Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 22 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:803 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1453 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:982 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1680 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2436 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1948 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1939 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1889 Crotone

Napolitano: il Paese torni a fare politica industriale

giorgio-napolitano_1258

 

''Questo Paese deve tornare a fare politica industriale come in passato''. E' chiaro il messaggio lanciato da Napolitano in occasione dell'incontro, a Genova, con una delegazione sindacale di Fincantieri. Davanti alla prefettura, sede dell'incontro, Napolitano e' stato accolto da un lungo applauso e dallo slogan ''lavoro lavoro'', scandito da un gruppo di operai.

Al termine dell'incontro il presidente ha avuto anche un fuori programma 'operaio': ha voluto personalmente stringere la mano ai tanti operai che lo attendevano fuori dal palazzo del governo. ''Faro' il possibile per aiutarvi - ha detto loro - condivido le vostre preoccupazioni''. ''So benissimo che cosa sia il lavoro per voi, so benissimo cosa significhi la cantieristica a Genova'', ha aggiunto Napolitano salutando gli operai. ''Nei limiti delle mie possibilita' -  ha anche affermato - mi adoperero' per favorire la ricerca di una soluzione''.

Ai sindacalisti, nel corso dell'incontro durato una ventina di minuti, il Capo dello Stato si e' impegnato a parlare con il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, oggi a Genova per il simposio Cotec, ''per il progetto di rottamazione del naviglio''. E ha assicurato anche che parlera' con il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, perche' al tavolo convocato per l'inizio di novembre ci sia ''qualcosa di concreto''.

Ma non regge la tregua sindacale per Fincantieri. Poco dopo l'incontro dei sindacati confederali con Napolitano, un dirigente della Uilm e' stato duramente contestato dagli operai dello stabilimento di Sestri Ponente. In strada, di fronte al palazzo del governo, dopo che il presidente della Repubblica se ne era andato, un gruppo di lavoratori ha insultato Antonio Apa, della Uilm di Genova. Il sindacalista viene accusato anche dai dirigenti Fiom di avere firmato accordi separati per gli stabilimenti di Riva Trigoso e del Muggiano.

''Fincantieri provoca ancora, ha convocato per domani i lavoratori a Riva e al Muggiano per proseguire l'accordo separato. E' inaccettabile, la Fiom non ci sara''', ha affermato Bruno Manganaro. ''Abbiamo appena avuto la comunicazione - dice il sindacalista -. E' incredibile. Il ministro ha convocato un tavolo e l'azienda dovrebbe percio' fermarsi e attendere. Invece l'ad si fa' i fatti suoi e va avanti per la sua strada, mentre il proprietario si gira dall'altra parte''. Secondo la Fiom l'azienda ''vuole arrivare davanti al ministro e dire ecco il piano, lo abbiamo fatto, l'incontro diventa allora inutile''. Sia la Fiom sia la Cgil di Genova, per voce di Ivano Bosco, auspicano che gli altri sindacati non accettino domani di andare all'incontro.

La delegazione Fincantieri che ha incontrato il Capo dello Stato e' composta da sei persone, due per ogni sigla sindacale. Si tratta di Francesco Grondona, segretario generale della Fiom di Genova, Ivano Bosco, segretario della Camera del Lavoro di Genova, Alessandro Vella, segretario provinciale genovese della Fim-Cisl, Cristina Balsano, segretaria della Cisl di Genova, Antonio Apa, segretario della Uilm di Genova e Pierangelo Massa, segretario ligure della Uil.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI