Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Lunedì, 23 Novembre 2020

Tsipras “una soluzione che sia accettabile e che faccia finire l'austerità in Grecia

Accordo tra Tsipras e il Presidente del Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem per avviare un dialogo tra tecnici Ue, Fmi, Bce e greci che studino le distanze che separano l'attuale accordo e le richieste greche. Una prima analisi sarà fatta entro l'Eurogruppo di lunedì. Secondo quanto riferisce la portavoce di Dijsselbloem, il presidente dell'Eurogruppo e Tsipras hanno avuto un bilaterale a margine del vertice Ue nel quale Dijsselbloem ha invitato Tsipras ad avviare un dialogo tra tecnici sui due piani, quello greco e quello europeo. Gli esperti delle istituzioni e quelli greci dovrebbero iniziare gli incontri già domani e capire quanto terreno comune c'è nelle due visioni. Dopo questo lavoro tecnico servirà poi una decisione politica, che l'Eurogruppo dovrebbe essere in grado di prendere lunedì.

Secondo quanto si apprende sparisce la parola Troika da tutti i comunicati, la nota con cui Tsipras e Dijsselbloem siglano l'accordo che dà vita alla missione tecnica per trovare un terreno comune, non contiene mai la parola Troika. Nonostante i tecnici che lavoreranno con i greci provengano proprio da Ue, Fmi e Bce, ovvero le tre istituzioni che compongono la Troika. I greci hanno chiesto di sostituire la parola con il generico "istituzioni".

E stato realizzato il primo incontro tra il premier greco e la cancelliera Merkel. A "presentarli", il presidente francese Francois Hollande nei minuti prima dell'inizio della riunione del vertice Ue. Tsipras si è avvicinato al francese a colloquio con la tedesca, lo ha toccato sulla spalla e Hollande gli ha presentato Merkel: stretta di mano, sorrisi e brevissimo scambio di saluti. Poco dopo Tsipras è andato prendere posto al tavolo, alla sinistra di Matteo Renzi: stretta di mano e scambio di baci sulle guance.

«L'Ue cerca sempre il compromesso, questo è il suo successo. La Germania è pronta ma va detto che la credibilità dell'Ue dipende dal rispetto delle regole e dall'essere affidabili». Così Angela Merkel entrando al vertice Ue che deve affrontare la crisi greca. «Vedremo quali proposte farà Atene, saranno discusse all'eurogruppo lunedì quindi abbiamo ancora qualche giorno».

Per uscire da questo stallo venutosi a creare dopo le elezioni che hanno sancito la vittoria di Syriza la Germania a suo dire e pronta a fare un passo verso il nuovo Governo Ellenico. Anche il Premier Tsipras si è espresso con un certo ottimismo, dicendosi fiducioso sul fatto che verrà trovata “una soluzione accettabile per tutti che faccia finire l'austerità in Grecia e nello stesso tempo faccia tornare l'Unione Europea sulla strada della coesione sociale”.

Per il prolungarsi dei negoziati a Minsk sulla questione ucraina con Merkel e Hollande i lavori sono iniziati con oltre ore di ritardo. Quello che doveva essere un pranzo di lavoro si è quindi trasformato in una cena anticipata. Al primo punto dell'agenda l'Ucraina, poi la Grecia, il cui premier Alexis Tsipras debutta tra i 28, la lotta al terrorismo dopo le stragi di Parigi e il rafforzamento dell'Unione monetaria.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI