Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 19 Gennaio 2021

Beppe Grillo alla Stampa Estera

IMG_20141218_203757

Chi più di tutti attende le dimissioni di Napolitano è il leader 5 stelle che, a Roma per la conferenza stampa sul referendum per l’uscita dall’euro, alla stampa Estera piena di corrispondenti esteri, Il Corriere del Sud presente, ha accolto le parole del capo dello Stato come un atto ormai necessario

Beppe Grillo boccia l'ipotesi che il M5S possa appoggiare l'eventuale candidatura di Romano Prodi al Quirinale

"Vorremmo trovare una persona al di fuori della politica e dei partiti. Lo sceglieremo attraverso la rete. Se lo sceglie un altro partito ed è" una persona "al di fuori di queste logiche, ci sta bene. Lo abbiamo già fatto alla Consulta e al Csm". .

"Vorremmo trovare una persona al di fuori della politica e dei partiti. Lo sceglieremo attraverso la rete. Se lo sceglie un altro partito ed è" una persona "al di fuori di queste logiche, ci sta bene. Lo abbiamo già fatto alla Consulta e al Csm". . Così Grillo sulla partita del Quirinale.....in conferenza alla Stampa Estera a Roma.

"L'Italia deve uscire dall'euro prima che sia troppo tardi": così Grillo sul suo blog, presentando la conferenza stampa presso la sede della Stampa estera a Roma. "Durante il primo week end sono state raccolte migliaia di firme" per il referendum "in tutt'Italia. La raccolta andrà avanti fino a giugno 2015, puntiamo a milioni di adesioni!".

"Noi siamo nati per aumentare ed espandere la democrazia. Siamo nati in rete e siamo usciti con il V-Day per espandere la democrazia. Noi siamo nati con i bilanci partecipati, coi referendum propositivi. Noi siamo questi e abbiamo sempre fatto ciò che abbiamo detto"

"Voglio leggervi una frase, è una intercettazione. Buzzi parlando con Carminati dice: 'il problema è che non ci stiamo più noi. Grillo è riuscito a distruggere il Pd'. Vuol dire che il referente loro a Roma e altrove è un partito che si chiama Partito Democratico", aggiunge.

"Senti parlare i partiti di parole che non hanno senso. Parlano di economia ed intendono finanza. Abbiamo dato nome all'economia invece parliamo di finanza. L'economia non è parlare di soldi", ha detto Grillo.

"Noi dobbiamo combattere le persone attraverso la tv che non ha memoria, poi la gente ci confonde con i partiti - ha aggiunto Grillo -. L'ultimo che dice la parola nel talk show rimane poi nella memoria dello spettatore che sta in casa un po' distratto. Non è la rete dove vai leggi, approfondisci".

"Per una volta hanno fatto decidere i cittadini, gli hanno detto: dateci il due per mille e non hanno preso nulla, non hanno più rimborsi. C'è chi ha incassato 18 euro e chi 24 euro, i partiti non hanno più soldi", ha detto ancora Grillo nel corso della conferenza alla stampa estera.

"Io non voglio passare per quello onesto, ma noi non entriamo nel discorso dello sfacelo" dell'Italia "chi lo ha sfasciato oggi è lì a proporre soluzioni. Non ce l'hanno le soluzioni, ce l'abbiamo noi. Noi dobbiamo poter provare a ristrutturare le macerie di questo Paese."

"Io non ho dubbi che andremo a governare se non ci faremo del male da soli, aspettiamo il cadavere che sta passando", ha detto ancora il leader di M5S.

"Il Movimento è l'interpretazione della vita tra 20 anni, stiamo dentro una struttura dei partiti dove ci hanno messo in un angolo, si sono alleati grazie al Presidente della Repubblica. Dovevamo governare noi che avevamo preso il 25%, perché non ci hanno dato l'incarico?".

Lo scontro però tra Grillo e il Partito democratico non è solo sul tema Quirinale. Il leader del Movimento 5 stelle nel corso della conferenza stampa ha rievocato le intercettazioni tra CarminatiBuzzi, arrestati nell’ambito dell’inchiesta “Mafia capitale”, quando dicevano: “Il problema è che non ci stiamo più noi… una cosa incredibile… Grillo è riuscito a distruggere il Pd”. “Erano i loro referenti”, ha detto il comico. “Il disegno di legge di Renzi contro la corruzione? Fanno decreti su tutto. Ma non sulla corruzione, che stanno rubando tutti. No, sulla corruzione fanno un disegno di legge che ci vogliono due anni per approvarlo”.

 

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI