Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Mercoledì, 20 Novembre 2019

Tav, terremoto nel Governo. Salvini: "Ora siamo al limite"

La Commissione europea è pronta a inviare una nuova lettera all'Italia per ricordargli che l'eventuale 'no' alla Tav comporterà la violazione di due regolamenti Ue del 2013 e la perdita di circa 800 milioni di cui 300 milioni entro marzo e il resto successivamente. E' quanto si apprende a Bruxelles. Di Tav ieri avrebbero parlato al telefono il vice premier Matteo Salvini e il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen

Il premier Conte ha convocato a Palazzo Chigi Mario Virano, direttore generale di Telt, la società italo-francese incaricata di realizzare e poi gestire la Torino-Lione. Secondo quanto si è appreso l'incontro si svolgerà nel pomeriggio.

All'indomani del vertice sulla TAV, Palazzo Chigi fa sapere che "Sono emerse criticità che impongono un'interlocuzione con gli altri soggetti partecipi del progetto, al fine di verificare la perdurante convenienza dell'opera e, se del caso, la possibilità di una diversa ripartizione degli oneri economici, originariamente concepita anche in base a specifici volumi di investimenti da effettuare nelle tratte esclusivamente nazionali. Saranno necessari ulteriori incontri non essendoci un accordo finale. All'esito del confronto si è convenuto che l'analisi costi-benefici sin qui acquisita pone all'attenzione del Governo il tema del criterio di ripartizione dei finanziamenti del progetto tra Italia, Francia e Unione Europea. 

A distanza di vari anni dalle analisi effettuate in precedenza e, in particolare, alla luce delle più recenti stime dei volumi di traffico su rotaia e del cambio modale che ne può derivare, sono emerse criticità". 

La posizione della Francia è netta. Quella dell'Italia meno. Salvini vorrebbe concludere l'opera, magari rivedendone i costi. Il M5S invece è contrario. Nel mezzo c'è Conte, che oggi si è dichiarato "dubbioso" e ha annunciato una conferenza stampa per spiegare la situazione. Il vertice di stanotte si è chiuso senza "un accordo finale". La distanza tra le parti c'è, inutile negarlo. Tanto che sia Lega che Cinque Stelle, al di là delle smentite di facciata, non escludono una vera e propria crisi di governo.  

Il vertice di ieri sera tra Di Maio, Salvini e Conte non è servito ad altro se non a mettere in chiaro che nel governo siamo al muro contro muro. "Io non voglio rompere con i 5 stelle - dice Salvini, secondo quanto riporta Repubblica - ma non posso nemmeno intestarmi un 'no' alla Tav che comporterebbe il rischio della perdita dei fondi europei e perfino di un maxi risarcimento danni a nostre spese: se l'assumano loro, se vogliono". E ancora: "Qui non siamo alla crisi, ma la situazione con loro a questo punto è al limite.Io capisco Luigi, che deve tenere in piedi la sua baracca, ma certe volte ho l' impressione che non ci riesca".  

I grillini, Di Maio e Toninelli in testa, vogliono tenere il punto su quello che è sempre stato un loro cavallo di battaglia; il Carroccio, invece, non intende intestarsi la chiusura di un progetto ben visto al Nord e - in generale - nel resto del Paese.

L'ultimatum di Salvini è chiaro anche ai Cinque Stelle. Tanto che ieri, riporta il Corriere, nel pieno delle trattative i penta stellati non nascondevano che "sì, a questo punto non escludiamo più neanche una crisi di governo". Sono due le strade. La prima è quella parlamentare: Salvini avrebbe invitato i Cinque Stelle a proporre alle Aule delle proposte di modifica dei trattati sulla tav la sconfitta è scontata, visto l'ampio spettro parlamentare a favore dell'opera. La seconda via è il referendum, magari da tenersi in Piemonte.  

Di Maio ha scritto ai parlamentari M5S una lettera che è diventata di dominio pubblico. E non è un caso. Nella missiva si legge che "l'analisi costi benefici commissionata dal Mit riguarda sia la Francia che l'Italia, ed è fortemente negativa. Anche l'analisi per singolo paese riguardante solo l'Italia risulta essere ugualmente negativa a causa dei mancati guadagni sulle accise sul carburante e sui pedaggi autostradali. Il coefficiente di beneficio di in questo caso è di 0,20%. Ovvero ogni euro investito, fa rientrare 20 centesimi. Gli effetti negativi sono comunque di mezzo miliardo di euro se eliminiamo accise e pedaggi. Per non parlare, aggiungo io, della devastazione del territorio della Val di Susa". Non solo. "  

Ieri sera, riferisce Repubblica, prima del lungo vertice di governo il titolare del Viminale avrebbe riunito nei suoi uffici i fedelissimi insieme ad alcuni professori e ingegneri. Salvini voleva arrivare preparato all'incontro. La Tav vuole farla, è convinto che costerebbe meno concluderla che bloccarla. E poi c'è la questione dei finanziamenti europei: dopo aver parlato con Jyrki Katainen, Salvini ha avuto la conferma che un "no" italiano alla Tav produrrebbe conseguenze sui fondi già stanziati da Bruxelles. Il rischio è di perdere qualcosa come 800 milioni. L'Italia infatti violerebbe due trattati firmati nel 2013: secondo le indiscrezioni la Commissione avrebbe pronta una lettera da inviare al governo nostrano.

Senza contare che lunedì dovrebbe arrivare il via libera ai bandi. Se il M5S volesse bloccarli dovrebbe ottenere un voto in Consiglio dei ministri. Ma in quel caso la Lega verrebbe allo scoperto, rendendo chiara la posizione e spaccando il governo. Le aziende aggiudicatarie, fa notare Repubblica, potrebbero peraltro anche dare il via ad azioni legali per i danni provocati da un eventuale stop. E se anche il governo decidesse di bloccare i bandi, il Cda di Telt potrebbe comunque farli partire (per poi dimettersi subito dopo e evitare di incappare in responsabilità civili in caso di mancato avvio delle opere).

Intanto  il ministro dei Trasporti francese, Elisabeth Borne che con le sue dichiarazioni "richiama" l'Italia agli impegni presi sulla Tav. "Un tunnel non lo possiamo fare da soli, confido che domani l'Italia dirà di sì, e rispetterà il trattato internazionale che abbiamo firmato insieme", ha detto in un'intervista con Cnews. "È un progetto molto importante: tra l'Italia e la Francia solo l'8 per cento delle merci è su ferrovia, tra l'Italia e la Svizzera è del 70 per cento. L'obiettivo del tunnel è permettere di sviluppare il trasporto ferroviario. Questo vuol dire meno camion sulle Alpi, un traguardo che attendono in tanti".  

"Italia rispetti gli impegni" La decisione sull'alta velocità dovrebbe arrivare entro domani, ma il vertice notturno di ieri sera tra Conte, Di Maio e Toninelli non ha prodotto alcun risultato. E così da Parigi arriva un monito che sa di ultimatum.

Sullo sfondo c'è la questione dei bandi. Lunedì dovrebbe arrivare il via libera ai bandi per la Tav, ma il M5S sembra intenzionato a bloccarli. Il Carroccio è contrario e, secondo il Corriere, sarebbe pronto a votare "no" allo stop in Consiglio dei ministri la scelta dovrebbe infatti essere presa collegialmente. Se i ministri leghisti e grillini votassero diversamente in Consiglio, lo strappo sarebbe inevitabile. "Per fermare il Tav ci sono due passaggi - spiega infatti Di Maio - Il primo è quello del blocco dei bandi sui quali bisogna decidere entro questo lunedì e ciò può avvenire o tramite una delibera del consiglio dei ministri o tramite un atto bilaterale Italia-Francia che intervenga direttamente sul CdA di Telt la società italo francese che gestisce gli appalti del Tav. Il secondo è quello del passaggio parlamentare per il no definitivo all'opera. Su tutti e due questi passaggi non c'è un accordo tra le due forze di governo".

 

 

 

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI