Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Gennaio 2021

Mario Draghi è stato nominato presidente della Bce

bce_web--400x300

 

Il governatore di Bankitalia, Mario Draghi, è stato nominato presidente della Bce dal Consiglio europeo. Lo ha annunciato il presidente della Ue, Herman Van Rompuy, con un messaggio su Twitter.

"Il Consiglio europeo ha appena concordato sulla nomina di Mario Draghi - è scritto nel testo del messaggio di Van Rompuy - come Presidente della Banca Centrale Europea".

La questione della nomina di Mario Draghi alla presidenza della Bce e' stata oggetto di un incontro tra il premier Silvio Berlusconi ed il presidente della Ue, Herman Van Rompuy. Lo hanno reso noto fonti europee, secondo le quali il Consiglio confermera' l'accordo politico sulla nomina mentre la procedura per la formalizzazione della nomina sara' definita dal Consiglio.

E' probabile che sara' scelta la formula della ''lettera condivisa'' che dovra' essere firmata da tutte le 27 cancellerie. Secondo le fonti l'incontro tra Van Rompuy e Berlusconi, arrivato tra i primi nella sede del Consiglio Europeo a Bruxelles, è avvenuto prima dell'inizio della riunione e dell'arrivo del presidente francese Nicolas Sarkozy e della cancelliera tedesca Angela Merkel. Smentite le voci di un faccia a faccia tra il premier italiano e Sarkozy, sono stati invece intensi i contatti fra le due delegazioni.

I 27 leader della Ue confermeranno oggi Mario la scelta di Mario Draghi alla presidenza della Bce. Ma - secondo quanto si apprende da fonti comunitarie - gli adempimenti burocratici per formalizzare la nomina sarebbero rinviati alle prossime settimane, quando una lettera del presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompouy, dovrà essere firmata dai rappresentanti di tutti gli Stati membri. C'e tempo fino al 30 ottobre, visto che l'insediamento del nuovo presidente è previsto per il primo novembre. Nelle conclusioni del vertice all'argomento è riservata una riga e mezza dove si scrive che Mario Draghi "é nominato" presidente della Bce dal primo novembre 2011 al 31 ottobre del 2019. A tale soluzione si sarebbe arrivati - sempre secondo quanto si apprende da fonti comunitarie - per le resistenze della Francia che, pur appoggiando il governatore di Bankitalia, insiste nel chiedere per un suo rappresentante il posto del board della Bce attualmente occupato dall'italiano Lorenzo Bini Smaghi. "Vedremo oggi cosa dirà il premier italiano Berlusconi", ha affermato una fonte diplomatica francese".

Lorenzo Bini Smaghi avrebbe chiamato il presidente della Ue, Herman Van Rompuy, ed il presidente francese, Nicolas Sarkozy, assicurando che lascerà il posto nel board della Bce "entro la fine dell'anno". E' quanto scrive il quotidiano francese Le Monde sul suo sito online. Le telefonate del banchiere italiano avrebbero permesso di sbloccare l'empasse sulla nomina di Mario Draghi che, secondo la bozza di conclusioni che circola al Consiglio Europeo, riceverà l'avallo politico del vertice. Il quotidiano francese osserva che Van Rompuy "ha come ultima arma la possibilità di non firmare legalmente la nomina di Draghi finche Bini Smaghi non sarà riportato a casa a Roma da Silvio Berlusconi". Le pressioni francesi affinché Bini Smaghi lasci il suo posto nel comitato esecutivo della Bce è definito da Le Monde come "un metodo che contravviene gravemente all'indipendenza dei membri del direttorio della Bce". Il quotidiano inoltre che é la seconda volta che la Francia fa pressioni analoghe: nel 1988 Jacques Chirac infatti accettò la nomina dell'olandese Wim Duisemberg solo a condizione di un suo ritiro a metà mandato a favore del francese Jean Claude Trichet

Il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria, ha dato parere favorevole alla nomina di Mario Draghi alla presidenza della Bce. Ora la parola passa a leader europei riuniti oggi e domani a Bruxelles.La nomina di Draghi da parte del Consiglio europeo dovrebbe arrivare stasera. La decisione sarà quindi formalizzata il prossimo 11 luglio in sede Ecofin, dai 27 ministri finanziari della Ue. L'attuale governatore di Bankitalia si insedierà sulla poltrona finora occupata da Jean-Claude Trichet il prossimo 1 novembre.

L'unico piccola margine di incertezza resta legato alla posizione che assumerà la Francia. Parigi ha finora dato il suo pieno appoggio alla nomina di Draghi, ma chiede un passo indietro di Lorenzo Bini Smaghi dal board della Bce, per lasciare il posto a un rappresentante francese. Richiesta avanzata a Bini Smaghi anche dal governo italiano. Il Wall Street Journal - citando fonti francesi - ha evocato anche la possibilità di un rinvio della decisione sulla nomina del nuovo presidente dell'Eurotower

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI