Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 27 Novembre 2020

Atene, vietate le commemorazioni di Xrysh Aygh per Manolis e Giorgos

Nel 2013, ad Atene, due giovani militanti di Alba Dorata vengono freddati davanti alla sede del movimento nazionalista greco.

Da allora i due ragazzi entrano nel “pantheon” del gruppo che, ogni anno, li commemora con un corteo. Quest’anno però le istituzioni locali non concedono al movimento greco, cresciuto nel consenso sino a diventare il terzo partito del Paese, gli spazi per le celebrazioni.

Nikos Babalos, il sindaco del comune periferico di Neo Iraklio, a nord della capitale greca non ha autorizzato la manifestazione di Chrysi Avgì in memoria di Giorgos e Manolis perchè “il quartiere vuole isolare il razzismo e non lasciare spazio alle manifestazioni fasciste”.

“Sindaco e consiglieri, provate ad ostacolare la commemorazione di mio figlio e ne vedremo delle belle”. A minacciare una reazione dura è Lambros Fountoulis, eurodeputato di Alba Dorata e padre Giorgos Fountoulis, ucciso a 27 anni assieme a Manolis Kapelonis, di 5 anni più piccolo, dai colpi di una mitraglietta esplosi, a bruciapelo, da due sicari mai identificati.

Gli antagonisti greci si preparano alla mobilitazione ed annunciano delle contro-manifestazioni. Konstantinos Boviatsos, assitente di Alba Dorata al Parlamento europeo, è piuttosto allarmato e descrive al quotidiano Italiano  Il Giornale il clima di tensione che in queste ore si respira nella capitale greca dove, da un lato, fervono i preparativi per la commemorazione di domani e, dall’altro, sono in cantiere anche diverse contestazioni. 

“La situazione è molto tesa, c’è tanta rabbia, potrebbe succedere di tutto - spiega Boviatsos - sembra di esser tornati negli anni Settanta”. Quando gli domandiamo perchè, secondo lui, le istituzioni hanno permesso che si venisse a creare una situazione potenzialmente così esplosiva risponde: “cercano la reazione per squalificare il nostro gruppo che negli anni si è conquistato la stima del popolo greco”.

Intanto dalla direzione del partito greco, però, fanno sapere che nonostante il parere negativo delle autorità locali la cerimonia si svolgerà regolarmente e gli iscritti di Alba Dorata si preparano a scendere in piazza, a migliaia, domani. Lungo le vie di Neo Iraklio si snoderà, come ogni anno, un lungo corteo che dal luogo dell’omicidio raggiungerà il cimitero dove riposano Giorgos e Manolis.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI