Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 13 Novembre 2018

Salvini : "La manovra economica darà serenità e stabilità all'Italia"

"La manovra economica - assicura Salvini - darà serenità e stabilità all'Italia quindi non abbiamo bisogno di aiuti esterni". "Siamo qua - ha aggiunto Salvini - a parlare di business, di amicizia, di collaborazione, a ringraziare gli imprenditori italiani che resistono alle sanzioni, a tutto e a tutti". "Noi puntiamo sul lavoro, la vita reale. Gli italiani ci hanno votato per intervenire sulla vita reale, sulla legge Fornero, su Equitalia, sulle partite Iva, sull'agricoltura. La finanza seguirà".  

Intanto  due giornalisti, Francesco Palese e Lorenzo Lo Basso, questa mattina si sono presentati negli uffici della Procura della Repubblica per depositare il loro esposto. 

Due denunce, una dietro l'altra. La prima recapitata a Pierre Moscovici e la seconda a Guenther Oettinger, i due componenti della Commissione Ue che negli ultimi giorni hanno più volte criticato l'Italia e il suo governo per le scelte fatte nella legge di bilancio

L'accusa è chiara: aver manipolato il mercato azionario italiano con le loro dichiarazioni sulla manovra.I due cronisti parlano di un "pesante turbamento" del mercato dovuto alle parole dei due commissari. Si tratta di "dichiarazioni rese alla stampa (non quindi comunicazioni ufficiali come il loro ruolo istituzionale imporrebbe) a mercati aperti che hanno manifestamente modificato l’andamento degli stessi, incidendo in modo significativo sulla fiducia e l’affidamento che il pubblico pone della stabilità patrimoniale di banche e gruppi bancari, alterando contestualmente il valore dello spread italiano".

Nella denuncia si legge che le dichiarazioni "sono state rese prima che i detti commissari ricevessero l'intera documentazione da parte del governo italiano avvenuta in data 16/10/2018 con il Documento programmatico di bilancio". Come a dire: un processo alle intenzioni. "In tal modo - continua la denuncia - hanno diffuso notizie false e posto in essere operazioni simulate sulle conseguenze per l’Italia da tale manovra di bilancio provocando l’alterazione del prezzo di strumenti finanziari (violazione art. 185 TUF E ART. 501 C.P.). Lo Spread, che incide sui risparmiatori italiani, è infatti cominciato a salire. Si consideri che a fine Settembre era sul livello di 240 punti mentre è cominciato a salire vertiginosamente unitamente alle dichiarazioni dei due funzionari".

Ed ecco cosa significa e il perche del Governo che ha fatto una manovra finanziaria per aiutare i piu deboli che sono in aumento : Calo significativo per le nuove pensioni Inps erogate nei primi nove mesi del 2018: tra gennaio e settembre - si legge nel Monitoraggio sui flussi di pensionamento dell'Inps - soprattutto a causa dell'aumento dell'età per la pensione di vecchiaia delle donne e per gli assegni sociali scattato nel 2018 (da 65 anni e sette mesi a 66 anni e sette mesi) le nuove pensioni sono state 349.621 a fronte delle 454.534 liquidate nei primi nove mesi del 2017. Si è registrato un crollo soprattutto nei nuovi assegni sociali passati da 57.758 a 13.168 (-77%).

Sono sei milioni - si legge ancora nel rapporto - i pensionati italiani con un reddito da pensione inferiore a mille euro al mese (il 37,5% del totale) e tra questi oltre il 64% (3,85 milioni) è rappresentato da donne. Tra le donne pensionate il 45,9% ha meno di 1.000 euro al mese. Le persone che possono contare su oltre 5.000 euro lordi al mese sono 266.180 (l'1,7% dei pensionati) in stragrande maggioranza (80,8%) uomini.

Nel periodo gennaio-settembre 2018 sono stati erogati benefici economici legati al Reddito di inclusione (Rei) a 379.000 famiglie coinvolgendo più di un milione di persone. Lo si legge nel Monitoraggio Inps sul Rei nel quale si spiega che "la maggior parte dei benefici vengono erogati nelle regioni del sud (69%)" per il 72% delle persone coinvolte. Il 47% dei nuclei beneficiari di ReI, che rappresentano oltre il 51% delle persone coinvolte, risiedono in sole due regioni: Campania e Sicilia.

"Sono fiducioso che nelle prossime settimane lo spread comincerà a scendere perchè saranno le settimane del dialogo con la Ue" ha detto anche Luigi Di Maio rispondendo ad una domanda sulla manovra che, ha affermato ancora, sarà efficace perchè "intende investire nel capitale umano di questo Paese".  

Se la risposta italiana alla bocciatura Ue della manovra è che le misure non cambiano desta qualche preoccupazione, però, nel governo italiano la questione spread. Il premier Giuseppe Conte in una intervista alla 'Stampa' e a 'Repubblica' sottolinea che "sicuramente se lo spread sale, o se comunque si mantiene alto a questo punto, è un problema, quindi dobbiamo augurarci che scenda. Abbassiamo tutti i toni. Facciamo sistema affinché ciò avvenga. Io sto lavorando perché lo spread si abbassi. Vogliamo e dobbiamo mandare un messaggio di fiducia". 

Il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker e la cancelliera tedesca Angela Merkel ieri si sono sentiti al telefono per parlare del bilancio italiano e della Brexit. Lo ha annunciato Mina Andreeva, portavoce dell'Esecutivo comunitario.

Ieri anche il ministro dell'Economia Giovanni Tria aveva evidenziato che a 320 punti "è un livello che non possiamo considerare di mantenere troppo a lungo", ma ha evidenziato, d'altra parte che "non ci sono motivi fondamentali" che giustifichino questi livelli: "I fondamentali dell'Italia sono solidi". Il problema "é l'incertezza politica su dove il Governo vuole andare a finire". Come sull'euro che, ribadisce, nessuno mette in discussione.

E sempre sull'ipotesi che lo spread salga e superi i 400 ieri Di Maio ha evidenziato: "Noi andiamo avanti con la manovra, la storia non si scrive con i se".

 

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI