Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 01 Ottobre 2020

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:611 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1319 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2059 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:1584 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:1567 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:1529 Crotone

Cerrelli: Crotone campo p…

Lug 07, 2020 Hits:1808 Crotone

Radicali e Pd sul punto di rottura

La battaglia per le carceri "Era previsto ufficialmente da quasi tutti che l’iniziativa della sfiducia al ministro Romano non sarebbe passata - si legge sul sito internet dei radicali -. In realtà quindi noi abbiamo anche tenuto presente questo fatto, e infatti se noi avessimo votato sarebbe prevalsa la posizione della maggioranza per 315 a 300. Ciò premesso, abbiamo deciso il comportamento che abbiamo avuto per sottolineare che il voto del Senato di ieri ha di fatto unanimemente, tranne noi, ritenuto irrilevante che il nostro Stato in questo momento ha una responsabilità letteralmente criminale perché sequestra e non detiene gli oltre 67mila detenuti, più i sequestrati della polizia penitenziaria e i direttori, come dichiarano, e di conseguenza poniamo un problema assoluto di priorità. Si potranno fare con tempi più o meno consueti tante riformette, mentre noi non possiamo tollerare che si vada avanti continuando strutturalmente a non superare la condizione della giustizia e delle carceri, perché non vogliamo essere complici di un crimine di Stato, ma semmai servitori della Legge e anche di uno Stato da rendere diverso con amnistia amnistia amnistia".

Si può essere d'accordo o meno con i radicali. Ma va loro riconosciuto il merito di aver posto all'ordine del giorno una battaglia di civiltà. E di aver utilizzato l'escamotage del "non voto" alla Camera (che non ha comunque inciso sulla sorte del ministro) per ribadire l'urgenza dell'argomento. Ecco perché il "processo" nei confronti dei radicali ha tutto il sapore delle purghe staliniane

Di Pietro pero rincara la dose dai microfoni di Radio24: "I radicali hanno cercato una visibilità a buon prezzo in un momento drammatico per il Paese. Portano avanti battaglie libertarie per cui si può fare tutto e di più: si può fumare spinelli, inveire con il Padreterno, abolire le carceri. Un modo di vivere per me inconcepibile in una democrazia occidentale, ma l'errore è stato quello di dargli una voce e uno scranno per portare avanti queste loro aspirazioni. Un errore che non ho fatto io. Il problema non sono loro, ma chi li ha messi lì". Intanto :

Ancora una volta il rapporto tra i "radicali liberi" e il Pd è sul punto di rottura. Qualcuno sussurra che siano in corso le grandi manovre per riportare i pannelliani nella maggioranza. Ma per ora è solo gossip politico...
Tra l'amaro e l'ironico il commento di Marco Pannella: "Leggo che il coraggioso e gentile presidente Dario Franceschini, per il compleanno di Pier Luigi Bersani gli ha fatto il dono di rimettergli l'empito espulsivo suo e di qualche altro compagno. Mi stavo appunto chiedendo quale regalo fare al prestigioso nostro comune amico e compagno. Il caro Dario mi cava così dall'impaccio. Il mio dono è lo stesso. Con i migliori, e - i miei - sinceri auguri".

Rosy Bindi, presidente del partito, è la più dura contro i pannelliani: "Non credo che ieri i radicali abbiano voluto riscoprire la legalità, hanno voluto fare solo propaganda. Premetto che sono d’accordo con loro sull’amnistia perché il sistema carcerario così non può reggere. Ma siccome il voto di fiducia è un momento politico per me la sanzione deve essere severa. Poi deciderà il partito".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI