Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Martedì, 16 Agosto 2022

Berlusconi: il modello spagnolo garantirebbe bipolarismo e coalizione

Il Cavaliere, dunque, vuole giocare la partita in prima persona con tanto di faccia a faccia con Renzi, un modo per confermare plasticamente la sua leadership. Un appuntamento su cui il segretario del Pd preferisce tenere il basso profilo («se lo vedrò ve lo farò sapere prima», dice a Otto e 1/2) ma della cui importanza è consapevole. Al punto che Enrico Letta è convinto che i termini di un eventuale rimpasto si sapranno solo dopo l'incontro tra Berlusconi e Renzi. Fino ad allora «siamo in alto mare», avrebbe detto ieri il premier durante l'incontro con i vertici di Scelta civica
La trattiva la conduce Denis Verdini, che della materia è esperto da tempo e con Matteo Renzi condivide i comuni natali toscani
Tanto che chi ha recentemente assistito alle telefonate tra i due è rimasto colpito dall'uso piuttosto disinvolto e colorito del dialetto fiorentino. La faccia, però, ce la metterà presto Silvio Berlusconi. Intanto perché sarà lui nei prossimi giorni a rispondere pubblicamente al segretario del Pd che ha messo sul tavolo della riforma elettorale il Mattarellum corretto, il sistema spagnolo e il doppio turno di coalizione dei sindaci.
Intanto Renzi ha chiarito che non accetterà i diktat né di Silvio Berlusconi né di altri sulla legge elettorale. «Abbiamo scritto una lettera, come Pd, dicendo: ci sono tre ipotesi diverse di tre legge elettorale. Il Pd fa un passo indietro, non impone una legge», ha spiegato il segretario del Pd rispondendo, a Otto e mezzo, a una domanda sulla richiesta di Berlusconi di legare la riforma elettorale a elezioni anticipate. «Non è che non li facciamo noi che siamo il primo partito» i diktat e li fanno altri, ha chiarito, «non è che le condizioni le possono fare gli altri. Dico confrontiamoci, ma senza mettere dei diktat, dire `la voto solo se fa cosi´». Dunque diktat «da nessuna parte. Non li fa il Pd, non li fa Berlusconi, non li fa nessuno degli altri», ha ribadito.
Al di là della linea piuttosto prudente uscita ieri dalla riunione tecnica di Forza Italia che si è tenuta alla Camera, scrive il Giornale continua infatti ad essere questo il modello che convince di più il partito del Cavaliere. Così come pure il Pd renzizzato, a meno che non si voglia considerare casuale l'uscita pro-sistema iberico di Maria Elena Boschi, responsabile riforme del Pd. Sul punto si è sostanzialmente convenuto nell'incontro organizzato dai capigruppo di Forza Italia Renato Brunetta e Paolo Romani. Secondo il quotidiano alla riunione hanno partecipato i vice vicari Mariastella Gelmini e Anna Maria Bernini, il presidente della commissione Affari Costituzionali di Montecitorio, Francesco Paolo Sisto, il senatore Donato Bruno, membro della commissione Affari costituzionali del Senato, e i già coordinatori del Pdl Sandro Bondi e Denis Verdini. Oltre a Giovanni Toti, direttore di Studio Aperto e del Tg4 e in predicato per la vicepresidenza di Forza Italia. Per lui è stata la “prima” ad una riunione ufficiale del partito, una sorta di battesimo del fuoco. A cui Toti - presente «per conto di Berlusconi» - ha approcciato con una certa discrezione, limitandosi ad ascoltare i vari interventi che si sono succeduti. Primo fra tutti quello di Verdini che ha fatto un excursus dei tre modelli messi sul tavolo da Renzi analizzandone pro e contro con tanto di proiezioni sui seggi di Camera e Senato basate sugli ultimi sondaggi. E tutti o quasi sono stati d'accordo nel propendere proprio per il modello spagnolo con collegi su base provinciale, ricco premio di maggioranza al 15% e sbarramento all'ingresso (almeno il 5%).
Anche Berlusconi secondo il Giornale starebbe su questa linea, convinto - questo avrebbe confidato ieri a chi ha avuto occasione di incontrarlo ad Arcore - che il modello spagnola da una parte garantirebbe il bipolarismo e dall'altra «salverebbe» la coalizione di centrodestra perché visto lo sbarramento il Ncd di Angelino Alfano non potrebbe che correre alleato a Forza Italia.
Per il momento, però, nessuna presa di posizione ufficiale. Un po' per non scoprire troppo le carte, un po' perché Brunetta continua a sponsorizzare il Mattarellum corretto. Così, la nota che segue le tre ore di incontro a Montecitorio è sostanzialmente interlocutoria: «C'è stato un accurato approfondimento delle diverse proposte di Renzi che consentirà a Berlusconi di «formulare una rapida risposta al segretario del Pd».
.
Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI