Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 07 Luglio 2020

Caos in Libia e Barhein

Caos_Tunisia

Si contano nuove vittime nelle rivolte di questi giorni contro i regimi del nordafrica e del medioriente. La protesta dopo Tunisia ed Egitto si è allargata a macchia d'olio interessando (oltre all'Iran) la Libia, il Bahrein e lo Yemen. In Libia si celebra la giornata della collera, ma in piazza scendono anche i favorevoli al regime. Nel Bahrein, dopo i sanguinosi disordini della notte a Manama, l'esercito invita a non recarsi in centro. Ci sarebbero decine di dispersi. Proteste degli studenti nello Yemen.

Gli oppositori del regime di Muammar Gheddafi hanno lanciato un appello a manifestare in tutta la Libia nella "giornata della collera", ma gli elementi di dissuasione messi in campo dal governo sono molteplici, e gli scontri ad Al Beida, terza città nel Paese, dove nella notte ci sarebbero stati diversi morti, evocano il rischio di un duro confronto. Le organizzazioni dei diritti umani hanno messo in guardia contro i rischi di una dura repressione da parte delle forze dell'ordine, in un Paese che è poco abituato alla libera espressione del malcontento popolare. La reazione delle forze di sicurezza libica, secondo quanto riportano siti di opposizione questa mattina, si è fatta sentire anche nella nottata, soprattutto nell'est del Paese e a Beida dove ci sarebbero stati tra i "9 ed i 13 morti fra i manifestanti", dopo l'intervento delle forze dell'ordine, che avrebbero messo in campo anche gli elicotteri, che avrebbero poi fatto fuoco.

Intanto, la televisione libica ha trasmesso solo immagini di manifestazioni di supporto a Gheddafi e la stampa, anche la più riformista, non ha citato gli scontri di ieri a Bengasi. Piuttosto, è stato ricordato il quinto anniversario, che cade oggi, dell'attacco al consolato italiano di Bengasi nel 2006 da parte di un gruppo di libici per protestare contro le dichiarazioni del ministro Roberto Calderoli, giudicate offensive per i musulmani. Gheddafi, per rimarcare il fatto, ha ricevuto nei giorni scorsi le famiglie delle vittime che ha definito "martiri". Altro elemento di dissuasione è costituito dai sostenitori del regime organizzati dai Comitati rivoluzionari, spina dorsale del sostegno al leader libico. Ieri, dalle prime ore del mattino fino a tarda notte, in diverse città della Libia, da Tripoli a Bengasi, passando per Sirte e Sebha, si sono svolte delle grandi manifestazioni popolari di giovani, donne e bambini che sventolavano drappi verdi, immagini del leader e gridavano slogan di supporto a Gheddafi e al sistema basato sul potere alle masse, dichiarandolo come una "scelta storica e strategica non rimpiazzabile". E ieri la giornata del colonnello libico si è conclusa con un gran bagno di folla al momento del'inaugurazione del nuovo sport club della squadra di calcio libica Al Ahli, dove più di 15.000 tifosi hanno gridato a una sola voce il loro supporto al colonnello.

Gli Stati Uniti, dopo gli scontri fra manifestanti e polizia in questo paese stretto fra Tunisia ed Egitto, hanno incoraggiato la Libia a rispondere alle aspirazione del suo popolo. Il portavoce del Dipartimento di Stato, Philip Crowley, ha ricordato che ''i Paesi della regione stanno affrontando le stesse difficolta' in fatto di demografia, aspirazioni popolari e bisogno di riforme''. ''Noi - ha aggiunto - incoraggiamo questi paesi ad adottare misure specifiche che rispondano alle aspirazioni, ai bisogni e alle speranza dei loro popoli. La Libia appartiene senza alcun dubbio a questa categoria.

Decine di blindati dell'esercito hanno preso posizione ai bordi della piazza delle Perle di Manama, capitale del Bahrein, ove le forze governative hanno disperso questa notte manifestanti contro il regime causando, secondo l'ultimo bilancio fornito da al Jazira, cinque morti.

Secondo un deputato dell'opposizione almeno 60 persone sarebbero disperse dopo gli scontri a Manama. L'esercito ha lanciato un appello invitando gli abitanti di Manama ad evitare le strade centrali della capitale.

Il capo dell'opposizione sciita del Bahrein, lo sceicco Ali Salman, ha detto che l'assalto delle forze di sicurezza contro i manifestanti a Manama avrà conseguenze "catastrofiche". "L'attacco è stata una decisione sbagliata, che avrà ripercussioni catastrofiche sulla stabilità del Bahrein", ha dichiarato il capo del movimento politico al-Wefaq.
Intanto :  E' stato annullato il passaggio attraverso il Canale di Suez di due navi da guerra iraniane che da ieri incrociano nel Mar Rosso. Lo riferiscono fonti dell'autorità del Canale, spiegando che la richiesta è arrivata dal rappresentante delle due imbarcazioni.

Le due navi da guerra, una fregata e una nave rifornimenti, Asam e Kharg, incrociano da ieri nelle acque del Mar Rosso, facendo salire la tensione della regione. Israele ha accusato Teheran di "provocazione", sostenendo che le due navi dovevano risalire il canale per recarsi in Siria.
Il notiziario della Abc ha dato notizia che l'ex presidente Hosni Mubarak è in "buona salute", e che ieri "ha fatto colazione sulla spiaggia della sua villa" a Sharm el Sheik.

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI