Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Sabato, 23 Ottobre 2021

Intervista in esclusiva con il candidato della lista Sgarbi Roberto Litta

Ci siamo visti ieri nel mio ufficio della stampa Estera con il candidato della lista Sgarbi Roberto Litta scrittore, per una intervista in esclusiva per il corriere del sud, una persona molto gentile, e pieno di amore e voglia di fare nell'ambito culturale ed economico per la nostra Città di Roma se domani il centrodestra con il candidato Sindaco Enrico Michetti vincesse le elezioni.

Con Roberto sono arrivati insieme l'amico Nino Capobianco, un caro amico che con il suo progetto AMAMI, porta avanti insieme al gruppo musicale The ABBA the best, un progetto musicale contro il maltrattamenti sulle donne, Anna Maria Croce presidente del circolo culturale madame de stael e Maria Sofia Protasova che fra qualche giorno presenterà il lavoro del suo padre Andrey Protasov.

Roberto Litta, classe 1966, dopo il liceo scienti­fico ha svolto studi di giurisprudenza e si è perfezionato in marketing con indirizzo business internazionale. Ha lavorato per molte importanti aziende occupandosi di finanziamenti europei e sviluppo mercati. Sin da ragazzo ha conservato intatta una forte passione per la storia e un grande spirito di osservazione sulla politica e sulla nostra società contemporanea. Autore di soggetti per il teatro (Racconti di Tango, 2009; Storia d’Italia in Disordine Perfetto, 2010; La giusta violenza 2017), nel 2012 arriva al grande pubblico con il romanzo storico “L’uomo che vive due volte” giunto alla terza edizione. Papà di Leonardo Alvise e di Dorotea Adelaide, con questa opera “Dieci Racconti” ha deciso di avviare un progetto itinerante in Italia per il rilancio e la diffusione della letteratura per ragazzi e per contrastare il fenomeno del bullismo e dell'emergenza educativa.

Quale sarebbe la tua politica per il patrimonio culturale di Roma ?

Roma e un patrimonio culturale enorme e l'idea che abbiamo avuto con Vittorio Sgarbi e che dobbiamo avere una lista apposta e vogliamo essere e dobbiamo essere dalla parte della nostra coalizione che mette al centro il rilancio della nostra città anche il rilancio morale, serve una grande riqualificazione in senso culturale abbiamo dei beni inestimabili una Roma molto conosciuta i fori imperiali la piazza di Spagna i musei vaticani, penso una Roma a livello fluviale penso al romanico del aventino penso al Gianicolo che li sono pezzi della nostra storia, che l Italia che si e fatta e si e fatta con i giovani noi tutti cantiamo l'inno di mameli, che quest anno si e cantato spesso abbiamo vinto un sacco di  medaglie abbiamo vinto l campionati del  calcio l'altro ieri i campionati europei di pallavolo e pochi sanno che questa canzone scritta dal giovane Mameli l'ha scritta a 21 anni e ha dato la vita per difendere la Repubblica Romana dobbiamo ripartire dalla cultura tutti sappiamo che in politica si azzuffa sulle tifoserie e non sulle proposte abbiamo ritenuto di sostenere Enrico Michetti con una lista dedicata appositamente grazie a Vittorio Sgarbi che oggi e il piu grande critico Italiano puoi avere simpatie o meno ma e il piu grande critico Italiano Noi vogliamo difendere questo patrimonio  portarlo al centro.come al solito ci e stato detto che eravamo un po dei folli avventurosi in realta i sondaggi ci stanno raccontando non solo della nostra lista che andra oltre il 3% o 4 %nata di recente e ci da grande soddisfazione ma ci stanno raccontando che i cittadini Romani quando chiedono a tuo avviso che cosa potra fare ripartire la forza economica il turismo della bellezza di Roma tutti rispondono il nostro patrimonio culturale, e questa risposta non viene dalla persone colte cioe chi ha studiato ma anche la categoria di tassisti sa che se riparte una offerta di eventi culturali importanti sa che a roma tornano i turisti e spesso tornano dei turisti di qualita quindi turisti che possono allementare la nostra economia che possono spendere qualcosa in piu per questo per noi e fondamentale Vittorio ha dato la sua disponibilita e una persona molto conosciuta ma devo dire che tutta la nostra lista i valenti uomini e donne stiamo dando il massimo e la nostra gioia e che dove andiamo non ci tirrano i pomodori ma ci fanno molti applausi.

ci sara una coordinazione di tutti i assessorati oltre la cultura oltre la mobilità la monnezza ..Roma pare tutta abbandonata a se stessa

oggi l'intervento  con un certo dolore passeggiando per Roma ho dovuto dire che pare che l'unica prospettiva sono i monumenti che le persone sono diventate dei simulati angosciati del bisogno dello stress con rapporto nevrotico con il lavoro e con il denaro insensibili alle bellezze di Roma e noi dobbiamo fare uno sforzo educativo noi ci stiamo concentrando sulle scuole medie sui licei sui università perché il capitale nelle mani dei giovani può essere periodo di prosperità e restituire la consapevolezza e il valore ai nostri beni ma soprattutto a rispettarli perché la sporcizia della carta per terra e colpa anche di una amministrazione che non sa raccogliere anche la poca diffusione della coscienza civica dell'insegnamento e dell'educazione l attenzione al prossimo 

Come faremo questo coordinamento per me la cultura e sfidante abbiamo la fortuna che abbiamo Vittorio Sgarbi ha accettato di fare l assessore alla cultura diciamo poi che dopo le ballerine di bourlet che ovviamente sono rispettabili di professione finalmente la città di Roma avrà un assessore che capisce di cultura e d'arte, Io dovrei occuparmi di bilancio perché c'è un problema più immediato che rischia di compromettere come spesso diciamo con l amico Capobianco la quotidianità delle persone se noi non facciamo un intervento robusto e li assestamenti di bilancio stando alle carte dell'ultimo bilancio approvato da questa amministrazione io non amo fare polemiche con chi ha amministrato prima di me se no succede che si da la colpa prima e alla fine si darà la colpa a Garibaldi che ha unito l'Italia una classe dirigente deve prendere la situazione affrontarla e mettere in campo le proprie capacità. noi dobbiamo fare e abbiamo esaminato il bilancio perché abbiamo esperienza amministrativa oltre che culturale perché serve un assestamento veloce per aiutare le famiglie Romane.

Grazie Roberto della tua intervista e grazie a Nino Capobianco per il tuo prezioso aiuto di presentarmi Roberto Litta una persona e un candidato eccezionale.

 

 

 

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI