Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Venerdì, 19 Agosto 2022

Enzo Foglia, la seconda g…

Lug 28, 2022 Hits:488 Crotone

Al Taormina Film Fest tri…

Lug 20, 2022 Hits:488 Crotone

La nuova raggiera in oro …

Giu 30, 2022 Hits:665 Crotone

Imparare a realizzare un …

Giu 22, 2022 Hits:686 Crotone

Sacro Cuore: una devozion…

Giu 20, 2022 Hits:718 Crotone

La Fondazione D’Ettoris t…

Giu 14, 2022 Hits:1039 Crotone

A scuola da Tolkien

Mag 21, 2022 Hits:1019 Crotone

Renzi ai microfoni di Rtl 102.5 sulla questione morale del PD minimizza

È l'ennesima inchiesta, che scuote il Nazareno dopo quella che ha messo nei guai l'ex consulente del premier, Stefano Graziano, in Campania, a riaprire il tema della questione morale in un partito come il Pd che di questione morale non vogliono mai sentir parlare. Tanto che lo stesso Renzi quando ai microfoni di Rtl 102.5 glielo chiedono lui minimizza: "Riguarda tutti quanti...".

Intanto mentre il sindaco, che è stato interrogato in carcere, si auto sospende dal Pd, il caso finisce anche di fronte al Csm. Il laico del Pd Giuseppe Fanfani chiederà, forse già domani, l'apertura di una pratica in I commissione per verificare "la legittimità dei comportamenti tenuti e dei provvedimenti adottati" in questa vicenda. Ad annunciarlo è lo stesso consigliere, che definisce il provvedimento adottato nei confronti del sindaco di Lodi "ingiustificato e comunque eccessivo".

"Ovviamente - dice il leader Pd - fa male perché impedisce di far vedere cose positive dell'Italia ma serve chiarezza e tranquillità e rispetto al complotto dico 'ma de che'. C'è un'indagine in corso, piena fiducia nei magistrati". "Chi è colpevole - ha aggiunto Renzi - è giusto che paghi ma nessuno tipo di stumentalizzazioni su questo. Non si gridi al complotto, al 'siamo assediati', se i magistrati vedono ipotesi di reato procedano, vadano a sentenza", ha concluso.

"Io mi arrabbio - dice ancora - perchè il mio governo ha aumentato le pene per la corruzione e aumentato la durata della prescrizione sulla corruzione mentre altri hanno votato no. La questione morale c'è dappertutto, c'è qualcuno che ruba, non va bene ma smettiamola di sparare sugli altri. Non c'è destra contro sinistra ma onesti contro ladri".

"M5s e Lega - accusa Renzi - usano due pesi e due misure. Parlare di riforma costituzionale in questa vicenda non c'entra niente, è un tentativo di strumentalizzare una vicenda giudiziaria". "E' molto facile - dice il premier replicando agli attacchi di Salvini - fare battaglia su questo contro altri. Ieri Mantovani è tornato in aula tra la bagarre dopo essere stato indagato per vicende legate a questioni di tangenti e corruzione".

"Un complotto dei magistrati? Ma de che...". Matteo Renzi incassa l'ennesima tempesta giudiziaria che travolge il sindaco piddì di Lodi Simone Uggetti e tocca da vicino il vicesegretario dem Lorenzo Guerini.

"Questa inchiesta fa male". All'indomani dell'arresto di Uggetti, invischiato in una brutta storia di appalti per le piscine di Lodi, Renzi cerca di tenere botta. "Uno fa di tutto per far vedere le cose positive dell'Italia, è sempre un problema - dice - ma c'è bisogno di grande chiarezza nei confronti dei magistrati, nessun complotto".

E a Rtl 102.5 conferma piena fiducia nei magistrati: "Se saranno colpevoli è giusto che paghino, ma nessun tipo di strumentalizzazione di battaglia politica - ribadisce - nessun complotto". Il problema è che l'inchiesta di Lodi è l'ennesimo fulmine a ciel sereno che si abbatte sui democratici a un passo dalle elezioni comunali. Eppure nemmeno l'ennesima indagine sembra svegliare il premier. Che, anzi, minimizza. "Ma - dice - i partiti non devono sparare sugli altri partiti perché dappertutto ci sono dei casi aperti". E mette in chiaro: "C'è dappertutto una questione morale. Non c'è una destra contro la sinistra, ma qui ci sono gli onesti contro i ladri".

Sul capo di Renzi non pendono solo le inchieste giudiziarie. Prima dovrà passare attraverso il risultato delle elezioni comunali, che a maggio rischiano di rivelarsi un tonfo pesantissimo per il Partito democratico, e la sentenza definitiva sulle riforme costituzionali.

Tra le due il premier teme più il referendum sul ddl Boschi. "È evidentemente che se si perde il referendum io vado a casa - ammette - non posso essere come i vecchi politici di una volta che si mettono la colla alla poltrona". "Abbiamo fatto una proposta al Paese e l'Italia deciderà - continua - è una proposta non di Renzi, ma che si discute da trent'anni". I primi segnali di disaffezione al governo, gli italiani potrebbero già lanciarli nelle urne. Il premier, però, mette le mani avanti: "Chi vince le amministrative dipende dalle città, che c'entra il governo? Noi come il Pd siamo impegnati affinché faccia bella figura, ma le amministrative sono una cosa che non riguarda il governo".

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI