Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Domenica, 17 Novembre 2019

Il Rosario di Matteo Salvini

Come è a tutti noto, il Segretario della Lega, Matteo Salvini, nel grande comizio di Milano del 18 maggio 2019, ha invocato la Madonna, i Santi Patroni d’Europa, San Benedetto da Norcia, i Santi Cirillo e Metodio, Santa Brigida, Santa Teresa e Santa Benedetta della Croce; infine ha baciato la Corona del Rosario.

Mi fossi trovato in piazza del duomo lo avrei sicuramente applaudito.

Questo mio entusiasmo contrasta – per diametrum – col disappunto di chierici e prelati (v. pag. 9 di “Avvenire”, 20-V-2019) che possono riassumersi nelle parole di “Famiglia Cristiana” del 26 maggio 2019: “Quelle del ministro degli Interni sono astuzie da marketing elettorale per carpire voti di chi abbocca. Ma chi ha fede non può che indignarsi. Può darsi che la “gloriosa” Rivista dei Padri Paolini abbia le sue buone ragioni, ma io e molti altri frequentatori di chiese e che, forse indegnamente, crediamo di avere ancora fede, abbiamo “abboccato” e non ci siamo “indignati” per i motivi che cercherò di esporre qui di seguito.

Sentendo le parole di Salvini, il mio primo sentimento è stato un misto di meraviglia e sbalordimento. Mi sono subito chiesto come abbia potuto un giovine, cresciuto a pane, telefonini, canzonette e discoteca, in una società avviata al paganesimo e al capovolgimento dei valori, avendo egli frequentato scuole del dopo-Sessantotto imbevute di marxismo relativista, con professorini più spesso presuntuosi e saccenti, impunemente liberi di raccontare ai loro ignari alunni mezze verità e menzogne complete sul Medio Evo cristiano che non hanno studiato, sulla Riforma Cattolica, l’Inquisizione, l’Illuminismo, la Rivoluzione Francese, il Risorgimento, il Comunismo, il Fascismo, l’Antifascismo… etc. etc., mi sono chiesto come abbia potuto questo “quarantenne” quagliare un tal finale di comizio addirittura nel centro della città più “politica” e, quindi, più “laica” d’Italia e magari d’Europa. Resta un mistero che solo lui può spiegare!

Certo, soprattutto nel clima di laicismo imperante, dove i segni del sacro sono quasi scomparsi, è legittimo pensare con “Famiglia Cristiana” che egli abbia fatto un “uso strumentale della religione”; però, tra le tante cose che si possono dire su un fatto così fuori della “norma”, ciò che colpisce in quest’“uso” è la scelta della religiosità più tradizionale e, pertanto, mal sopportata da tanti chierici “neo-modernisti”, il Rosario! Ora, due sono le cose: o Matteo è un prestigiatore diabolico come il famoso/famigerato Cagliostro palermitano, oppure il suo gesto, per quanto irregolare ed estemporaneo, è comunque sincero e allora, quanto meno, deve far riflettere. E, infatti, forse proprio la progressiva scomparsa in Europa del sacro, osteggiato e smarrito soprattutto in questi ultimi 50 anni, e il conseguente deserto può avergliene fatto nascere il desiderio, la ricerca e la rivalutazione; da qui gesti e parole anche plateali, magari provocatori, come quelli del “nostro” in piazza a Milano. 

In questa ricerca e rivalutazione del “sacro” egli si è calato nel “popolo basso” che, nonostante l’enorme pressione degli intellettuali “primi della classe”, è e resta cattolico e fedele e tale ancora si sente nel fondo del cuore, legato ai “segni” e ai valori di sempre: per intenderci, è quel popolo che vuole il Crocifisso nei luoghi pubblici; che insorge quando qualcuno proibisce il presepe nelle scuole; che non si vergogna di segnarsi la Croce alla fronte passando davanti a una chiesa; che dice ai testimoni di Geova, perlustratori la mattina di domenica delle strade presso le chiese, “sono cattolico e sto andando a messa”; è quello che augura “Buon Natale” invece dell’incolore e inodore “buone feste” o – peggio – “auguroni” per non si sa bene chi e che cosa, “Buona Domenica” e non “buon weekend” come molti vanno scimmiottando nella lingua dei padroni del mondo…

Quisquiglie e piccoli pensieri di me che sono nato nella “prima metà del secolo scorso”? Non nego che lo siano. Matteo Salvini, però, nonostante la feroce propaganda contraria, ha intercettato e convinto proprio questo popolo “conservatore” non ancora completamente edotto  e corrotto dal neo illuminismo e che fa Resistenza magari passiva e senza averne piena coscienza; egli ha ignorato di slancio le élite che compaiono nelle televisioni e tentano di ammaestrarci come all’asilo e ci fanno piangere o ridere a comando come pupi su un palcoscenico e sparano parole vane e le scrivono sui giornali.

È probabile che la scoperta della religiosità popolare “salviniana” sia la cosa che, in fondo, fa più paura a costoro; più del razzismo inventato e del fascismo riscoperto alla vigilia di ogni elezione ma improponibile perché sepolto nel 1945 con la sconfitta dell’Italia, anche se contro il suo fantasma gruppi di sprovveduti, spinti da giornaloni come “Repubblica”, marciano nelle strade e cantano “bellacciao”. A coloro, invece, fa paura il Salvini che si reca a Verona, al Congresso della Famiglia naturale, che apertis verbis – e oggi bisogna avere coraggio per affermarlo! – dice che il bambino per nascere e crescere ha bisogno di una mamma e un papà possibilmente veri; è quello che in Parlamento blocca la “legge” contro la cosiddetta “omofobia” ché, se passasse (e passerebbe d’un fiato coi “5 Stelle” e i post-comunisti del PD di Zingaretti malauguratamente uniti!), chiuderebbe a colpi di Codice Penale la bocca a noi “medioevali” che osiamo sostenere essere Famiglia solo quella naturale formata da uomo-padre, donna-madre e figli; è il Salvini che è contro  il “gender” che tenta di trasformare la sessualità dei nostri ragazzi e la compravendita dei corpi delle donne mediante l’“utero in affitto”.

Ricordo agli immemori che tutte queste “belle” cose sono parte primaria dei programmi di partiti come il PD  e passano sotto il nome innocuo e accattivante di “diritti civili”. È questo popolo nascosto e magari confuso ma ancora naturaliter “religioso” che il giovine Salvini ha intercettato e che si oppone a quel mondo – per intenderci – rappresentato e riassunto dall’emblematico cartello che una signora senatrice del nostro Parlamento non s’è vergognata di brandire proprio a Verona: “Dio, patria, famiglia: che vita de mer…!

Spiace che “Famiglia Cristiana” stenti ancora ad accorgersene e pubblichi interviste edulcorate a Zingaretti neo-comunista, lettere di lettrici dove Matteo viene tranquillamente definito “bieco essere”, di donne spaventate per un fascismo prossimo a marciare su Roma sol perché il Ministro degli Interni a Forlì ha comiziato dallo stesso balcone da cui 90 anni prima aveva parlato il...Duce! Non così noi, fedeli che frequentiamo le chiese e da una vita teniamo la Corona in tasca per ogni evenienza e preghiamo col Rosario di San Pio V (quello di Lepanto, 7 Ottobre 1571!) e non abbiamo mai perduto una messa, una processione, un pellegrinaggio… Sì, sì, lo so che il buon cristiano “lo vedi se dà da mangiare agli affamati, da bere agli assetati, se ha occhi per il dolore e le sofferenza degli altri” ci ammonisce il buon vescovo di Noto, mons. Antonio Staglianò, siciliano come me, su “Avvenire” (20-V-2019). Io tutto questo, coi miei limiti, mi sono sempre sforzato di farlo e, probabilmente, in privato lo fa anche Matteo che, però, essendo politico con gravi responsabilità pubbliche, deve dar conto al popolo italiano e, nel caso dell’emigrazione, costringere l’Europa ad assumersi le sue responsabilità.

Molti di noi, in questa evenienza, abbiamo comunque dato fiducia a  Matteo che, per quanto – dati i tempi – non possa essere uno stinco di santo e sia “peccatore” come lui stesso si definisce, sembra avere iniziato a studiare e a capire la realtà delle “due città” in irrimediabile contrasto tra loro e, di conseguenza, s’è dato  coraggio e ha gridato parole inusuali ed estemporanee ma sicuramente e  finalmente comprensibili anche dai “poveri” come me!

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI