nord e dell'est del Kenya, ai confini con la Somalia, sono state spesso vittime di attacchi rivendicati dal gruppo islamista somalo al-Shabaab.

Nel 2013 Al-Shabab ha attaccato il centro commerciale Westgate Mall di Nairobi, provocando decine di morti. Il mese scorso il gruppo ha rivendicato gli attacchi nella contea di Mandera, sul confine con la Somalia, in cui sono rimaste uccise 12 persone, incluse quattro che erano al seguito del governatore Ali Roba. Dati statistici forniti dalla polizia indicano che 312 persone sono rimaste uccise in attacchi sferrati da Al-Shabab in Kenya dal 2012 al 2014. Nello stesso periodo 38 persone sono morte e 149 sono rimaste ferite proprio a Garissa.Intanto

Sempre più grave la situazione in Yemen in seguito alla crisi politico-militare in corso. Le milizie degli sciiti Houthi hanno espugnato il palazzo presidenziale di Aden, strategica città portuale dello Yemen e 'seconda capitale' del Paese, teatro di scontri accaniti nelle ultime ore tra ribelli sciiti e forze fedeli al presidente in fuga Hadi sostenute dalla coalizione arabo sunnita guidata dai sauditi.

Carri armati dei ribelli sciiti Huthi sono entrati nelle scorse ore nel centro di Aden e sono stati affrontati dalle truppe del presidente Abd Rabbo Mansur Hadi.  Intanto il consolato russo a Aden ha sospeso le operazioni. Mentre un aereo russo è decollato dal Cairo verso Sanaa per evacuare il personale dell'ambasciata e i connazionali che vogliono lasciare il paese.

Un militare delle Guardie di frontiera saudite è stato ucciso e altri 10 feriti da colpi sparati da oltre il confine con lo Yemen. Lo scrive il sito dell'agenzia saudita Spa, secondo la quale i militari presidiavano un posto di confine finito bersaglio di un'intensa sparatoria proveniente da un'area montuosa yemenita. Alcune unità del Regno - dopo aver risposto al fuoco - sono poi intervenute per "una ricognizione", sconfinando. Riad sostiene nello Yemen le forze de regime a guida sunnita contro la rivolta dei ribelli sciiti Houthi.

Truppe straniere di nazionalità non precisata sono sbarcate in queste ore ad Aden, strategica città portuale dello Yemen teatro di scontri fra ribelli sciiti Houthi e forze fedeli al presidente fuggitivo Abdrabbuh Mansour Hadi sostenute finora dal cielo dai raid di una coalizione militare sunnita guidata dall'Arabia Saudita. Lo riporta la Bbc citando testimonianze locali. Non è ancora chiaro se si tratti d'un inizio d'invasione da parte della coalizione araba.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI