Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 20 Ottobre 2019

Alcune riflessioni sul nuovo Governo giallorosso

Alcuni tra i “5” benevoli lettori dei miei “foglietti”, incontrandomi dopo le vacanze, mi hanno chiesto una opinione intorno alla “nuova” situazione politica. La cosa mi provoca qualche timore perché, evidentemente, questi amici sopravvalutano le mie possibilità e magari immaginano che mi sia facile sciorinare giudizi su una materia difficile e in evoluzione. E, infatti, come si fa a valutare in modo equanime persone che prima si insultano e quasi vengono alle mani e, poi, fra notte e giorno, si scoprono amici fraterni? Un osservatore, povero come sono io, di fronte a così subitanee metamorfosi, resta, a dir poco, confuso e senza parole anche se constata il degrado di una tale improvvisata e disinvolta classe “dirigente” a cui la Democrazia affida il potere di fare le leggi e condurre i destini di una nazione!

Ciò premesso, a chi volesse conoscere una chiave di lettura – fra tante – della situazione attuale, propongo di fermarsi a riflettere possibilmente lontano da clamori affrettati. A mio parere questi signori vanno giudicati alla luce di valori “primari” o, come li chiamava Papa Ratzinger, “non negoziabili”, che per me sono quelli che si riferiscono a Vita e Famiglia. Io, infatti, faccio discendere tutto, “per li rami” direbbe Dante, dalla difesa di questi valori che ritengo  fondamentali per qualsiasi società; le altre cose (poltrone, sottosegretari, banche, economia, deficit, pil, spread, ius soli, ius culturae, reddito di cittadinanza, legge elettorale, imposizioni di Bruxelles all’Italia, aumento vero o presunto di pensioni e salari, il problema dei migranti con la polemica che se ne fa, perfino i 5 milioni di nostri poveri italiani di cui nessuno parla…) saranno pure importanti ma sono anche opinabili e vengono dopo.

A questo punto il discorso diventa semplice e perfino banale: basta controllare quanto questi “giovinotti” hanno detto, scritto e fatto pro o contro Vita e Famiglia e, quindi, trarre tranquillamente le conclusioni.

Per meglio approfondire, poi, consiglio di informarsi – ove possibile –  su filosofie e maestri a cui costoro fanno riferimento. Io sono a favore – e l’ho ripetuto innumerevoli volte come il grillo parlante di Pinocchio! – della Vita che deve nascere e che è già nata e della Famiglia, formata da uomo-padre, donna-madre che generano figli, in ciò attingendo al Diritto naturale valevole per ogni uomo sulla faccia della  terra e alla Dottrina sociale della Chiesa che da quel Diritto deriva. Sono convinto, infatti, che dalla salvaguardia di principi inviolabili come quelli inerenti a Vita e Famiglia possa discendere la libertà vera, il benessere spirituale e fisico dell’individuo e il progresso anche economico e la pace di qualsiasi società.

Di conseguenza mi oppongo a chi vuole stravolgere queste due realtà e segnatamente sono contro:

1) l’aborto, sia “pre-natale” (7 milioni dal 1978 solo in Italia, alla faccia della “tutela della maternità” di cui parla la “legge” 194!) sia “post-natale” (infanticidio, già legale nelle nazioni “civili” neopagane del Nord come Belgio e Olanda)

2) alle famiglie “altre” (due uomini, due donne) che pretendono il possesso impossibile di figli

3) all’utero “in affitto”: in burocratese parlano di “maternità surrogata”, in realtà è compravendita di corpi di donne e di bambini

4) al “gender” che si infiltra ormai nelle scuole ad opera di libri di testo, insegnanti “primi della classe” (è dal “1968” che imperversano!) con l’acquiescienza dei colleghi che, per non avere noie, preferiscono ignorare l’argomento: genitori, nonni, informatevi e aprite gli occhi, nelle scuole pubbliche stanno già tentando di cambiare i connotati sessuali a figli e nipoti!

5) al progetto di legge sull’ “omofobia” che, giacente al Senato, ora con la “nuova” maggioranza potrà passare facilmente e chiuderà la bocca, a colpi di Codice Penale, a chi oserà dissentire dalle famiglie “arcobaleno”

6) alla ormai prossima eutanasia che ci faranno accettare come divieto all’accanimento terapeutico mentre, invece, sarà morte per fame e per sete.

Ora, tra i partiti che siedono in Parlamento, ce ne sono alcuni dichiaratamente favorevoli a queste “belle” cose che con vocaboli innocui e suadenti (“orwelliani”) chiamano “diritti civili”; le hanno scritte – nero su bianco – nei loro programmi e, vantandosene, le hanno elevate al rango di “valori”.

Pertanto sono certo che il governo “nuovo” formato da “5 stelle”, neo-comunisti del Partito Democratico ed ex democristiani catto-progressisti, magari per gradi (tre passi avanti e uno o due indietro!), faciliterà l’approvazione di quelle “belle” cose incrementando, così, il disordine e la corruzione come se non ce ne fossero già  abbastanza nella nostra squallida società.

Attenzione. Occorre aggiungere che tutto ciò non è solo parto dei piccoli  politicanti nostrani, esso è iscritto nel programma più ampio delle “massonerie” e dei potentati europei di cui i nostri “giovinotti” – consapevoli o no – sono accoliti e servitori. Bisogna sapere che da secoli è in atto una guerra senza quartiere contro il Cristianesimo con l’intento dichiarato di cancellarlo dall’Europa, non con spargimento di sangue come avvenne col Giacobinismo, il Comunismo ateo e il Nazional Socialismo pagano, ma con un’azione subdola e, sotto certi aspetti, ancora più pericolosa. Giustamente “Avvenire” (15-IX-2019) parla di “ricristianizzazione dell’Europa”. Alla luce di tutto ciò, si può spiegare il favore con cui molti cattolici, pur con tante ovvie  e legittime cautele,  guardiamo al giovine Salvini che in piazza bacia il Rosario e invoca i Santi Patroni  dell’Europa!

Alcune domande finali:

 Quando quelle “cose” saranno approvate, come si comporterà “Famiglia Cristiana”? Concederà interviste benevole al segretario del Partito Democratico Zingaretti, simili a quella del 17-III-2019? E “Civiltà Cattolica” di padre Spadaro? E i preti e le suore che vestirono camicie rosse non so per quale protesta in piazza? Innalzeranno cartelli con su scritto “Vogliamo rimanere umani” come mi capitò di vedere tempo fa in una processione della Madonna del Carmine in Sicilia? E i “cattolici” ex dc diluiti fra i neo-comunisti del PD proporranno ancora “paletti”, ridicoli, nel tentativo inane di frenare la deriva che quelle “leggi” producono? E il Presidente della Repubblica le firmerà come ha fatto per le “unioni civili” di qualche anno fa?

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI