Login to your account

Username *
Password *
Remember Me

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha
Giovedì, 29 Ottobre 2020

Hamm e Crotone, un'amiciz…

Ott 07, 2020 Hits:1081 Crotone

Cerrelli: “Vile attacco a…

Set 14, 2020 Hits:1574 Crotone

Grande successo per la mo…

Set 11, 2020 Hits:1094 Crotone

Ad Amadeus il "Premi…

Ago 27, 2020 Hits:1798 Crotone

Le colonne d'oro di Miche…

Ago 04, 2020 Hits:2558 Crotone

Centro storico ripulito d…

Ago 03, 2020 Hits:2059 Crotone

Nuovo look per Isola Capo…

Lug 21, 2020 Hits:2050 Crotone

Michele Affidato firma i …

Lug 16, 2020 Hits:2004 Crotone

Cancellieri: "non credo" che il governo sia vicino al collasso

Sull'Imu e sull'agibilità politica di Berlusconi "non credo" che il governo sia vicino al collasso. Lo ha detto il ministro della Giustizia, Annamaria Cancellieri, intervistata a Start su Radio 1.
"Io non credo che questo avvenga", ha risposto Cancellieri in vista domani del Cdm sull'Imu e di una possibile crisi di governo su questo punto. "Non sono addetta alla materia, ma la sensazione e la mia opinione è che si troverà il punto di incontro". Quanto al 9 settembre e alla riunione giunta per l'immunità del Senato, che dovrà valutare la decadenza di Berlusconi, "questa è proprio materia che attiene strettamente alla politica. La politica sta lavorando, ma complessivamente sono fiduciosa", ha detto
Nessuna ''perplessità'': ''abbiamo chiesto un'istruttoria dell'ufficio ispettivo perché le polemiche sull'intervista e una serie di articoli di stampa richiedono un minimo approfondimento. L'ufficio sta lavorando, non so ancora gli esiti, attendo che mi diano il materiale''. Lo ha detto il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri a Rai Radio 1 in merito alle verifiche avviate sul giudice Antonio Esposito - che ha presieduto il collegio della Cassazione che confermato la condanna di Silvio Berlusconi nel processo Mediaset - e l'intervista rilasciata il 6 agosto dal magistrato al Mattino.

''Adesso non c'è più tempo. O vanno a casa loro, o va a casa il Paese. In mezzo non c'è nulla. Prepariamoci alle elezioni per vincerle''. Cosi' Beppe Grillo sul suo blog dove in un post intitolato ''E' finito il tempo delle mele'' avverte: ''Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare''. Il leader del M5S scrive anche nel suo blog che solo qualche ''anima bella'' pensa di poter correggere ora il Porcellum. Poi ripete: ''E' necessario tornare immediatamente alle elezioni e poi, se governerà il M5S, cambiare in senso democratico la legge elettorale, farla approvare da un referendum e incardinarla in Costituzione. C'è forse qualche anima bella che crede di poterla cambiare con chi non ha mosso un dito in otto anni e che vorrebbe una Repubblica presidenziale con il Parlamento ridotto a uno stuoino?''.

''Gli italiani trattati come servi. Questi vanno cacciati a calci nel culo. Ogni voto, un calcio in culo''. Cosi' Beppe Grillo torna a suonare la chiamata alle armi del popolo Cinque Stelle dal suo blog. ''Il Sistema protegge sé stesso come una belva feroce. Non cede su nulla. Nessun taglio ai privilegi, dalle pensioni d'oro, ai finanziamenti elettorali''. C'e', afferma, ''l'indifferenza più completa verso la volontà popolare''intanto ....

Se da un lato c'è Guglielmo Epifani che continua ad annunciare che il Pd voterà a favore della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi, dall'altro lato della barricata trovi personaggi che non ti aspetti.

Come Pier Ferdinando Casini e Mario Monti. "La grazia? È una ipotesi che non troverei affatto scandalosa", ha dichiarato al Foglio l'ex premier.

Che poi ha aggiunto: "Non sfugge l'eccezionalità del caso Berlusconi, ma il punto è la sua condanna che non può certo essere cancellata dal Senato, neppure nei suoi altri effetti di legge che, lo ripeto, il Parlamento (e in buona misura gli stessi parlamentari che oggi dissentono) votarono nove mesi fa in piena consapevolezza. I casi eccezionali vanno casomai affrontati con provvedimenti d’eccezione, ad esempio la grazia, che non troverei affatto scandalosa, a differenza di Beppe Grillo, proprio per il ruolo che Berlusconi ha avuto".

"Ci vuole equilibrio. I professori Onida, Capotosti, D'Onofrio riflettono sulla possibilità che il Senato chieda un approfondimento alla Corte Costituzionale, non scartiamola a priori, uno Stato di diritto non prevede i saldi di fine stagione, ma dobbiamo essere consapevoli che questa non è una vicenda come le altre. Berlusconi non è un condannato qualsiasi, è un signore che nonostante le condanne giudiziarie continua a essere il leader di quasi metà del Paese", spiegava ieri Casini in merito alla legge Severino.

Tornando in casa democratica invece volano gli stracci. E l'unità si è già rotta da tempo. Infatti, ogni giorno spunta un nuovo esponente del Pd che apre al Cav e va contro la linea del segretario. "La Corte di Lussemburgo potrebbe essere interpellata perché dica se in base alla normativa europea, applicabile anche in Italia, la legge Severino dà luogo a pena, non retroattiva, o a un semplice effetto sulla condanna", ha dichiarato Luciano Violante. "Se esiste la possibilità di ricorrere alla corte di Strasburgo, non vedo come questa possibilità possa essere negata a Berlusconi. Deve poter utilizzare tutti gli strumenti a disposizione", gli ha fatto eco Giampaolo Galli. "Aspetto di sentire l’altra campana e di capire. Anche perché è la prima volta che questa legge viene applicata", ha affermato Giorgio Tonini.

Pubblicità laterale

  1. Più visti
  2. Rilevanti
  3. Commenti

Per favorire una maggiore navigabilità del sito si fa uso di cookie, anche di terze parti. Scrollando, cliccando e navigando il sito si accettano tali cookie. LEGGI