Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 07 Marzo 2021

Rientrati e sotto choc i primi italiani: 'Un inferno'. Due terroristi si erano addestrati in Libia

"Quel che è avvenuto ieri in Tunisia è molto doloroso e molto allarmante. E dimostra che Isis è un pericolo molto grave che va affrontato con urgenza, perché il tempo è poco". Lo sottolinea il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in un'intervista alla Cnn, soffermandosi sull'attacco di ieri in Tunisia. "Quel che è avvenuto dimostra la gravità di questo pericolo", aggiunge il Capo dello Stato

"Discuteremo la nostra reazione all'attacco terroristico a Tunisi. La maggior parte delle vittime erano Ue e di sicuro questo è un attacco anche all'Europa e l'Europa deve rispondere. Li informerò sulla situazione e decideremo la reazione", così l'Alto rappresentante Federica Mogherini entrando al vertice Ue.

Hamas condanna la strage di turisti avvenuta nel museo Bardo di Tunisi. In un comunicato diffuso la scorsa notte a Gaza Hamas precisa che ''l'atto criminale sferrato contro civili rappresenta un crimine contro i valori umani e contro la Tunisia, sia verso il suo popolo sia verso i suoi dirigenti''. Hamas porge dunque le condoglianze alla Tunisia, alla sua leadership e alle famiglie delle vittime, e augura a quel Paese ''stabilita', sicurezza e prosperità ''.

I jihadisti hanno rivendicato, minacciando nuovi attacchi: "Quello che avete visto" a Tunisi "è solo la prima goccia di pioggia". Nove sospetti sono stati arrestati: quattro di questi avrebbero "legami diretti con l'attacco". E' stata arrestata anche la sorella di Jabeur Khachnaoui, uno dei due attentatori uccisi nel blitz. I terroristi erano muniti di cinture esplosive e di armi molto avanzate.

"Siamo di fronte ad una minaccia globale". Lo ha detto il premier Matteo Renzi al termine del vertice Ue, parlando dell'attacco a Tunisi. "C'è chi ha detto che bisogna chiudere le frontiere - ha aggiunto - ignorando che questa vicenda è accaduta fuori dalle nostre frontiere".

Abbracci, qualche lacrima, occhiali scuri per nascondere lo stress e qualche imprecazione, come "una vacanza di m....". Hanno poca voglia di parlare i 130 crocieristi di costa Fascinosa, arrivati a Genova con un charter messo a disposizione dalla compagnia. Una coppia di Lainate, con due bambini, si è salvata grazie all'età dei figli. "Mio marito voleva andare al Museo - dice Simona Panico - ma io gli ho detto che non era una scelta giusta per l'età dei figli". I bambini della coppia hanno due anni e mezzo e tre anni e mezzo. "Ho udito spari, ho visto ambulanze ed elicotteri, furgoni blindati. Era un inferno".secondo le agenzie di stampa ,Primo Roncolato imprenditore di Varese, racconta i momenti dell'assalto terroristico al Museo del Bardo. Roncolato era proprio fuori al Museo. L'imprenditore si ritiene fortunato, anche perchè è riuscito a tornare subito a bordo di Costa Fascinosa. "Ho incontrato un tunisino che aveva lavorato a Perugia - ha detto - E' stato gentilissimo, mi ha chiamato un taxi e sono riuscito ad arrivare al porto. Era un caos".

"Si tratta di due elementi estremisti salafiti, che sono partiti per la Libia lo scorso dicembre dove si sono addestrati", prima di rientrare in Tunisia, ha spiegato il ministro tunisino della Sicurezza Rafik Chelly ai giornalisti e riportato dalle agenzie di stampa Italiane.

Un centinaio di manifestanti ha dato vita stamane a un corteo contro il terrorismo nella centrale centrale Avenue Bourghiba, nel cuore di Tunisi. Sullo striscione che apre la manifestazione si legge: "Il terrorismo non è musulmano né tunisino". Il corteo si svolge nel 59.o anniversario dell'indipendenza del Paese.

Quattro morti e undici feriti, tra cui uno grave, nell'attentato costato la vita a 23 persone, tra cui 19 stranieri e 2 attentatori, più decine di feriti. Si tratta di due donne, Antonella Sesino, 54 anni, dipendente del Comune di Torino, e Giuseppina Biella, una settantenne di Meda, vicino a Monza, che era in vacanza in Tunisia insieme al marito, che si aggiungono al torinese Orazio Conte, informatico di 54 anni, e Francesco Caldara, pensionato di Novara in vacanza con la compagna, che è rimasta ferita. Degli undici italiani feriti, uno è in gravi condizioni.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI